Opinione | Se vogliamo davvero affrontare il problema climatico, la scienza non può fare a meno delle aziende fossili

Non si sente più parlare molto di piogge acide o di buco nello strato di ozono. Questo perché entrambi i problemi sono stati affrontati attraverso una fruttuosa collaborazione tra scienziati, governo e industria. Tutte le parti devono anche lavorare per risolvere i principali problemi ambientali globali che attualmente affrontiamo.

Non tutti sono d'accordo. Nella nostra istituzione, l’Università di Leiden, si discute se le università debbano tagliare tutti i legami con le aziende dell’industria fossile. Lo ha raccomandato all’inizio di questo mese il consiglio universitario, composto da studenti e dipendenti. Ciò è avvenuto dopo il forte incoraggiamento dei nostri colleghi di Leida Corsten, Kroes e Schaafsma Consiglio norvegese per i rifugiati (Fine della collaborazione con le società di scavo19/1).

Noi, due professori e uno studente, troviamo questo passo sconsiderato. Il Consiglio della Lega spera che la rottura dei legami costringa le aziende petrolifere a diventare più ecologiche su larga scala. Ma la transizione energetica è così complessa e su vasta scala che tutte le parti devono partecipare per accelerarla. E lo stesso fanno le compagnie petrolifere.

Produzione di massa

La ricerca accademica genera costantemente nuove idee e tecnologie che possono aiutare a sostenere la nostra economia e società. Tuttavia, le invenzioni accademiche avranno un impatto sul problema climatico solo se in seguito potremo ampliarle, ovvero passare alla produzione di massa. Un pezzo di plastica priva di petrolio può essere facilmente realizzato in un piccolo laboratorio, proprio come una bombola di idrogeno verde. Ma solo quando saremo in grado di produrre miliardi di chilogrammi di plastica e idrogeno sostenibili saremo davvero in grado di affrontare il problema delle emissioni.

READ  I malati di cancro rari hanno meno possibilità di sopravvivenza

Anche le imprese di scavo devono investire seriamente nella ricerca sostenibile

Per questo motivo è molto importante la collaborazione tra università e soggetti commerciali. Solo l’industria dei combustibili ha l’esperienza, le conoscenze e il capitale per costruire i grandi impianti necessari, ad esempio per l’idrogeno. Molto è già stato ottenuto lavorando insieme in questo modo; Più di quanto molte persone si rendano conto. Questo accadeva nel 2023 Circa la metà L’elettricità olandese proviene da fonti sostenibili. Frutto diretto della ricerca universitaria e industriale del recente passato.

Per essere chiari: uno degli autori di questo articolo, Mark Cooper, è coinvolto in progetti di collaborazione in cui è coinvolta anche Shell. Alcuni degli argomenti su cui le aziende stanno indagando sono estensioni della sua stessa ricerca. L'acquirente non riceve alcun contributo finanziario, ma è convinto che grazie alla cooperazione il mondo diventerà migliore e più efficace.

Naturalmente comprendiamo lo scetticismo del Consiglio universitario nei confronti dell'industria fossile. Sosteniamo pertanto l'approccio “bastone e carota”. La carota rappresenta collaborazione e prospettiva, poiché le aziende petrolifere possono collaborare con gli scienziati per rendere disponibile alla società una tecnologia sostenibile chiave.

Tuttavia è necessario anche uno stick correttivo. Le giustificate esitazioni riguardo all’industria dei combustibili fossili, che spesso antepongono il valore degli azionisti al clima, devono essere trasformate in linee guida chiare. Presentare richieste è legittimo e possibile: alle aziende non è consentito utilizzare la cooperazione come pubblicità (insomma, divieto di Greenwashing), la cooperazione è consentita solo se è utile alla transizione energetica e anche le aziende produttrici di combustibili fossili devono investire seriamente nella ricerca sostenibile.

READ  Il comportamento è ancora difficile da prevedere

Ciclo ascendente

Insieme alla conversione dei sussidi per i combustibili fossili in sussidi rispettosi dell’ambiente, preferibilmente a livello europeo, ciò costituisce un percorso più efficace verso l’ecologizzazione. Vietare semplicemente la cooperazione non è saggio. È controproducente. Non solo perché rallentiamo il processo di espansione, ma anche perché interrompiamo il ciclo ascendente della scienza e della tecnologia. Vogliamo rafforzarlo nel caso del clima.

Leggi anche
Lasciamo che le università diano un’altra possibilità all’industria fossile

Proteste contro l'industria fossile.

Inoltre, un simile divieto costituisce un pericoloso precedente. Perché chi è lo studioso accademico a cui non è più consentito collaborare con lui? Con le banche? O l'industria farmaceutica? Con la Cina? O gli Stati Uniti?

Vogliamo sfruttare l’attuale dibattito sulle università che collaborano con le aziende fossili per stabilire regole chiare. Regole che possono essere applicate anche alla cooperazione con altri settori. Non vietiamo tutto, ma scegliamo piuttosto un approccio ponderato che ignori le emozioni (comprensibili). Non dovremmo limitare la scienza, ma piuttosto usarla più intensamente per affrontare la più grande sfida degli ultimi secoli – in collaborazione con tutte le parti. Se non lo facciamo, danneggeremo noi stessi e il clima molto più di quanto pensiamo.



We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24