Quanto sono davvero disposti a pagare i cittadini per piante ipersensibili e topi domestici?

Qual è il valore della biodiversità? Questa è una domanda difficile che deve essere preceduta da un’altra domanda: cosa intendi per valore? Finanziariamente, economicamente, ambientale, esteticamente? La biodiversità ha un valore intrinseco che non ha bisogno di altra giustificazione, per così dire solo perché Dio vede tutto, e quindi rimpiange tutto ciò che è perduto?

Prendi il topo del nord, Alexandromys Okonomus, Una delle specie di ratti molto comuni nell’emisfero settentrionale, non è in pericolo di estinzione. C’è un gruppo di ratti artici nei Paesi Bassi che è stato isolato dall’ultima era glaciale, e cosa succede sempre: di generazione in generazione, queste popolazioni si discostano geneticamente un po’ di più dalla popolazione originaria. Nel frattempo, i biologi considerano questa deviazione abbastanza grande da parlare di una sottospecie olandese dei persiani settentrionali, Alexandromys oeconomus arenicola.

Se vuoi coltivare o arare e piantare un appezzamento di terra sterile ovunque in Europa dove vivono i persiani settentrionali, puoi in linea di principio, perché non è una specie in via di estinzione.

Condizione intoccabile

Ma abbiamo inserito le nostre “squadre” artiche – pochi biologi specializzati possono dire la differenza – nella Lista rossa olandese delle specie minacciate, conferendo loro uno status insostituibile.

Quindi tutto deve essere trascinato nelle aree Natura2000 dove capita di tenere l’animale. Se ciò non funziona, le aree Natura2000 saranno classificate come “scarsa conservazione” e saremo di nuovo rossi in Europa. Ma la decisione di designare questa sottospecie dei Persiani settentrionali come “specie bersaglio” in quelle regioni, in base alle quali si misura lo stato di conservazione, è stata presa dagli stessi Paesi Bassi.

Non si tratta di deposizione di azoto, si tratta di manipolare i livelli dell’acqua in quelle aree Natura 2000. Non c’è dubbio che senza una gestione intensiva dell’acqua il topo scomparirà completamente da quelle aree; stato Alexandromys oeconomus arenicola Quindi viene semplicemente rilevato da Mouse and Field, strettamente correlato. I risultati per tutte le altre specie vegetali e animali in questo ecosistema sono quasi inesistenti. Qual è il valore ambientale, o addirittura estetico, per non parlare del valore economico di questo pezzo di biodiversità?

READ  La Cina teme più misure che Corona: 'La strategia è insostenibile'

“Mantieni pura la salamandra olandese Veluwe”

Potrebbe diventare ancora più folle. Dimenticavo i dettagli, ma qualche anno fa un biologo ha lanciato l’allarme per una specie aliena invasiva che stava invadendo i Paesi Bassi: la variante italiana di un tipo specifico di salamandra rinvenuta a Viloe. Ora la chiamo la salamandra Veluwe, anche se probabilmente non è il nome corretto. Quelle salamandre Veluwe italiane sembravano le salamandre Veluwe originali, si comportavano esattamente allo stesso modo e si incrociavano anche con loro – anche questo specialista non poteva distinguerle – ma i test del DNA hanno mostrato che le salamandre Veluwe con le salamandre italiane le radici erano in aumento.

Questo biologo ha seriamente suggerito che questi invasori italiani dovrebbero essere sradicati per preservare la purezza della salamandra olandese Veluwe. Gli ecologisti chiamano questo “conservazione del capitale genetico”.

Non avevo mai più sentito parlare di questa follia, quindi probabilmente non ce l’avrebbe fatta a gestirla, ma il fatto che questo biologo non sia stato subito deriso dai suoi colleghi è normale. Evoca “Minaccia alla biodiversità!” Il buon senso è la prima vittima.

Pianta acquatica esigente

Alla fine si può sempre dire: il valore di tale capitale genetico è quello che il pazzo gli darà in cambio. Se un eccentrico miliardario è disposto a mettere da parte cento milioni di euro per una riserva in cui è consentita solo una salamandra di Veluy di razza pura, allora questo è il valore di una salamandra di Veluy di razza pura, indipendentemente dal fatto che tale riserva sia davvero consentita.

Un esempio sciocco ovviamente, ma la realtà a volte si avvicina molto. in azoto. Effetti dannosi sulla natura e sulla saluteil libro che I la settimana scorsa Cita anche, diventa come Pezzo di resistenza Dalla politica Natura2000 ha descritto gli sforzi per conservare le piante acquatiche esigenti Lobelia Dortmana per i Paesi Bassi. Altrove in Europa questa pianta fiorisce spontaneamente nei laghi di montagna, ma qui soffre di una debole presenza in alcuni van debolmente acidi e nei laghi di dune sabbiose povere di calcare.

