Sandro Veronesi: “Viviamo in tempi di hacking politico”

Sandro Veronesi era così arrabbiato cinque estati fa per la dura posizione del governo italiano nei confronti delle navi delle ONG che salvavano i migranti che non riusciva letteralmente a dormire. Ha messo da parte il romanzo a cui stava lavorando e ha creato un gruppo di lavoro, comprendendo amici e conoscenti che si sentivano anch’essi impotenti. Coloro che si unirono erano disposti a salire a bordo di questa nave di salvataggio. Chi non ha potuto, ha contribuito in modo diverso. Ad esempio, scrivendo contemporaneamente la sceneggiatura di un film e un romanzo su un evento storico in mare.

idea del film Capo È arrivata in un modo molto speciale, racconta Veronesi, durante una videochiamata dalla sua regione natale, la Toscana, dove si trova in vacanza. Un giorno, in una conversazione di gruppo di lavoro, il regista e sceneggiatore Eduardo de Angelis condivise un articolo di giornale su Salvatore Todaro, capitano del sottomarino italiano che nell’ottobre del 1940 affondò una nave mercantile nell’Oceano Atlantico con due aerei inglesi a bordo, ma – contro Istruzioni tedesche: hanno portato l’equipaggio belga al sicuro.

DeAngelis ha detto a Veronesi che voleva fare un film di guerra sulla storia. Secondo lo scrittore, questo piano ha preso una svolta “miracolosa” quando è emerso in seguito che Jasmine Bahrabadi, un’altra membro della loro chat, era la nipote del leader in questione. Bahrabadi de Angelis e Veronesi hanno avuto accesso agli effetti personali di suo nonno e il duo ha scritto la sceneggiatura del film. Capo E un romanzo con lo stesso nome. Il film di guerra apre mercoledì la Mostra del Cinema di Venezia.

Il messaggio concreto del racconto del comandante Salvatore Todaro è piuttosto chiaro. “Per secoli il diritto del mare non è stato solo un diritto marittimo, ma anche un codice morale d’onore”, afferma Veronesi. “I marinai non lasciano morire nessuno in mare, nemmeno il nemico della guerra.”

Veronese ha già preso la penna per esprimere la sua indignazione nei confronti della politica italiana sull’immigrazione. Pubblicato nel 2019 Cani che abbaianoopuscolo scritto dal toscano col dito alzato.

Leggi anche una recensione di questo romanzo sulla migrazione in barca: Marinet de Moore lascia il lettore nella disperazione

Posso dire che questo romanzo ti si addice di più?

“Le critiche sono giustificate”, ha scritto Cani che abbaiano di doppia frustrazione. Ero già andato a Barcellona per imbarcarmi su questa nave di salvataggio quando il governo spagnolo ha bloccato la nave tramite ispezioni. Il lavoro è annullato. Successivamente ho dovuto assentarmi per problemi di salute. Quindi ho scritto questo opuscolo per fare qualcosa, anche se confesso di essere un romanziere migliore, e Victor Hugo non era diverso. Questo romanzo è una risposta più importante a ciò che sta accadendo ora.

READ  Trendsetter della moda allora e oggi: Grace Kelly

L’Italia, proprio come cinque anni fa, sta perseguendo ancora una volta una rigorosa politica di immigrazione. Le navi delle ONG che salvano i migranti in mare vengono regolarmente trattenute o viene loro negato l’attracco al porto sicuro più vicino, come richiesto dal diritto marittimo, ma sono obbligate a navigare per centinaia di chilometri prima di arrivare.

C’è una strategia dietro?

