Report: l’immagine di Trump con la Bibbia non è il motivo per portare i manifestanti fuori dal parco

L’opportunità di posare per una foto di Donald Trump con una Bibbia fuori dalla chiesa non era una ragione per porre fine a una manifestazione a Washington contro il razzismo lo scorso giugno. Questa è la conclusione del Dipartimento degli Interni degli Stati Uniti in un’indagine sulla vicenda. Trump è stato criticato per aver presumibilmente posto fine alla manifestazione in modo da poter camminare dalla Casa Bianca alla chiesa, ma Secondo il rapporto Questo non era il caso.

Il rapporto affermava che la polizia aveva deciso che i manifestanti dovevano andarsene perché doveva essere eretta una recinzione di sicurezza. Questa operazione è stata pianificata per molto tempo. Il rapporto critica il modo in cui è stata risolta la manifestazione. Gli avvertimenti per lasciare il sito non erano abbastanza forti, quindi non tutti i manifestanti sono stati in grado di ascoltarli in tempo. Un’indagine separata è in corso per determinare se sia stata usata un’eccessiva violenza della polizia. La polizia ha usato gas lacrimogeni e proiettili di gomma.

I manifestanti hanno protestato per la morte di George Floyd. Trump ha espresso più volte la sua insoddisfazione per le manifestazioni di Black Lives Matter in tutta l’America, accusando i manifestanti di disordini e saccheggi. Dopo un discorso al Rose Garden della Casa Bianca, Trump ha annunciato ancora più forte la voce dei manifestanti vuoi trattarloJohn, è andato alla vicina chiesa di San Giovanni per scattare la famigerata foto. I rivoltosi avevano dato fuoco ai sotterranei della chiesa non molto tempo fa.

Generale Meli

Trump ha camminato verso la chiesa dalla Casa Bianca attraverso Lafayette Park, 11 minuti dopo che gli ultimi manifestanti se ne erano andati. Questo ha dato l’impressione a molti che Trump avesse ripulito il parco per andare in chiesa a piedi. Secondo il rapporto, non è così. La polizia aveva iniziato a evacuare il parco poche ore prima di apprendere quali fossero i piani di Trump. Secondo il rapporto, il procuratore generale William Barr ha sollecitato una rapida pulizia del parco, ma la polizia non avrebbe risposto.

READ  Diretto | L'Ungheria si rilassa e dice addio alle maschere | L'interno

Durante la sua marcia, Trump è stato accompagnato, tra gli altri, da Barr e dal generale Mark Milley, presidente dei capi di stato maggiore congiunti delle forze armate statunitensi. Mielle ha detto dopo Che questo è stato un erroreLa mia presenza lì dà l’impressione che le forze armate siano coinvolte nella politica interna.

Millie era al fianco di Trump, ma si è scusata in un video:

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24