TGcomnews24

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, reportage e podcast relativi all'Italia

Piano di ripresa dell’UE: il piano Marshall per l’Italia non è una priorità per i Paesi Bassi

Oggi è l’ultimo giorno in cui i paesi dell’UE possono presentare i propri bilanci per il Fondo di rimborso dell’UE. Per questo fondo sono stati stanziati 800 miliardi di euro. Sebbene altri paesi abbiano già presentato i loro piani, il gabinetto olandese non sembra ancora lavorare su un piano.

Piano Marshall

“Questo è sicuramente visto come un’occasione unica e ultima per trasformare l’Italia”. Dice la corrispondente italiana Pauline Walknett. L’Italia riceverà la maggior parte dei finanziamenti per 200-200 miliardi. Quei soldi sono i benvenuti perché l’Italia è stata duramente colpita dalla crisi economica a seguito dell’epidemia di corona.

Per saperne di più | Germania e Francia vengono cacciate con i fondi di salvataggio

Modernizzazione

Secondo Walknet, l’Italia ha sviluppato un importante piano per utilizzare il denaro. Molto di questo va nella sostenibilità, come rendere i pannelli solari e le case più efficienti dal punto di vista energetico. Anche la digitalizzazione è un aspetto importante del progetto. “L’Italia vuole installare la fibra in piccoli borghi”.

Per saperne di più | Fondo europeo di salvataggio all’ordine del giorno a Bruxelles

Priorità per armadietto piccolo

Mentre l’Italia attende con impazienza il sostegno, non esiste ancora un piano di ripresa nei Paesi Bassi. I Paesi Bassi potrebbero chiedere da cinque a sei miliardi di euro. Il corrispondente dell’UE Stephen de Vries lo definisce “assurdo”. “Mark Rutte assume la forma di creare un piano oltre la creazione perché solo un nuovo gabinetto può farlo.” I Paesi Bassi possono ancora presentare un piano in un secondo momento e richiedere la sua quota al fondo.

Per saperne di più | Rutte: L’Italia ottiene i pesi massimi politici con Troy

READ  Nel frattempo nella borsa | Speciale Gerodenews ISN e EF, Giro diventa più stabile

Dubbi

Secondo de Vries, ci sono dubbi sui piani ambiziosi del governo italiano. “L’economia italiana è andata male per molto tempo prima dell’inizio della crisi Corona”. Secondo de Vries, il premier italiano ha delle credenziali perché era anche a capo dell’ECP. Tuttavia, de Vries afferma che alla fine l’UE non avrà molta scelta. “L’intera economia europea deve andare meglio. Se va meglio per l’Italia, andrà meglio per l’Ue”.