Roster di fine anno: la migliore vittoria di Primus Roglic nel 2021

Liste di fine anno

Nel mese di dicembre sembra flash in bicicletta Tradizionalmente risale all’ultima stagione ciclistica con le serie di roster di fine anno. Quali sono stati gli alti e i bassi dello scorso anno e quali piloti meritano ancora una menzione d’onore per il 2021? Ogni giorno lavorativo c’è un nuovo menu con il sondaggio corrispondente. Oggi è centrale: la vittoria più bella di Primo Roglic nel 2021.

bandiera del padre Parigi – Nizza – Fase 4

Foto: Colore Vos

Primož Roglič ha iniziato “solo” la sua stagione a marzo e lo ha fatto alla Parigi-Nizza. Il campione sloveno ha mancato la vittoria al terzo giorno, nella cronometro di singolare, ma il giorno dopo, Roglic non è stato all’altezza del primo estenuante arrivo. Palcoscenico Chalon sur Son Nar Chiroubles ha terminato una salita finale di 7,2 chilometri.

Le diverse accelerazioni nel gruppo favorito fecero sì che l’ultimo in fuga fosse catturato, ma l’attacco decisivo di Roglic fu piazzato a tre chilometri dalla fine. In tipico stile Roglic, spinge le mani lungo la staffa, facendo un balzo. Michael Matthews ha cercato di seguirlo, ma si è fatto esplodere. Alla fine, Roglic ha preso un vantaggio di 12 secondi in poco tempo, segnando due gol in classifica.

Leggi il report della partita qui


sapere che Tour dei Paesi Baschi – Classifica finale

Foto: Colore Vos

A causa di un doppio tracollo nella fase finale, Roglic alla fine ha perso le vittorie assolute a Parigi e Nizza. Un mese dopo, è stato un successo per il leader Jumbo-Visma nel tour dei Paesi Baschi. E non è stato senza lotta nei sei giorni sulle strade basche sempre accidentate. Roglic ha immediatamente preso il potere in una difficile cronometro, ma era in gioco il suo eterno rivale Tadej Bogar.

Nella terza tappa, il suo connazionale è riuscito a vincere la tappa della prima tappa di montagna, dopo un’appassionante battaglia. Le cose si sono fatte particolarmente interessanti dopo la quarta tappa, quando Roglic ha regalato la maglia di capitano a Brandon McNulty. Jumbo-Visma è arrivato secondo e terzo con Roglič e Jonas Vingegaard, mentre Pogačar è dovuto entrare dal quinto.

Con questo centro di partenza aperto Rugla Attaccare la maglia di leader nella difficilissima tappa finale ad Arrate. Jumbo-Visma, Astana e Movistar hanno costretto gli Emirati Arabi Uniti sulla difensiva e Bogar ha dovuto lavorare per il leader delle classifiche McNulty. Roglic è riuscito ad attaccare dal gruppo di testa, mentre Bogar ha guadagnato spazio solo quando McNulty è stato rilasciato. A quel punto era già troppo tardi per il vincitore dell’UAE Tour, che Vinggaard stava seguendo. Alla fine, Roglic ha assegnato la vittoria di tappa a David Gaudo e si è aggiudicato la vittoria assoluta. Vingegaard è arrivato secondo, davanti al Pogačar, tre teste di serie.

READ  Il governo ha ignorato i consigli sulla riapertura della vita notturna

Leggi il report della partita qui


bandiera GB Giochi Olimpici – Esperienza da solista

Foto: Colore Vos

Abbiamo fatto un salto in tempo, perché Roglic ha dovuto ritirarsi anticipatamente durante il Tour de France a causa di un grave incidente. Lo sloveno ha messo da parte il suo grande obiettivo e ha spostato la sua attenzione verso le Olimpiadi. Tuttavia, il danno di Tourval è stato significativo, quindi era discutibile come sarebbe stato a Tokyo. Nella corsa in linea, Roglic si è messo al servizio di Tadej Pogačar, ma in quel momento Roglic ha avuto la sua occasione.

Cosa è successo? Roglic ha trascorso una giornata senza dolore guidando come un razzo. Al primo giro di 22,1 km vicino al Fuji Speedway, la concorrenza è seguita, ma rispettivamente Tom Dumoulin, Filippo Gana, Rohan Dennis, Wout van Aert e Stefan Küng sono stati in soli 15 secondi. Ma nella seconda parte ha colpito il piroscafo sloveno. Roglic ha sfruttato la salita all’inizio del ring nazionale per aumentare il suo vantaggio.

Denis, Dumoulin e Jana lo hanno seguito di più di mezzo minuto e Van Aert di più di un minuto. Rugla Non si è fermata e ha fissato un tempo di 55,04 minuti sulle ore. Era più veloce degli altri di più di un minuto (!). In effetti, Roglic si stava divertendo, il che ha divertito alcuni spettatori, e ha persino continuato a guidare dopo la fine. Non appena gli è stato chiesto di smettere, gli è stato permesso di prendere l’oro olimpico. Qualcosa che non molti ciclisti possono dire.

