TGcomnews24

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, reportage e podcast relativi all'Italia

Philip Frix parla apertamente della morte di suo fratello

Sebbene venisse da Utrecht, non si è mai sentito a casa lì. Voleva una vita più grande e più eccitante. Quando gli è stato chiesto se gli sarebbe piaciuto tornare di nuovo in città, ha risposto che è successo solo di recente. “La città è stata a lungo chiamata.”

Arrivederci

Freriks ha detto addio trasferendosi a Parigi in giovane età. “L’ho annunciato una sera e il giorno dopo sono andato. Sul treno, mi sono sentito rilassato. Sono contento di aver lasciato la tristezza alle spalle.”

Con questa tristezza, Frix intende il dolore di perdere suo fratello maggiore. “È stato colpito dai canadesi durante la seconda guerra mondiale. Ha avuto un enorme impatto sulla nostra famiglia. Porto ancora con me questa tristezza. Fa parte della mia storia e della mia identità”.

Layla

A Parigi, l’ormai 76enne Freriks lavorava come giornalista. È lì che ha incontrato sua moglie più di cinquant’anni fa: Lily, una donna francese. “Avevo i biglietti per il festival jazz e uno spettacolo per Miles Davis. È così che l’ho battuta.”

Qual è il ruolo di tua moglie quando si tratta della tua carriera? Qualcuno ne ha un’idea? Özkan Akyol gli chiede: “Sì, sicuramente l’ho fatto. Pensa che potrebbe essere un po ‘più basso. È un punto di discussione “, Frix ride a disagio, dice,” Non puoi restare a casa. “Ascolto, ma sto cercando di trovare un compromesso”.

Leggi anche
Hadewych Minis grida in “Stars on the Canvas”: “Non so perché mi ha colpito così tanto”