Riformare le tasse sull’energia e convertirle in tasse ambientali | il tempo

La politica energetica del Belgio si basa sull’intreccio di tasse e sussidi. La riforma delle tasse ambientali uniformi potrebbe produrre un doppio dividendo.

Il nostro sistema fiscale è un drago che necessita urgentemente di una profonda riforma. Un intero carico di tasse viene nascosto, così da passare inosservato nella totalità del carico governativo imposto a residenti e imprese. Ancora più sorprendente è la giungla delle tasse sull’energia, che a quanto pare ha trasformato la bolletta elettrica in una bolletta aggiuntiva.

l’essenza

  • dagli autori
  • Robin Paytens è un esperto di politica energetica presso 3E. Evan van de Kloot è capo economista dell’Istituto Itinera.
  • Soggetto
  • La politica energetica del Belgio si basa sull’intreccio di tasse e sussidi.
  • Suggerimento o offerta
  • Introdurre una riforma graduale per standardizzare le tasse ambientali. Questo produce un doppio dividendo: tasse più inefficienti possono essere eliminate e la nostra economia può diventare più verde.

Qualsiasi proposta di riforma fiscale dovrebbe rendere il sistema più trasparente e semplice. Da anni sono stati compiuti anche sforzi internazionali per ampliare la base imponibile. La dilatazione fornisce i mezzi per esercitare meno pressione sul travaglio e porta a un Sistema fiscale più efficiente.

In questo contesto, nell’ambito della lotta ai cambiamenti climatici, si chiede una tassa sul carbonio. Si tratta di un dibattito legittimo, se si tiene conto di molte delle attuali tasse sull’energia che potrebbero essere considerate equivalenti a tasse sul carbonio segmentate e inefficienti. C’è una grande opportunità per riformarla in una tassa sull’energia su larga scala, che, unita a definizioni razionali di rete, fornisca i giusti incentivi.

tassa ambientale

Uno dei margini più importanti per il nostro Paese risiede nelle tasse ambientali. In sostanza, ciò significa che, tenendo conto del carico fiscale complessivo, i tagli in altre parti del sistema fiscale possono essere finanziati da una tassa ambientale. Ci riferiamo a questo come un “doppio rendimento”. Non solo si potrebbero tagliare tasse più inefficienti, ma il cambiamento potrebbe anche rendere più verde l’economia.

Stiamo pensando a tagli fiscali sul lavoro finanziati da tasse ambientali. Il Belgio è lo Stato membro europeo che, con 250 euro per abitante, è il primo a sovvenzionare i consumi energetici. Con 263 euro a persona, siamo al terzo posto nell’erogazione di sussidi ai combustibili fossili. Lui lei media europea È rispettivamente del 72% e del 35%. È necessario razionalizzare sia la giungla delle tasse energetiche che i sussidi energetici.


Sembra che la giungla delle tasse sull’energia abbia trasformato la tua bolletta elettrica in una bolletta extra.

Con 6,1 miliardi di euro di imposte sul carburante e 1,4 miliardi di euro di “obblighi di servizio pubblico” fiamminghi su elettricità e gas naturale, l’energia in generale è già pesantemente tassata, ma non in modo intelligente dal punto di vista ambientale.

rivoluzione del carbonio

Una riforma graduale ben ponderata può essere attuata e tutte le tasse sull’energia possono essere spostate rivoluzione del carbonio Perché sono. Con una tassa sul carbonio di soli 110 euro per tonnellata di anidride carbonica, tutte le famiglie insieme pagheranno le stesse tasse sull’energia di adesso. Tuttavia, in realtà, le attuali tasse sull’energia sono distribuite in modo molto disomogeneo: le famiglie oggi pagano l’equivalente di più di 300 euro per tonnellata di anidride carbonica in tasse sull’energia su elettricità, benzina e diesel, ma l’equivalente di meno di 30 euro per tonnellata sul riscaldamento . Consumo di petrolio e gas naturale. Il risultato è che i nostri prezzi del gasolio e del gas sono rispettivamente del 20% e del 30% inferiori rispetto alla media europea e fino al 35% e 50% inferiori a quelli dei Paesi Bassi. Tuttavia, il nostro prezzo dell’elettricità è il terzo più alto dell’Unione europea.


Una riforma e un cambiamento deliberati e incrementali in tutte le tasse sull’energia potrebbero portare a una grande rivoluzione del carbonio.

Pertanto, l’attuale sistema fiscale comporta un’enorme tassa sul carbonio sull’elettricità e una tassa molto bassa sul gas naturale e sull’olio da riscaldamento. Ciò è in gran parte dovuto al fatto che la bolletta dell’elettricità contiene tutti i tipi di tasse associate ai costi di supporto dell’elettricità rinnovabile, costi che non possono sorgere con il gas naturale e l’olio combustibile a causa della mancanza di alternative rispettose del clima. Il fatto che la conversione energetica miri a passare dall’uso di combustibili fossili all’uso dell’elettricità rende l’attuale tassazione energetica estremamente problematica per le nostre ambizioni climatiche e rende la transizione energetica inutilmente costosa.

Gli esperti di energia hanno ragione a chiedere la fine dei sussidi ai combustibili fossili e una revisione completa delle nostre tasse sull’energia. Gli economisti sostengono in questo dibattito per una linea temporale incrementale. Il principio centrale dovrebbe essere che stiamo convergendo verso un prezzo unico per la CO22 e altri costi dei danni per ottenere il modo più conveniente per ridurre le nostre emissioni. Anche la capacità di prevedere il ciclo nel tempo è molto importante per prevenire speculazioni di mercato e dare certezze alle famiglie e alle imprese che investono nella transizione energetica.

READ  Un leggerissimo calo del numero di casi corona e del numero di ricoveri | interni

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24