Revisione del protocollo Callisto – Tweakers

Protocollo Callisto

Callisto Protocol è un gioco horror di sopravvivenza che ricorda Dead Space, ma non mostra la stessa qualità su tutta la linea. Il gioco sembra eccellente. L’animazione facciale in particolare è molto apprezzata, che eleva istantaneamente le scene e quindi il modo in cui entri nella storia a un livello superiore. Il gameplay è abbastanza divertente, ma anche un po’ ripetitivo e lento. Quest’ultimo in particolare a volte è fastidioso. Il gioco ti offre poche opzioni per scappare quando ci sono molti mostri intorno a te. È anche curioso che il gioco ti presenti lo stesso tipo di boss intermedi quattro volte prima del boss finale: un po’ più di creatività sarebbe stata gradita. Ostacola il gameplay solo in misura limitata, poiché il protocollo Callisto è ancora buono per una serie di momenti solidi, come quando esplori di nascosto la prigione di Black Iron e l’area circostante, ma avrebbe potuto essere più di questo. Questo vale anche per la quantità di contenuti, tra l’altro: puoi arrivarci in circa dieci ore e non è molto tempo per un gioco che è nei negozi per il successo completo. Ci saranno un’altra modalità Hardcore e New Game +, ma non ci sono ancora. Callisto Protocol è un buon spuntino per i giocatori a cui mancano Dead Space e giochi simili, ma non molto di più.

Alcuni giochi sono considerati “grandi giochi” subito dopo essere stati annunciati. Migliaia di giocatori inseriscono immediatamente questi titoli nelle liste dei desideri, tengono d’occhio le ultime notizie e effettuano preordini. Altri giochi volano più sotto il radar e arrivano come gradite sorprese o non riescono a penetrare affatto in un pubblico più ampio. Il Protocollo Callisto è una via di mezzo secondo me. Il gioco è decisamente più “AAA” che “indie”, quindi è più grande che piccolo, ma l’entusiasmo incondizionato che nasce intorno alle versioni di giochi davvero grandi non riguarda Callisto Protocol. Tuttavia, ci sono motivi sufficienti per guardare a questo gioco in senso positivo. Dopotutto, è un progetto del regista Glen Schofield, l’uomo dietro i giochi Dead Space di Electronic Arts. Poi quei giochi hanno guadagnato molti fan e tutti quei giocatori seguiranno il Protocollo Callisto con interesse quest’anno.

READ  Google lancia una funzionalità per tracciare le origini delle immagini

Ovviamente, The Callisto Protocol non è un nuovo gioco di Dead Space. Dopotutto, Motive Studios sta lavorando per EA su una nuova versione di Dead Space ed è in calendario per il 2023. Il protocollo Callisto ha le sue origini nella creazione di Striking Distance Studios come parte di PUBG Studios. Il desiderio dell’azienda dietro PlayerUnknowns Battlegrounds era che un gioco più basato sulla trama completasse PUBG. All’inizio questo sarebbe stato un gioco vicino a PUBG, ma quell’idea si è rapidamente trasformata in un gioco un po’ più vicino alla visione di Schofield. Per un po’ ha avuto anche l’idea del Protocollo Callisto. E sì, il concetto ha certamente le somiglianze necessarie con Dead Space.

Prigione di ferro nero

Il protocollo Callisto ruota attorno al pianeta Callisto e al pilota spaziale Jacob Lee, interpretato dall’attore Josh Duhamel. Ambientato nell’anno 2320, il gioco inizia quando Jacob e il suo compagno vengono attaccati mentre trasportano una sostanza misteriosa e pericolosa. L’attacco fa schiantare la loro nave su Callisto. Con sua sorpresa, è stato ammanettato lì e portato alla prigione di Black Iron. Cerca di far capire che è innocente e non gli appartiene, ma non aiuta nessuno: si mette un impianto al collo e viene gettato in una prigione.

Non è un ottimo inizio, ma il male peggiora rapidamente quando diventa chiaro che una misteriosa malattia si sta diffondendo nella prigione, trasformando sia i detenuti che le guardie in creature simili a zombi. Jacob viene catturato a malapena quando le cose vanno male. Jacob vede le guardie correre per salvarsi la vita e di solito fallisce. Riesce a scappare dalla sua cella e con l’aiuto del compagno di prigionia Elias Porter, intraprende un percorso che, si spera, lo porterà lontano dalla prigione e dal pianeta. Ovviamente non è facile: la prigione è sempre più invasa da mostri, mentre la sicurezza della prigione, sotto forma di alcuni robot assassini, è ancora attiva. Quindi sopravvivere è una grande sfida.

READ  La scoperta di una misteriosa "porta" sulla superficie di Marte all'estero

La strada alla fine conduce attraverso varie aree dentro e intorno al complesso carcerario. Lungo la strada imparerai di più sull’epidemia e su chi ne è responsabile. Anche Karen Fukuhara, James C. Mattis III e Sam Witwer hanno un ruolo in questa storia. Puoi imparare quest’ultimo da Star Wars: The Force Unleashed; Witwer ha interpretato l’apprendista segreto di Darth Vader chiamato Starkiller in quel gioco. Il cast fa un buon lavoro, ma la cosa più sorprendente della loro esistenza è il modo in cui sono stati ricreati. I volti degli attori sono vivaci e vivaci. Questo è ottimo per un gioco che dovrebbe causare molto stress. Sicuramente rende le scene cinematografiche all’istante molto migliori e più coinvolgenti di quanto sarebbero altrimenti.

ombre

Le viste sono buone e anche il Protocollo Callisto in generale sembra buono. I volti attirano l’attenzione, ma il modo in cui sono costruiti gli ambienti e soprattutto come sono illuminati, merita una menzione. Striking Distance ha sviluppato una sorta di modello di luce ibrida per questo gioco che utilizza in parte le funzionalità di Unreal Engine 4 e in parte sviluppate da loro stessi. I creatori erano principalmente interessati agli effetti delle ombre che si trovano centralmente nel campo visivo del giocatore. Sfortunatamente, non abbiamo ulteriori informazioni su come funziona, ma il risultato è piuttosto interessante. Il gioco può contare su bellissimi effetti di luce, il che ovviamente è importante anche in un survival horror piuttosto oscuro.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24