Rapporto: Il trattamento del cancro differisce tra uomini e donne

Gli uomini malati di cancro spesso ricevono un trattamento volto a curare o ridurre le dimensioni del tumore. Nelle donne affette da cancro, l’attenzione è spesso rivolta al sollievo dal dolore. Questa è una delle conclusioni più sorprendenti Rapporto del Centro integrato per il cancro dei Paesi Bassi (IKNL) I ricercatori hanno condotto un inventario preliminare delle differenze tra maschi e femmine nella diagnosi, nel trattamento, nella sopravvivenza e nella qualità della vita del cancro.

Questa è la prima volta che le differenze tra maschi e femmine nel cancro vengono elencate con tale chiarezza. Solo negli ultimi anni è diventato chiaro che esistono differenze significative tra uomini e donne nelle malattie cardiovascolari, compresi i sintomi, ma anche nei meccanismi sottostanti. Di molte altre malattie si sa poco.

Era già noto che alcuni tipi di cancro si manifestano più spesso – o esclusivamente – negli uomini, come il cancro alla prostata, e altri tipi più spesso (o solo) nelle donne, come il cancro al seno. Nel rapporto, i ricercatori hanno esaminato i tipi di cancro che colpiscono entrambi i sessi. Lì videro anche la differenza tra maschio e femmina. Questi tumori colpiscono gli uomini leggermente più delle donne. Ogni anno nei Paesi Bassi viene diagnosticato il cancro a più di 120.000 persone. Poco più della metà di loro, 65.000, sono uomini.

Tuttavia, questa differenza si è ridotta a partire dal 1990, poiché l’esposizione a tutti i tipi di fattori di rischio è diventata più equa tra uomini e donne. Ad esempio, negli ultimi decenni, il numero di donne che fumano è diminuito meno rapidamente rispetto al numero di uomini.

Terapia mirata al tumore

La nuova analisi mostra che a volte anche il tipo di trattamento varia. Per il melanoma (una forma di cancro della pelle), il cancro avanzato dello stomaco e dell’esofago e il cancro del colon metastatico, le donne hanno meno probabilità di ricevere cure contro il tumore, come interventi chirurgici, chemioterapia o radiazioni.

READ  I batteri che causano la lebbra possono farlo - e questo è sorprendente

Ad esempio, il 60% delle donne ha ricevuto una terapia mirata al tumore per il melanoma metastatico, rispetto al 68% degli uomini. Questa differenza nel trattamento del cancro della pelle è stata maggiore tra le persone di età superiore ai 65 anni: 46% delle donne rispetto al 60% degli uomini.

Ogni anno nei Paesi Bassi viene diagnosticato il cancro a più di 120.000 persone. Poco più della metà – 65.000 – sono uomini

Al contrario, le donne sotto i 55 anni con cancro metastatico dell’esofago o del pancreas ricevono questo trattamento più spesso degli uomini (donne 63%, uomini 54%). Ciò non differiva con altri tipi di cancro.

In particolare, le donne sopra i 70 anni ricevono cure di supporto più spesso. Per il cancro del colon-retto, il 48% non ha ricevuto alcuna terapia mirata al tumore, rispetto al 40% degli uomini. Perché ciò accada necessita di ulteriori indagini, hanno scritto i ricercatori. Le donne potrebbero preferirlo più spesso degli uomini. Negli ultimi dieci anni la scelta del trattamento è diventata sempre più una decisione congiunta tra medico e paziente.

Uretra

Le differenze nel cancro tra uomini e donne possono essere in parte spiegate da differenze biologiche, come nel sistema ormonale e immunitario. Anche altri fattori giocano un ruolo. Nelle donne, ad esempio, il cancro alla vescica viene spesso scoperto più tardi. Ciò può essere dovuto al fatto che le donne o i medici non si allarmano immediatamente se c’è sangue nelle urine: le infezioni alla vescica sono più comuni nelle donne perché la loro uretra è più corta di quella degli uomini. Poiché viene scoperto più tardi, la sopravvivenza dal cancro della vescica è peggiore per le donne che per gli uomini. Al contrario, il cancro alla tiroide viene rilevato più tardi negli uomini che nelle donne.

READ  “Paesi come il Belgio che hanno scelto di gestire i rischi piuttosto che sradicare il coronavirus hanno avuto una performance economica inferiore” | Economia

In media, cinque anni dopo la diagnosi, il 65% degli uomini è ancora vivo, rispetto al 71% delle donne.

Con il primo inventario, che è ancora incompleto, l’IKNL vuole attirare maggiore attenzione sulle differenze uomo-donna nel cancro tra medici, ricercatori e responsabili politici. Raccomandano, tra le altre cose, di includere più donne negli studi clinici e di analizzare separatamente come standard i risultati di uomini e donne negli studi.

Leggi anche
Chiunque può ammalarsi di cancro, ma soprattutto le persone con un alto livello di istruzione vengono sottoposte a test genetici

<strong>Margaret Auseum:</strong> “Come medici, spesso sottovalutiamo la complessità del processo di trattamento.” /static.nrc.nl/bvhw/files/2023/04/web-1704binausems2.jpg”/></p>
<aside data-article-id=

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24