Padre Dominic consacrerà la Messa pasquale al fronte, con un autobus carico di equipaggiamento militare

Il suo grosso camion bianco è pieno di rifornimenti militari. Le truppe al fronte comunicano in anticipo ciò di cui hanno bisogno. Ora ci sono sacchi a pelo, vestiti dell’esercito, occhiali per la visione notturna, ginocchiere e bende. Ma questa volta padre Domenico ha portato anche la basca, il tradizionale dolce pasquale. Domenica, gli ortodossi ucraini celebreranno la Pasqua, e padre Dominic lo farà in primo piano in Oriente.

Dominic, 32 anni, guiderà questo fine settimana per la decima volta dall’estremo Ucraina occidentale all’esercito a Kharkov. È sacerdote della Chiesa greco-cattolica. La distanza da Leopoli, circa mille chilometri, è troppo grande per guidare un’auto in un giorno. Per questo trascorse la notte nel monastero di suor Josephata.

Josephata è rimasta solo nel piccolo edificio nella regione di Poltava. Le altre suore sono fuggite dalla guerra. “Fa paura di notte”, dice. “Ma poi preghiamo. Durante le sirene, non scendiamo al piano di sotto, perché non è necessario a causa della nostra fede. Pregare in quei momenti. È la cosa più potente che ci sia”. Cantano insieme in chiesa. “Preghiamo per il nostro paese d’incontro, per il nostro governo e per tutto il nostro esercito”.

Dominic ha smontato le sue cose. Porta con sé diversi eserciti di sacerdoti, con un equipaggiamento minimo per dire messa. Croce di legno, Bibbia, tappeto e lumino. In primo piano, a volte usa casse di munizioni come altare. Se necessario, trasportare un blocco in una trincea o in un rifugio antiaereo.

Ha anche una bottiglia di plastica con acqua santa in cui benedire i soldati. “Con questo sostengo le loro anime. Facciamo loro capire che Dio è con loro. Perché compiono grandi imprese. Perché Dio ha detto che non c’è sacrificio più grande che dare la vita per un altro”.

READ  Attacchi aerei a Khartoum, il cessate il fuoco sembra lontano

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24