Recensione LG UltraGear 32GQ850 e 32GQ950

  • LG Ultra Gear 32GQ850
  • LG Ultra Gear 32GQ950

Riassunto

LG ha creato un monitor da 32 pollici con il 32GQ850 per i giocatori che amano le frequenze di aggiornamento elevate. Con una frequenza di 240 Hz o 260 Hz overcloccati, è uno dei monitor 1440p più veloci in questo formato e anche i tempi di risposta possono tenere il passo con queste frequenze. In termini di riproduzione delle immagini, tuttavia, lo schermo perde alcuni punti rispetto alla fabbrica: nella modalità standard in cui lo schermo esce dalla scatola, la riproduzione dei colori non è eccezionale e la riproduzione sRGB, più comunemente utilizzata nella pratica, non lo è. “Ottimo, solo Display-P3 offre. Ragionevolmente bene. Tuttavia, le varie modalità possono essere regolate con precisione con opzioni di configurazione manuale piuttosto estese e calibrazione hardware possibile. Le prestazioni HDR non sono male, ma le prestazioni 4K variabili sono migliori Gli angoli di visualizzazione sono decenti , ma non molto di più nel complesso, pensiamo che quello schermo abbia un prezzo piuttosto alto per quello che ottieni, a meno che tu non stia cercando specificamente uno schermo 1440p davvero veloce e grande.

Riassunto

Con uno schermo 4k da 32 pollici e una frequenza di aggiornamento rapida di 144 o 160 Hz, l’LG UltraGear 32GQ950 ha un set di funzionalità piuttosto raro. Soprattutto se utilizzi la modalità HDR con luminosità elevata, ma purtroppo con una riproduzione dei colori meno accurata, inoltre, ci sono pochi monitor che sono concorrenti diretti. Purtroppo anche il prezzo è di conseguenza, perché con un prezzo di partenza di 1.200 euro lo schermo non è certo economico. Sarebbe stato meglio se ci fosse stata una corretta regolazione della riproduzione del colore di fabbrica, sebbene potesse ancora essere modificata con una calibrazione aggiuntiva. Lo schermo ha una riproduzione dei colori meno impressionante, il che è un peccato. Solo la modalità Display-P3 è buona, il monitor standard e la modalità sRGB no. Perdiamo anche quel denaro extra come un ingresso USB-C per un laptop, quando non puoi giocare e devi lavorare.

Negativi

  • Display moderato con sRGB e impostazioni predefinite
  • Non c’è ingresso USB-C
  • Lo schermo HDR è luminoso, ma l’immagine potrebbe essere migliore

All’inizio di questo mese, abbiamo pubblicato un dossier Due monitor veloci recensiscono 240 Hz. Oltre all’elevata frequenza di aggiornamento, la modesta diagonale da 25″ dello schermo e il prezzo relativamente modesto sono due punti distinti. I due monitor LG in questa recensione non sono affatto modesti, hanno entrambi un’ampia diagonale da 32″, e anche i loro cartellini dei prezzi sono impressionanti, quindi stiamo parlando di schermi molto più avanzati di quelli sopra menzionati, il che è il primo per LG.

LG utilizza principalmente varianti IPS autoprodotte per i suoi display. In effetti, ips è un marchio di LG; Quindi altri produttori non sono autorizzati a usarlo per le loro targhette. Sebbene l’IPS abbia molti vantaggi rispetto alla tecnologia VA, come un angolo di visione migliore e tempi di risposta più rapidi, fornisce anche un contrasto significativamente inferiore. Tuttavia, l’elevato valore di contrasto contribuisce notevolmente a una piacevole esperienza visiva, soprattutto in una stanza buia e soprattutto per i contenuti HDR. Un altro svantaggio di ips di cui i pannelli VA non soffrono è qualcosa chiamato ips glow. Questo è presente con i pannelli IPS di LG, così come con le varianti simili a IPS dei concorrenti, e anche il contrasto dei pannelli IPS di LG è spesso basso. Inoltre, con i pannelli IPS, la luminosità del nero diminuisce più rapidamente ad angoli di visualizzazione più ampi rispetto ad altri schermi.

Per superare le carenze intrinseche dei pannelli IPS, quest’anno LG ha introdotto due tecnologie. Innanzitutto, c’è IPS Black, una tecnologia che sostanzialmente migliora il contrasto dei pannelli IPS di LG. All’inizio di quest’anno abbiamo visto il risultato dell’applicazione di questo Due Dell Ultrasharp. I due monitor LG in questa recensione, l’UltraGear 32GQ850 e l’UltraGear 32GQ950, presentano una seconda nuova tecnologia: ATW Polarizer. Chiunque abbia una buona memoria ricorderà la tecnologia ATW del passato. Alcuni monitor IPS di fascia alta un tempo erano dotati di questa tecnologia, ma il suo utilizzo sta gradualmente scomparendo da una decina di anni. LG lo ha cambiato con questi due UltraGears. Secondo il produttore, l’app A-TW Polarizer dovrebbe ridurre il bagliore ips quando si visualizzano contenuti scuri o li si visualizza ad angolo acuto. Se l’Advanced True Wide Polarizer offre davvero un miglioramento, lo vedremo in questa recensione. Nota: i due schermi non hanno IPS Black. Quindi ci aspetteremmo che la varianza tra i due non sia molto superiore a 1000:1.

Quindi i due monitor A-TW sono il 32GQ850 e il 32GQ950. Il UltraGear 32GQ850 È un monitor wqhd con un pannello LG IPS in grado di gestire l’overclocking a 240Hz o 260Hz. Il prezzo dello schermo supera gli ottocento euro. Perde rispetto al suo fratello più costoso in termini di frequenza di aggiornamento, ma guadagna in risoluzione. Il UltraGear 32GQ950 Si tratta di uno schermo IPS 4K con refresh rate di 144 Hz (160 Hz con overclock) e un prezzo medio di circa milletrecento euro. Ciò rende i monitor da gioco leggermente più grandi dei popolari monitor da gioco 4K dell’anno scorso, come 27GP950 e 27GN950.

READ  Meta Quest 2 ottiene Ghostbusters VR, il sequel di Boneworks e Moss: Book II - Giochi - Novità

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24