Recensione televisiva | Un documentario sulle Ragazze del Buon Pastore che voltarono le spalle alla Chiesa cattolica romana

Pastore molto distinto, stasera l'ho visto in TV Figlie del Buon Pastore (NF2). In questo documentario in quattro parti, le donne raccontano come le Suore del Buon Pastore le sottoponevano a un regime crudele e poco amorevole di lavoro forzato pesante, isolamento e altre difficoltà. “Avevo bisogno di aiuto per entrare e avevo bisogno di ancora più aiuto per uscire”, dice una donna in una causa contro l’ordine cattolico.

Fino al 1978, le suore si prendevano cura di ventimila ragazze che non potevano più vivere in casa perché lì erano state trascurate, maltrattate o maltrattate. Le ragazze non avevano fatto nulla di male, eppure le suore le trattavano come criminali, come “ragazze cadute”. Una volta portati al cancello dai servizi di protezione dell'infanzia, hanno dovuto consegnare i loro vestiti, la privacy e i nomi. Divennero proprietà delle monache. Alle ragazze non era permesso parlare, ridere o fare amicizia tra le alte mura del monastero. C'era, nelle parole di una suora francese, “Uomo d'amore“.

Reverendo, ho osservato con crescente tristezza. Le prime storie dell'orrore sul “Buon Pastore” risalgono agli anni '30, all'epoca vennero addirittura poste interrogazioni parlamentari, ma il “Fronte rumeno” impedì ulteriori indagini e tanto meno la fine degli abusi. Alcuni anni fa sono emersi errori di sistema in Irlanda, Canada e Australia. Il giornalista Joep Duhmin, che in precedenza ha lavorato per… Consiglio norvegese per i rifugiati La vostra rete cattolica di pedofili smascherata è arrivata con rivelazioni nel 2018 sulla filiale olandese di De Goede Herder. Questo documentario si basa su questo.

Nel quarto episodio, la regista Britta Hausmann scopre una fossa comune segreta ad Almelo. Sembra che l'ordine abbia cercato di nascondere il gran numero eccessivo di morti tra le giovani ragazze nascondendo le defunte in tombe sconosciute. Una fossa comune simile era stata precedentemente trovata in Irlanda. Un ricercatore universitario spiega nel documentario che i sistemi nei diversi paesi erano molto simili. Queste non erano trasgressioni, ma piuttosto questa era la politica internazionale.

READ  Rotterdamer, 38 anni, arrestato dopo la morte di un italiano espatriato ad Amsterdam | l'interno

schiavitù

L'attuale direttore della De Goede Herder contribuisce alla serie. Questo è coraggioso e lodevole. La schiavitù nei “Love Asylums” è avvenuta molto prima del tempo e quasi tutte le sorelle di ieri sono morte. Quindi ora può fare una bella pulizia. Ma non lo fa. Come è consuetudine nella vostra Chiesa, ha scelto di non consentire l'accesso all'archivio, interrompendo un colloquio con l'ultima delle suore, continuando così la ben nota cultura rumena del silenzio.

Il regista dice cose assolutamente sbagliate e quindi funge da cattivo perfetto nella storia. Respinge tranquillamente le testimonianze unanimi di sessanta vittime come discutibili. Preferisce parlare del “dolore vissuto secondo la loro verità”. Le suore avevano “le migliori intenzioni di aiutare queste ragazze”. E: “Bisogna vedere che ai suoi tempi la gente trattava i bambini in modo diverso”.

Leggi anche
Questa ricerca del Norwegian Refugee Council: Girls of the Good Shepherd

Signor Pastore, come sa, questo documentario non ha rafforzato la mia devozione alla Chiesa cattolica. Chiunque voglia conoscere il Dio dell'amore e della pace non ha nulla a che fare con la vostra chiesa. Pertanto, con la presente decido di lasciare la Chiesa Cattolica Romana e vi chiedo di registrarlo nell'atto di battesimo della mia diocesi. Sono stato battezzato il 20 giugno 1967 nella chiesa di Sparn. A proposito, una bellissima chiesa neogotica. Purtroppo demolito.

La grazia di Gesù Cristo sia con te e con la tua Chiesa,



We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24