Il libro dice che i loro habitat finali sono gestiti con molta attenzione riducendo le attività ricreative, ripristinando le riserve idriche sotterranee, rimuovendo il limo ricco di sostanze nutritive e rimuovendo la vegetazione irregolare lungo il fiume. Inoltre, Watercrassula (Crassula Helmsey), una pianta acquatica originaria dell’Australia che beneficia dei cambiamenti climatici e della deposizione di azoto. Vengono controllate anche le popolazioni di oche, che trasferiscono azoto e fosforo dall’allevamento alla palude. Suppongo che quest’ultimo significhi che queste oche vengono uccise o catturate e gasate, altrimenti come si fa a impedire loro di defecare in quelle casse?

READ  I bambini e l'Omicron: UMC Utrecht indaga sulla diffusione della malattia

lame deboli

E dì a te stesso, perché stiamo facendo tutto questo? onestamente penso Lobelia Dortmana Ma lame squallide, squallide. Si può tenere conto dell’opinione di questo profano? A parte questo: nessun coniglio, gabbiano o scarabeo d’acqua mangerebbe meno sandwich se Lobelia Dortmana Scompare dalle torbiere debolmente acide e dai laghi di dune sabbiose a basso contenuto di calcare. Ci sono molte altre piante acquatiche a cui non importa un po’ di azoto.

Tuttavia, c’è un eccentrico miliardario che sta spendendo capitali per mantenere questa fabbrica, ed è il governo olandese. La decisione, una volta presa al Ministero da funzionari anonimi, a Lobelia Dortmana Classificarli come specie bersaglio di Natura2000 è un costo enorme per il governo e grava sull’ambiente di queste aree Natura2000 con limiti massimi di emissione di azoto.

Quanto sono disposte a pagare le persone per ridurre le emissioni di azoto?

Al cittadino è stato chiesto se pensava che ne valesse la pena? Certamente non in dettaglio così concreto, ma The Nitrogen Book prende atto dei sondaggi che sono stati condotti sulla disponibilità dei cittadini dell’UE a pagare per una migliore qualità dell’aria e dell’acqua per gli esseri umani e per una natura migliore. Questo è stato tradotto dall’Agenzia olandese per la valutazione ambientale (PBL) in una misura del danno sociale, in euro per chilogrammo di emissioni di azoto.

Questa traduzione, ovviamente, è piena di presupposti e dubbi: gli effetti delle misure ambientali sono così complessi e incerti che le persone possono avere solo un’idea molto vaga di quello per cui stanno pagando, e le persone dicono all’organizzatore del sondaggio che sono disposti a pagare, ma cosa troveranno davvero quando la bolletta delle tasse cadrà sul loro tappeto? L’importo che le persone sono disposte a pagare per ridurre le emissioni di azoto – e viceversa: il danno sociale derivante da emissioni di azoto irrilevanti – è quindi molto esiguo.

READ  Perché alcuni anziani hanno ancora una mente acuta e altri no

Il cittadino ritiene che il danno alla salute sia più importante del danno alla natura

D’altra parte, ci sono vantaggi dall’azoto, in particolare rendimenti migliori attraverso i fertilizzanti, che producono semplicemente euro roccia tassabile.

Tuttavia, il risultato dell’analisi dei danni delle emissioni di azoto dell’agricoltura olandese è notevole (pagina 108 del libro). Intorno al 1990 i danni superavano di gran lunga i benefici: 11 per circa 8 miliardi di euro all’anno. Da allora, però, le emissioni, e quindi anche i danni, sono diminuite, e già nel 2010 erano pari ai benefici, cioè da 6 a 5 miliardi di euro. Data l’incertezza in tutti questi numeri, si può tranquillamente affermare che si bilanciano a vicenda.

Ma la maggior parte dei danni stimati da PBL riguardava la salute delle persone. Sebbene i danni causati dall’azoto siano minimi, i cittadini sono disposti a pagare di più per ogni chilogrammo di emissioni di azoto di quanto non pagherebbero per una natura migliore.

Nessuna storia onesta raccontata

I danni causati dall’azoto alla natura erano in bilancio solo per 2 miliardi di euro nel 2010. In altre parole, salvare la natura riducendo a zero le emissioni di azoto era solo di 2 miliardi di euro per i cittadini nel 2010, mentre si perderebbero 5 miliardi di euro di benefici.

Tale calcolo basato su un’indagine non vincolante fornisce al massimo un’indicazione approssimativa di ciò che i cittadini pensano di una questione del genere. Quello che è certo è che ai cittadini qui non è mai stata raccontata la storia onesta di ciò che potrebbero ottenere in cambio in termini di natura e qualità della vita per i 25 miliardi di euro che ora sono pronti a scaricare l’agricoltura olandese.

Settimana di Winya È ancora acuto quando i sentimenti esplodono altrove. I donatori lo rendono possibile, con Canone di abbonamento volontario. sei con noi? Grazie!

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24