Problemi con il missile Harpoon a bordo della nave danese, la navigazione è stata interrotta vicino alla Danimarca

Le cose non stanno andando bene per la Marina danese. Pochi giorni dopo che si è saputo che la fregata danese Ever Huitveldt aveva avuto problemi tecnici nel Mar Rosso, che le hanno impedito temporaneamente di lanciare missili, oggi si è verificato un problema a bordo di una nave gemella. Durante un test interno a bordo del Niels Juel, è stato attivato il booster Harpoon. Il pericolo era che l'arpione venisse lanciato e il traffico marittimo in una parte del Grande Belt venisse bloccato per diverse ore.


KDM Niels Juel (classe Iver Huitfeldt) alla base di Korsør. (Foto: Marina danese)

L'arpione è un'arma da crociera comunemente utilizzata all'interno della NATO. L'arma è destinata ad attaccare navi e obiettivi costieri (l'ultima versione). Per lanciare l'arpione in aria, viene azionato un veicolo di lancio booster che fornisce velocità all'arpione. Il booster viene quindi lanciato e l'arpione vola verso il bersaglio utilizzando il motore a reazione.

Questo pomeriggio si è svolto un test obbligatorio con Harpoon al porto marittimo di Korsør, vicino al ponte del Great Belt. Il missile è stato attivato, ma secondo la Marina danese non poteva più essere disattivato. Quindi c'era il rischio di lanciare Harpoon. L'arpione stesso non è attivato e quindi non volerà molto lontano, poiché ciò richiederebbe un motore a reazione.

Baionetta
Uno spaccato dell'arma degli anni '70. Il booster può essere visto all'estrema destra. Questo viene rilasciato pochi secondi dopo il lancio. Le baionette utilizzano un booster di combustibile solido. (Foto: Marina degli Stati Uniti)

Gli specialisti furono chiamati dalla Marina danese. Nel frattempo, parte del traffico merci è stato interrotto. Ciò include un tratto da 5 a 7 chilometri e fino a 1 chilometro di altezza.

READ  Mattina a Kabul: così è ora in città e questo è quello che dicono i talebani

Grande Cintura
La Grande Cintura (Storebælt), lo stretto tra le isole di Funen (con Odense) e Zelanda (con Copenaghen), era considerata un'area pericolosa in parte a causa dei problemi degli arpioni. (Foto: Marina danese)

Il problema è stato risolto nel corso della serata e il traffico merci ha potuto nuovamente viaggiare attraverso l'intero Grande Belt.

L’incidente arriva subito dopo un altro momento spiacevole per la Marina danese. Martedì scorso è stato annunciato che la fregata Ever Huitfeldt ha avuto problemi nel lanciare missili e nel sparare con il suo cannone durante un attacco lanciato dai ribelli Houthi nel Mar Rosso il 9 marzo. Questo è separato dalla baionetta. De Ever Huitveldt voleva lanciare i missili ESSM e alla fine ci riuscì.

Anche se la nave riuscì a fuggire senza danni, in Danimarca c'era ancora un piccolo mare. Il comandante delle forze armate danesi è stato licenziato ieri. Il generale dell'aeronautica militare non ha informato il ministro dei problemi tecnici di cui soffriva la nave.

La Marina danese ha lanciato accidentalmente un missile Harpoon sul campeggio
Il problema Harpoon, anche nei media danesi, ricorda l’incidente Harpoon del 1982, quando la fregata danese Peder Skram lanciò accidentalmente un missile Harpoon. Questo non è stato un problema con il booster e l'arma ha volato per diversi chilometri nell'entroterra. Alla fine è esploso 34 chilometri dopo, distruggendo quattro case vacanza in un campeggio. Nessuno è ferito.

Lo sparo è stato causato da un errore tecnico e l'arma è stata sparata durante un controllo post-manutenzione.

Un anno prima, una nave della Marina americana aveva lanciato accidentalmente un missile Harpoon. Questo è finito in mare.

READ  Muore Lucien Goldberg, l'autista dello scandalo sessuale Clinton
Giacomo Autore: Jaime Kariman
Jaime è il fondatore di Marineschappen.nl e ha scritto più di 1.500 articoli su vari argomenti marini. Nel 2017 ha pubblicato il suo libro di saggistica In completa segretezza Outside e poi un thriller sottomarino Orca. Prima che Jaime iniziasse a lavorare a tempo pieno in questa sede, ha lavorato nella Marina per oltre 12 anni, per lo più in una posizione civile. Jaime ha studiato comunicazione a Groningen.


Commenti forniti da

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24