Restringimento del cervello e danni dopo l’infezione da corona

Mesi dopo l’infezione, i cambiamenti possono ancora essere visti nelle aree che svolgono un ruolo nell’olfatto e nella memoria nel cervello delle persone infette da SARS-CoV-2. Questo è il caso anche dopo una lieve infezione. La materia grigia, che contiene cellule cerebrali, è diventata in media un po’ più sottile in quelle aree. Inoltre, il cervello nel suo insieme si è leggermente ridotto e alcune capacità cognitive sono state ridotte in modo più significativo nelle persone che erano state infettate rispetto a quelle che non lo erano. I ricercatori britannici lo hanno scoperto confrontando le scansioni cerebrali prima e dopo che centinaia di partecipanti a una biobanca britannica erano stati infettati. Risultati lunedì pomeriggio Nella rivista medico scientifica natura

È il primo studio a confrontare l’effetto dell’infezione da corona sul cervello con la situazione prima dell’infezione. Ciò consente di affermare con maggiore certezza che i cambiamenti sono associati all’infezione. Sulla base della ricerca, è impossibile stabilire se gli effetti sul cervello siano causati dal virus stesso o dalla risposta immunitaria causata dall’infezione. Possono essere causati dal fatto che dopo la lesione il senso dell’olfatto nel naso è disattivato e le parti rilevanti del cervello non sono più temporaneamente eccitate.

polvere grigia

Gli inglesi hanno confrontato due scansioni cerebrali di 785 persone nella biobanca britannica tra i 51 e gli 81 anni. Centinaia di migliaia di volontari hanno condiviso i loro dati medici in questo database dal 2006. Del gruppo esaminato, 401 avevano l’infezione da SARS-CoV-2 prima del secondo screening. Il resto, un gruppo simile di persone, non è stato infettato. Sono trascorsi circa cinque mesi tra il momento dell’infezione e il secondo esame.

READ  Il disturbo d'ansia di Marielle non è stato collegato a problemi di sonno: 'Molto viene ancora curato nelle scatole'

In media, la materia grigia, che contiene i corpi cellulari delle cellule cerebrali, è diminuita maggiormente nel gruppo colpito nelle aree del cervello responsabili dell’odore e del ricordo degli eventi. Inoltre, i ricercatori hanno visto prove di danni ai nervi nella corteccia olfattiva, che è coinvolta nell’olfatto. Nel gruppo affetto, il volume del cervello nel suo insieme è leggermente diminuito. Inoltre, hanno ottenuto punteggi più bassi in un test neuropsicologico che ha testato la velocità di elaborazione delle informazioni e la flessibilità mentale.

Le differenze riscontrate erano piccole, con un restringimento compreso tra lo 0,2 e il 2%. In confronto, le aree del cervello si restringono naturalmente nel corso della vita: ad esempio, l’ippocampo, che è coinvolto nella memoria, si riduce dallo 0,2 allo 0,3 per cento all’anno negli anziani.

risposta immunitaria malfunzionante

Gli effetti dell’infezione sul cervello erano presenti anche dopo la lieve lesione che i soggetti avevano subito a casa. Le differenze tra chi è stato contagiato e chi non è rimasto anche quando sono stati esclusi i 15 partecipanti che sono stati ricoverati in ospedale con Covid-19 grave.

Per fare un confronto, i ricercatori hanno eseguito la stessa analisi su 11 persone che hanno sviluppato la polmonite causata da un agente patogeno diverso dal coronavirus tra i due esami. In queste persone non hanno trovato i cambiamenti cerebrali che hanno visto nel gruppo Covid.

“È sorprendente che in questo studio siano state riscontrate differenze anche nelle persone che hanno eliminato l’infezione a casa”, afferma il neurologo Matthijs Brouwer dell’UMC di Amsterdam. Sappiamo che nelle persone con Covid-19 grave, ci sono effetti sul cervello, probabilmente a causa di una risposta immunitaria malfunzionante nel cervello, un effetto indiretto del virus. Il virus stesso non è stato rilevato nelle cellule cerebrali”.

READ  Nuova ricerca sul ruolo dei pesticidi nelle aritmie: un collegamento sulla strada giusta

Breuer sottolinea che l’adeguatezza di questi risultati nella pratica terapeutica è discutibile. “Non è chiaro se i partecipanti a questo studio abbiano avuto lamentele al momento dell’esame. Le uniche informazioni su come i partecipanti hanno funzionato nello studio provengono dai test cognitivi eseguiti dai ricercatori, che non dicono molto sul funzionamento quotidiano”.

effetti a lungo termine

“È uno studio elegante e dal design solido”, afferma David Linden, MD, psichiatra e professore di neuroscienze all’Università di Maastricht. “Dopo l’infezione da SARS-CoV-2, vediamo un’accelerazione dei cambiamenti in alcune aree del cervello che si vedono con l’età. Non si vede quasi alcuna differenza con l’età più giovane, poiché l’impatto del virus Corona colpisce le persone anziane oltre il loro età.”

Lo studio sottolinea l’importanza del monitoraggio degli effetti a lungo termine di una lieve infezione da coronavirus, ritiene Linden. Se l’infezione rende anche gli anziani più propensi a sviluppare la demenza a un ritmo accelerato, suggeriscono gli autori, resta da vedere in ulteriori ricerche.

Linden dice che non ha senso sottoporsi a una scansione cerebrale se si dispone di una forma lieve di Covid-19. “Riguarda i piccoli effetti medi a livello di gruppo, che non trovi nell’individuo”.

Leggi anche: La nebbia cerebrale nel polmone COVID-19 può essere dovuta all’iperattività delle cellule immunitarie

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24