Nuovi licenziamenti in Ucraina per combattere la corruzione

Nell’ambito della lotta contro la corruzione pubblica, il governo ucraino ha espulso due alti funzionari del Servizio statale per le comunicazioni private e la protezione delle informazioni. Secondo l’accusa emessa dalla magistratura ucraina, i due avrebbero sottratto più di 1,5 milioni di euro tra il 2020 e il 2022 acquistando software per servizi governativi.

Licenziamento dei funzionari È stato inviato tramite il servizio di messaggistica Telegram Lo ha annunciato Taras Melnychuk, rappresentante del governo del presidente Volodymyr Zelensky alla Verkhovna Rada dell’Ucraina. Secondo lui, la questione riguarda Yuri Shihol, capo dell’agenzia governativa competente, e il suo vice, Viktor Ziora. I licenziamenti fanno parte di una serie di misure anti-corruzione adottate dal governo di Zelenskyj negli ultimi mesi. Ciò ha già portato a un’ondata di licenziamenti tra dipendenti pubblici e ministri, anche nel Ministero della Difesa.

Shihol e Zahora si preoccupavano principalmente di proteggere il governo ucraino dagli attacchi informatici russi, poiché il governo ucraino riceve il sostegno di vari alleati occidentali. Secondo l’accusa, i due avrebbero sottratto fondi governativi pagando prezzi gonfiati per software e attrezzature. Per raggiungere questo obiettivo, hanno collaborato con due società governative.

Non dare

IL Posta di Kiev Ha riferito martedì mattina Questa indagine condotta dall’Ufficio nazionale anticorruzione dell’Ucraina ha rivelato che l’acquisizione di software e apparecchiature è stata deliberatamente classificata come “segreta” in modo da poter evitare gli appalti pubblici. In questo modo è stato chiaro in anticipo quale azienda avrebbe ricevuto l’ordine ed è stato possibile concludere accordi sui prezzi.

Il governo ucraino è afflitto da scandali di tangenti e corruzione da anni, anche prima dell’invasione su larga scala della Russia nel febbraio 2022. Zelenskyj ha vinto le elezioni presidenziali del 2019 con la promessa di combattere gli abusi diffusi. Eliminare la corruzione non è solo di grande importanza per Zelenskyj per continuare la guerra contro la Russia, ma incide notevolmente anche sulla possibile adesione all’Unione Europea.

READ  La Cina è arrabbiata per le critiche dei Paesi Bassi e di altri paesi | All'estero

All’inizio di settembre il ministro della Difesa Oleksiy Reznikov è stato licenziato a causa di una serie di scandali di corruzione. Ciò ha segnato il cambiamento più significativo nel governo dallo scoppio della guerra su vasta scala con la Russia.

Dalla nomina di Rustam Omerov a Ministro della Difesa, i necessari cambiamenti sono stati attuati anche nel servizio militare. Il presidente Zelenskyj lo ha annunciato domenica scorsa Nel suo discorso quotidiano ha annunciato la sostituzione del capo del ramo medico delle forze armate, il maggiore generale Tetyana Ostashenko. Tuttavia, il motivo del suo licenziamento sembra essere lo scarso rendimento dell’unità medica dell’esercito. “Dobbiamo raggiungere un livello fondamentalmente più elevato di supporto medico per i nostri soldati”, ha detto Zelenskyj dopo aver consultato Omerov. Ostashenko è stato sostituito dal maggiore generale Anatoly Kazmerchuk, direttore di una clinica militare nella capitale Kiev.

Leggi anche
I coscritti ucraini riuscirono a evitare la guerra per false ragioni

Zelenskyj ha espresso la sua insoddisfazione per la situazione dell’assistenza medica delle truppe al fronte, nonché per l’organizzazione dell’unità dell’esercito. Si riferiva, tra le altre cose, al miglioramento delle comunicazioni, alla digitalizzazione e alla rotazione del personale medico, ma anche a cose come il miglioramento dei lacci emostatici e delle bende compressive che vengono posizionate intorno agli arti per fermare il sanguinamento arterioso. Medici e infermieri delle forze armate si sono lamentati, dopo l’invasione russa, della qualità delle risorse che utilizzano per curare i soldati feriti al fronte.

Zelenskyj ha sottolineato domenica che è necessaria urgenza, data la situazione sulla linea del fronte lunga 1.000 chilometri, dove le forze armate ucraine sono sotto pressione a causa degli attacchi russi in diversi luoghi. Ha aggiunto: “C’è rimasto solo un po’ di tempo per aspettare i risultati”. “È necessaria un’azione rapida per i cambiamenti imminenti.”

READ  Il presidente brasiliano pone fine a "30 pistole a persona" | al di fuori

I medici militari curano i soldati ucraini feriti nella regione di Bashmut, il 14 novembre
Fotografia di Anatoly Stepanov/AFP

Attacco estivo

L’offensiva estiva ucraina, iniziata a giugno, ha finora prodotto pochi risultati tangibili in termini di riconquista del territorio. I continui attacchi ucraini contro le posizioni russe nel sud si sono conclusi con vasti campi minati russi, dopo un inizio promettente per Kiev. In diversi luoghi lungo la linea del fronte, compreso il nord del Donbas e vicino alla città di Avdiivka, vicino alla città di Donetsk, le stesse forze russe stanno lanciando l’offensiva.

Leggi anche
Quanto sono preparati gli ucraini a combattere se i successi non si materializzassero?

Un soldato ucraino ferito riceve cure in un centro medico nella regione di Bashmut.

Sembra che Kiev possa trarre qualche speranza da un gruppo di operazioni sulla riva sinistra del fiume Dnipro, a est della città di Kherson. Le forze ucraine hanno attraversato il fiume in diversi punti e finora sembrano riuscire a mantenere le loro posizioni. Ma lo ha detto martedì il ministro della Difesa russo Sergei Shoigu Lo riferisce l’agenzia di stampa francese Nello specifico, i russi hanno contrastato i tentativi ucraini di sbarcare sulla riva sinistra del fiume Dnipro. “Tutti i tentativi delle forze armate ucraine di effettuare un’operazione di sbarco nella regione di Kherson sono falliti”, ha detto Shoigu ai funzionari della difesa. Ha aggiunto: “Grazie alle misure preventive del nostro esercito, le forze armate ucraine hanno subito pesanti perdite”.

All’inizio di questo mese, il comandante delle forze armate ucraine, generale Valery Zalozhny, ha dipinto un quadro desolante delle possibilità di successo dell’Ucraina nella controffensiva. Ha detto dentro incontrandosi con L’economista Riteneva che le possibilità di ottenere una svolta importante attraverso le linee russe fossero scarse e indicava che c’era una situazione di stallo nella guerra.

READ  Crypto Millionaire regala alla sua ragazza keniana un'enorme quantità di denaro, ma la polizia la pensa diversamente | all'estero

Più di 10.000 civili ucraini sono stati uccisi dall’invasione russa dello scorso febbraio. Lo ha annunciato martedì l’Alto commissariato delle Nazioni Unite per i diritti umani, secondo l’agenzia di stampa Reuters. Tuttavia, l’agenzia delle Nazioni Unite afferma che il numero effettivo delle vittime tra i civili ucraini è “significativamente più alto” rispetto al conteggio ufficiale.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24