Leggi il report della partita qui


sapere che Tour della Spagna – Etappe 17

Foto: Colore Vos

Conosciamo principalmente Primo Roglic come un giocatore multilivello, che può guidare in modo eccellente sulle piste e ha più di un colpo finale schiacciante. In questo modo fa più differenza del solito, perché in linea di principio può seguire, seguire, seguire e poi finire. Ma non sulla diciassettesima tappa della Vuelta a España. Roglic ha poi scelto di attaccare se stesso e in questo modo ha fatto la differenza.

READ  Rihanna si unisce al club esclusivo con una cover hot (foto)

Con Odd Christian Eiking in maglia rossa di leader e Guillaume Martin in testa alla classifica, Roglic ha iniziato l’estenuante tappa di montagna contro Lagos de Covadonga. Egan Bernal ha scatenato un attacco sulla penultima salita (la seconda volta La Colada Lumina), a circa 60 chilometri dal traguardo. L’unico che ha seguito il colombiano? Primo Roglic, e nessun altro. Hanno unito le forze e hanno lasciato indietro la concorrenza di Movistar e Bahrain Victorious.

Ai piedi dell’ultima salita a Lagos de Covadonga, il vantaggio di Roglic e Bernal è aumentato a un minuto e mezzo. Eking e Martin non sono più nel gruppo di stalking, quindi Roglic ha effettivamente preso la maglia rossa. Ma ha cementato quella cattura con una vittoria impressionante sul palco. Il cupo Bernal non è riuscito a tenere il passo con il ritmo veloce sloveno e si è ritirato. A un minuto e mezzo dall’inizio della competizione, Roglic ha segnato il suo doppio in un modo che abbiamo visto molto poco.

Leggi il report della partita qui


sapere che Tour in Spagna – Eindklassement

Foto: Colore Vos

La parola “TRIOGLIC” adornava le magliette stampate da Jumbo-Visma. Solo con il passare del tempo dal processo di Santiago de Compostela è stato consentito anche questo. Primo Roglic ha dato gli ultimi ritocchi alla prova di 34 chilometri battendo Magnus Cort e Thymen Arensman. La classifica generale assicurava che il vincitore assoluto avesse un vantaggio di almeno 4,42 minuti sul secondo posto Enrique Mas.

Delle sue tre vittorie complessive alla Vuelta a España, la più grande è stata nel 2021. Due anni prima aveva fatto il suo debutto nella corsa a tappe battendo Alejandro Valverde di 2,33 minuti, mentre nell’edizione 2020 aveva solo 24 secondi di vantaggio su Richard Carapaz. Roglič e Vuelta, ancora una volta si rivela un buon connubio, anche se Vuelta a España non era prima l’obiettivo principale del goloso sloveno.

“Non ho mai pianificato di guidare la Vuelta dopo le Olimpiadi, ma ho sempre vinto quel round. Questa è una storia in sé”, ha detto a se stesso, guardando indietro nel 2021.

READ  La formazione della hit italiana Corona nel programma “I Love the Nineties” (Hasselt)

Leggi il report della partita qui


sapere che Un tour dell’Emilia

Foto: Colore Vos

L’autunno di Roglic è sempre buono e il leader Jumbo-Visma lo ha dimostrato ad ottobre. Domina il Giro dell’Emilia per il secondo anno consecutivo con un’esplosione di potenza nella ripida zona di San Luca. Tuttavia, nulla ha preso il corso. Evenpoel ha lanciato presto la mazza nel pollaio, costringendo Jumbo-Visma e Roglic a difendersi.

Ad ogni giro bolognese, ad ogni salita verso il Santuario della Madonna di San Luca, la gara si fa sempre più difficile. Alla fine, Joao Almeida, Evenpoel, Michael Woods, Roglic, Adam Yates e Jonas Weinggaard si sono dimostrati i più forti e hanno lottato per la vittoria nell’ultima salita.

Evenepoel ha provato a 500 metri alla fine con un attacco, ma Roglic ha seguito sottilmente, lasciando tutti senza possibilità. Ad Almeida Woods è stato permesso di salire sul podio, ma non c’è stata partita per il vincitore della Vuelta.

Leggi il report della partita qui


sapere che Milano – Torino

Foto: Colore Vos

Primo Roglic ha continuato a brillare anche in autunno. Quattro giorni dopo la vittoria al Giro dell’Emilia e tre giorni prima del Giro di Lombardia, è salito sul podio anche a Milano e Torino. La classica italiana è finita di nuovo alla Superga di Torino e questa salita è proprio così Rugla.

Non è stato facile, tuttavia, poiché è stato Adam Yates a condurre alla salita finale in finale. I suoi rivali hanno dovuto liberarli uno per uno: Alejandro Valverde, Michael Woods, Joao Almeida e anche Tadig Bogar. Solo Roglic poteva seguire il britannico da Ieneos Grenadier. È diventata una dura lotta, dato che Yates ha stabilito il ritmo per così tanto tempo e Roglic si è comportato stanco.

Tuttavia, è stato in grado di seguire una doppia accelerazione di Yates, dopo di che lo sloveno lo ha completato – come spesso accade – con uno sprint impressionante. Lo stanco Yates alla fine ha perso dodici secondi in finale. Un altro pugno potente di Roglic, che otterrà la sua ultima vittoria nel 2021 a Torino.

Leggi il report della partita qui


Vota subito il tuo preferito!

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24