Recensione di Natale a Tutti i Costi [Netflix]

direzione: Giovanni Bugnetti | Scenario: Giovanni Bugnetti | eiaculare: Cristian De Sica (Carlo), Angela Finocchiaro (Ana), Dharma Mangia Boschi (Alessandra), Claudio Collica (Emilio), e altri | tempo di gioco: 90 minuti | anno: 2022

Ora che tutti gli alberi di Natale non sono scomparsi dal soggiorno, Netflix è stata felice di mantenere in vita la commedia familiare italiana rinviata. Natalie e Totti Costi Può ancora essere messo online. Ma chi ha più voglia di guardare un film di Natale? Le vacanze sembrano secondarie in questa commedia noiosa e insipida, su una coppia che soffre così tanto della sindrome del nido vuoto da attirare indietro i propri figli con la prospettiva di un'eredità di sei milioni.

La casa sembra vuota dopo la partenza del figlio Emilio e della figlia Alessandra. I genitori Carlo e Anna però ci tengono ancora molto a rivendicarli. Celebrare il Natale con la famiglia è sacro per questi italiani, ma lontano, nella grande città, Emilio e Alessandra vivono la propria vita e inseguono i propri sogni. Le visite a sorpresa dei genitori vengono respinte con ovvie bugie e scuse.

Poi Carlo e Anna hanno un'idea intelligente per falsificare l'eredità di una misteriosa zia. Quando i loro figli scoprono la somma di denaro, improvvisamente si ritrovano sul marciapiede ad ogni angolo, sperando di ottenere una grossa fetta dell'enorme torta. I loro genitori devono fare sforzi sempre maggiori – noleggiando una Ferrari, comprando vestiti costosi e organizzando cene sontuose – per mantenere viva la menzogna. Finalmente hanno l'attenzione della loro prole viziata, ma ovviamente la domanda è quando la bugia si avvererà e chi ne sarà davvero felice.

Anche il regista Giovanni Bugnetti deve ricorrere alla sua sceneggiatura per usare trucchi per salvare le apparenze. Il risultato è una serie di scenette farsesche e malintesi. Ciò ha un effetto stimolante, soprattutto quando porta alla commedia fisica. Anna e Carlo devono inventare una misteriosa malattia per evitare lo smascheramento. Ciò significa che Emilio e Alessandra, ventenni, non solo sono antipatici – come lo sono stati fin dall'inizio – ma anche i loro genitori stanno diventando sempre più fastidiosi.

READ  Anche l'Australia ha scelto di entrare in Eurovision

C'è ancora un tema in tutte queste sciocchezze, ovvero che giocare con il bel tempo alla fine porta solo a perdere. Per sottolineare il suo punto, Bugnetti aggiunge alcuni personaggi minori, di cui la madre Anna in particolare può sia sfoggiare che sgonfiarsi. Il punto è che ciò che resta è un messaggio logoro in cui si intravede ancora lo spirito natalizio. Nathalie, Totti e Costi Può essere liberamente tradotto come Natale ad ogni costo, ma è difficile essere d'accordo con questa idea.

Nathalie, Totti e Costi Può essere visto dentro Netflix.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24