Qui è severamente vietato, ma proviene legalmente da una fabbrica in Italia. Perché la lotta contro i fuochi d'artificio pesanti inizia a Bruxelles

Qui la battaglia contro i rumorosi fuochi d'artificio agli angoli delle strade e nei parchi giochi inizia ben oltre l'Europa. “Due anni fa piangevamo ancora nel deserto.”

Questa settimana, la polizia ha annunciato di aver bloccato quattro gruppi Telegram che facilitavano il traffico illegale di petardi. Si dice che l'amministratore dei siti sia un ragazzo di meno di un anno di Noardeast-Fryslân.

L'azione della polizia può dirsi un successo. Ma una maggiore cooperazione europea potrebbe in realtà mettere a dura prova la vendita di tali esplosivi, afferma Hessel Koster, portavoce della polizia nazionale.

In realtà, dice Koster, il termine “petardo” è un eufemismo per petardi, un prodotto popolare nel circuito illegale. “Fuochi d'artificio, sembra qualcosa di innocente.”

Ma le bombe non sono innocenti. Le corde di circa trent'anni fa – già allora illegali – contenevano al massimo qualche grammo di polvere flash o polvere flash – una sostanza esplosiva – il famoso Cobra 6 ne conteneva dai 25 ai 30 grammi. Koster: “Se ne porti sei nella borsa ed esplodono, la domanda è se vivrai abbastanza per raccontare la storia.”

Esplosivi pesanti

E quel Cobra 6 è già diventato più piccolo, dice Koster. “Oggi ci imbattiamo spesso in cracker con 100 grammi o diverse centinaia di grammi di polvere flash. Sono esplosivi pesanti.”

Questi cobra, di vario peso, costituiscono la maggior parte degli esplosivi vietati, ma a volte la polizia si imbatte in Big Boy (120 grammi) o Giant Maroon (200 grammi). Nel 2021, l'agenzia forense olandese ha annunciato il ritrovamento di un petardo contenente 750 grammi di componenti esplosivi. L'oggetto era così pesante che è stato necessario rimuoverlo con l'aiuto di un servizio di sicurezza artificieri.

READ  La Coppa di Roma non garantisce crescita economica in Italia

Ciò spiega gli sviluppi osservati dalla polizia nel settore oscuro dei «petardi»: i prodotti diventano sempre più pesanti e quindi più pericolosi. Non per niente la sostanza è popolare tra i criminali che la utilizzano come strumento di violenza, ad esempio per far esplodere i bancomat durante gli attentati, ma anche durante disordini o conflitti nell'ambiente criminale, dice Koster.

I rischi sono sottovalutati

La stessa artiglieria pesante finiva nei capannoni, dietro i muri alle ginocchia, o nelle cabine dei privati. Si tratta spesso di minori, che possono essere attratti dall'emozione delle esplosioni e dal pericolo connesso. “I pericoli, la forza esplosiva della cosa, spesso li sottovalutano completamente”, dice un portavoce della polizia.

Vuole fare appello anche ai genitori di questi giovani proprietari di cracker. “Possiamo mettere offline i gruppi Telegram e arrestare i commercianti, ma finché sarà loro permesso di camminare con i loro figli, sarà solo una goccia nell'oceano.”

Ma la consapevolezza sociale da sola non basta a evitare che esplosivi così pesanti finiscano nella camera da letto del ragazzo della porta accanto. La lotta contro il commercio illegale di petardi cresce a livello internazionale.

lobby europea

Koster menziona la produzione di Cobra, uno storditore molto popolare nei Paesi Bassi. “È prodotto in Italia, legalmente, destinato al mercato professionale. Quindi non ai consumatori.” strade.

È sorprendente che un prodotto punibile nei Paesi Bassi possa essere prodotto legalmente in un altro paese dell'UE, afferma Koster. Secondo lui è in atto un “intenso processo di lobbying” a livello europeo per avvicinare le linee guida nel settore dei fuochi d'artificio pesanti. Ad esempio, una task force ufficiale con il contributo di varie forze di polizia europee ci sta lavorando e Koster ritiene che verrà aggiunta in modo prominente all'agenda della Commissione europea.

READ  "L'Italia è stata il nostro banco di prova, il resto del pianeta il nostro playground"

“Due anni fa eravamo ancora una voce che gridava nel deserto dei Paesi Bassi”, dice Koster, ma sempre più paesi si stanno rendendo conto dell'urgenza del problema. “Prendiamo la Francia: servizi di emergenza colpiti dagli stessi esplosivi durante le manifestazioni.”

Cattura spettacolare

Ad esempio, la polizia olandese continua a lavorare a stretto contatto con le sue controparti tedesche per combattere il commercio su larga scala di fuochi d’artificio pesanti. L'anno scorso, dopo due anni di intense ricerche, in Germania e nei Paesi Bassi sono stati sequestrati complessivamente 350.000 kg di fuochi d'artificio illegali in bunker, capannoni, locali commerciali e container vuoti. Nessuno di questi posti soddisfaceva i requisiti di sicurezza.

La mossa è stata un successo critico, ma, dice Koster: “Se riusciamo a fermare la produzione legale di questa roba, risparmieremo un drink”.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24