Più suini infetti in Italia nel primo trimestre rispetto al 2022

Il numero di cinghiali infettati dalla peste suina africana in Italia è salito a 299 nei primi tre mesi di quest’anno, più che nel 2022, il primo anno in cui il virus infettivo è stato rilevato nei cinghiali nell’Italia continentale. .

Nel primo trimestre del 2023, tutti i cinghiali infetti da peste suina africana sono stati rilevati nelle regioni nord-occidentali della Liguria e del Piemonte. I suini infetti sono stati trovati principalmente ai margini dell’area interessata, soprattutto al nord. Pertanto, le zone di sorveglianza vengono ampliate lì. A ovest sono già pronte recinzioni permanenti attorno all’area colpita, ma non ancora a est.

Nessuna nuova infezione da virus è stata rilevata nell’area intorno a Roma dal 17 settembre. Nell’isola della Sardegna, dove la peste suina africana è endemica da decenni, quest’anno si è verificato un focolaio in un’azienda agricola a causa di un ceppo diverso rispetto all’Italia e all’Europa continentale. La malattia virale nel cinghiale sembra essere quasi sotto controllo in Sardegna. Non sono stati trovati altri cinghiali infetti. Anche l’esame dei cinghiali cacciati non ha rilevato animali infetti. L’isola cerca attivamente vecchie carcasse di cinghiali, che vengono poi smaltite.

Germania

Quest’anno in Germania sono stati rilevati 476 cinghiali infettati dalla peste suina africana. Il 28 febbraio è stata colpita una fattoria per hobby. Secondo gli esperti dell’Istituto tedesco Friedrich Loeffler, l’inquinamento dell’agricoltura ricreativa proviene principalmente dai cinghiali. Sono stati testati per la peste suina africana due allevamenti amatoriali entro una zona di 3 km intorno all’allevamento interessato e 31 allevamenti (hobby) con un totale di 3.665 suini entro 10 km. Nessuna di queste entità è stata infettata.

READ  Femminicidio 107 L'ultima goccia in Italia - De Kron Amsterdam

La società di intrattenimento interessata si trova nel sobborgo di Cottbus. Si trova nella parte settentrionale della regione della Sprea-Neiße. 20 suini infetti sono stati trovati a Cottbus e 168 a Spree-Neiße. La regione confina con lo stato tedesco della Sassonia, dove la peste suina africana causa ancora molte epidemie. Un totale di 277 maiali sono stati infettati lì.

Droni e forze cinofile

Negli stati del Brandeburgo e della Sassonia, droni e squadre cinofile sono attivamente alla ricerca di maiali morti. Le gabbie trappola vengono utilizzate per catturare i maiali nelle zone bianche intorno alle aree infette. I funzionari hanno sottolineato che i cancelli delle recinzioni permanenti dovrebbero essere chiusi e tutti dovrebbero segnalare le recinzioni danneggiate il prima possibile.

In Polonia, nei primi tre mesi di quest’anno, sono stati trovati e/o abbattuti 1.312 suini infettati dalla peste suina africana. La maggior parte di questi sono stati trovati nella Polonia occidentale. Riguarda l’area al confine con gli stati tedeschi interessati del Brandeburgo e della Sassonia. Non si sono ancora verificati focolai nei suini allevati in Polonia. Tuttavia, il settore sta prendendo una pausa poiché il governo vuole allentare le norme sulla biosicurezza per le aziende del cortile.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24