Punto di svolta: le figure quadrate

Ludovico (Brando Paquito) è uno studente che non può andare da nessuna parte nella vita. È depresso, si rinchiude nel suo appartamento romano e indossa un cappello perché si vergogna della sua attaccatura dei capelli sfuggente. Quando il ladro Jack (Andrea Lattanzi) prende in ostaggio Ludovico un giorno dopo aver rubato un’enorme quantità di denaro a un gangster, i due diventano migliori amici. O è la sindrome di Stoccolma (in cui un ostaggio simpatizza o si innamora di un rapitore)? Non c’è dubbio che i due siano stati costretti a dipendere l’uno dall’altro per diverso tempo nell’appartamento di Ludovico.

Il punto di svolta È quindi una kammerspiel, con due personalità completamente complementari tra loro. Jack è spericolato e macho. Un uomo seduce le donne in abbondanza e sa come godersi la vita. Queste sono le cose che Ludovico cerca di insegnare nel poco tempo che trascorrono insieme. Dà anche il suo nuovo consiglio sugli appuntamenti e organizza persino la cena con uno studente universitario che vive nello stesso complesso di appartamenti. Nel frattempo, la mafia, che si sta diffondendo in tutto l’edificio, scopre sempre di più sulla possibile ubicazione di Jack.

Vuoi ricevere la nostra newsletter? Le ultime serie e film nella tua casella di posta ogni venerdì! Partecipazione qui A.

Il regista Riccardo Antonaroli si affida principalmente ai cliché nel suo primo lungometraggio: i gangster sono personaggi squadrati che si molestano costantemente a vicenda per vendetta. Ludovico è un archetipo nerd e un buco bianco a grana grossa, calibro jack. In questo senso, puoi vedere da miglia di distanza dove porteranno le loro azioni e che neanche Latanzi e Basito sono necessariamente grandi attori. Il problema più grande sembra essere il testo, che ha un filo di superficialità e serendipità. Antonaroli sembra ispirarsi al cinema italiano degli anni ’60 e ’70 – l’appartamento di Ludovico è coperto di manifesti di questo periodo – ma nel film stesso c’è poco, a parte i riferimenti a Il Sorbaso (1962, anche un film su due uomini che non sono affatto simili).

READ  Gli spettatori hanno ammirato Ilse DeLange durante il tour del college

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24