Piani di gestione scadenti per i fiumi europei

Gli Stati membri dell’Unione Europea fanno ancora pochi sforzi per raggiungere gli obiettivi della Direttiva Quadro sulle Acque (WFD). Ad esempio, spendono ancora molti soldi del governo in politiche e settori che ostacolano il raggiungimento di un buono stato ambientale, chimico e di qualità dell’acqua. E’ questa la conclusione a cui è giunta la Coalizione delle Organizzazioni Europee per la Conservazione della Natura dopo aver studiato la bozza dei nuovi piani di gestione dei fiumi e dei loro bacini idrografici. Molti piani falliscono. Conclusione: anche nel 2027 11 dei 13 bacini idrografici censiti non saranno intatti.

Lo studio “The Final Run of Europe’s Rivers” valuta progetti di piani di gestione dei bacini idrografici (RBMP) per il periodo 2022-2027. Le organizzazioni per la conservazione affermano che i piani sono di importanza cruciale poiché si riferiscono all’ultimo periodo della Giornata mondiale dell’alimentazione. Lo strumento politico europeo volto a proteggere gli ecosistemi e le risorse idriche continua fino al 2027. Mancano ancora sei anni e molte acque sono tutt’altro che pulite, sia dal punto di vista chimico che ambientale.

Il quadro globale per l’azione sull’acqua afferma che gli Stati membri dell’UE devono sviluppare programmi di azione congiunti per ciascun bacino fluviale, che dovrebbero affrontare tutti gli aspetti dell’acqua. Questo è soggetto ad obbligo I piani di gestione dei bacini idrografici vengono aggiornati ogni 6 anni. Il prossimo anno partirà un nuovo periodo. I Paesi Bassi fanno parte di 4 bacini fluviali internazionali, vale a dire il Reno, la Mosa, la Schelda e l’Ems.

Valutazione di progetti di piani di gestione dei bacini idrografici | Fonte: La corsa definitiva per i fiumi d’Europa

Cattivo
Le ONG hanno esaminato le bozze di piani pubblicate prima del maggio 2021. È stata valutata anche una bozza di piano di gestione per il bacino del Reno olandese che rientra nella categoria dei “poveri”, affermano le organizzazioni. Questo vale anche per 2 italiani, 2 tedeschi e l’internazionale Oderplan. Solo due dei 13 hanno realizzato buoni piani di gestione, entrambi in Finlandia.

Nel complesso, gli Stati membri hanno migliorato i loro “inventari, strumenti e standard”, ma il loro livello di ambizione rimane basso, secondo il sondaggio. “In alcuni casi, le bozze di piani di gestione basati sui risultati presuppongono che gli obiettivi non saranno raggiunti prima del 2050”.

Il basso livello di ambizione è evidenziato dalle numerose deroghe e dalle limitate risorse per attuare i programmi del Dipartimento. “Ciò è dovuto al fatto che i costi ambientali e delle risorse non vengono recuperati da settori economici forti come l’energia, l’agricoltura e le spedizioni”, afferma il rapporto. “Questo riflette la resistenza al cambiamento degli interessi acquisiti”.

settori
Il rapporto afferma che gli Stati membri “generalmente” non riescono a integrare le misure di conservazione e gli obiettivi ambientali per guidare il Quadro europeo delle acque per l’acqua in altre aree politiche. Ciò è particolarmente vero per i settori dell’energia, dell’agricoltura e delle infrastrutture, e in particolare per le industrie maggiormente responsabili del degrado ambientale e della perdita di biodiversità acquatica.

Questa scoperta è in linea con la revisione della politica idrica europea del 2019, quando si è scoperto che “l’attuazione lenta, i finanziamenti inadeguati e l’insufficiente integrazione degli obiettivi ambientali nelle politiche settoriali” sono i principali vincoli alla conservazione e al ripristino dei corpi idrici. Il rapporto afferma che la scarsa attuazione dei piani di gestione dei bacini idrografici è “estremamente controproducente” per le ambizioni del Green Deal europeo.

Le organizzazioni ambientaliste olandesi Natuurmonumenten, Waddenvereniging, Natuur & Milieu, LandschappenNL, World Wildlife Fund e Vogelbescherming Nederland stanno utilizzando il rapporto per richiedere una lettera al Parlamento per ulteriori misure “urgenti” per raggiungere gli obiettivi della direttiva quadro sulle acque. ottenere. Ciò dovrebbe essere ottenuto attraverso il Programma nazionale per le acque, i Piani di gestione dei bacini idrografici e il nuovo Programma d’azione per la gestione dei nitrati.


rinunce
I Paesi Bassi sono uno dei paesi europei che beneficiano di più delle esenzioni, secondo il rapporto “The Final Race to Europe’s Rivers”. Le esenzioni ai sensi dell’articolo 4, paragrafo 4, si applicano a quasi tutti i 515 corpi idrici, in molti casi semplicemente riferendosi a “costi sproporzionati” e “infattibilità tecnica”, secondo il rapporto. Il rapporto afferma che le esenzioni ai sensi dell’articolo 4, paragrafo 6, sono aumentate in modo allarmante. Si dice che si basi sull'”uso improprio” della “secchezza” come “circostanza naturale”.

READ  Honda produrrà il primo motore "Red Bull" nel 2022: "Garantire l'atterraggio più morbido possibile"

maggiori informazioni
L’ultima corsa dei fiumi d’Europa (pdf)

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24