Certo. Queste navi perdono più tempo e denaro per il carburante, il che significa che possono effettuare meno salvataggi. Le navi mercantili non possono certo permettersi una simile perdita di tempo. C’è il pericolo che da ora in poi ci pensino due volte prima di salvarsi. , se ciò significa deviare per giorni. In questo modo, lentamente ma inesorabilmente, la tradizione millenaria che ha portato la civiltà nel Mediterraneo viene smantellata. I marinai affrontavano i grandi pericoli dei mari e degli oceani, contando sulla solidarietà e sullo spirito comunitario per sopravvivere. Certamente c’erano persone che non rispettavano questo principio, ma non erano politici, erano pirati. Oggi viviamo nell’era dell’hacking politico. Non esistono più tabù.

Leggi anche: “Veniamo dall’Europa”, dice l’equipaggio della scialuppa di salvataggio. Tra gli immigrati è scoppiato un forte applauso

“C’è un processo pendente contro Matteo Salvini perché nel 2019, quando era ministro dell’Interno, ha trattenuto per diciannove giorni passeggeri di una nave e ha utilizzato questi disgraziati come mezzo di ricatto per fare pressione su altri Paesi europei. Naturalmente, L’Italia potrebbe lanciare un appello alla solidarietà. Ma no. I vigili del fuoco prima salvano le persone da una casa in fiamme? Poi ci sarà tempo per parlare di redistribuzione degli immigrati. Chi non aiuta in mare mostra comportamenti illegali. In apertura con questo film, la Mostra del Cinema di Venezia manda un segnale importante.

Ma il film potrà far cambiare idea agli “hacker politici” e ai loro elettori?

“La verità si nutre di false supposizioni e si nutre di informazioni false e non scientifiche. Anche se è stato dimostrato in ogni modo possibile che le navi delle ONG non creano un effetto gravitazionale, i politici anti-immigrazione continuano a sostenere che questo tipo di navi non influiscono sull’immigrazione. fattore di resistenza consiste. Perché prende i voti”.

Non stai minacciando soprattutto di predicare alla tua congregazione di sinistra?

“Andare contro la destra non è il mio compito principale, ma scrivere. In questo modo presentano le idee, ricordano i fatti. Non mi dà fastidio che in Italia io sia considerato un intellettuale di sinistra, anche se sono stato a lungo soggetto alla critica di questo lato apparentemente progressista. Dopotutto, Marco Minniti lo ha fatto [als minister van Binnenlandse Zaken van de linkse Partito Democratico, red.] Ha mediato un accordo del 2017 con la Libia per detenere migranti in un paese noto per gravi violazioni dei diritti umani. In Libia i migranti finiscono in veri e propri campi di detenzione, e coloro che si presentano come guardia costiera libica sono i veri trafficanti di esseri umani. Sono i pirati. È come fare un patto con le SS.

READ  Il primo brutale trailer della serie Marvel "Echo" mostra il ritorno di un grande male e di un iconico eroe Marvel

Intanto la sinistra italiana ha preso le distanze da questa linea. Il centro politico comprende anche che fornire assistenza in mare è un obbligo internazionale. E anche se la destra non modificherà il suo comportamento, le nostre azioni al centro e a sinistra fanno la differenza.

L’articolo di giornale sul comandante Salvatore Todaro che ha attirato l’attenzione del direttore Eduardo de Angelis è stata una lettera all’ammiraglio Giovanni Pettorino, comandante della Guardia costiera italiana fino al 2021, in cui si sottolineava che salvare vite umane in mare è un dovere legale e morale. E d’un fiato ha raccontato, partendo dal testo che aveva precedentemente presentato alle autorità, dell’eroe Salvatore Todaro, che affondò una nave nemica e poi ne salvò l’equipaggio. «Perché noi marinai italiani abbiamo duemila anni di civiltà», ha fatto eco Petorino alle parole del comandante Todaro, «e facciamo cose così».

Questo ha attirato la tua attenzione perché hai riconosciuto in esso il carattere nazionale italiano?

«Sì, gli italiani sono un popolo ospitale, di tragedie ne hanno passate tante e vorrebbero evitarne di nuove, ma quei cadaveri finiscono qui, al largo di questo Paese che è un enorme molo nel Mediterraneo.

“Un profondo shock si sta verificando al largo delle nostre coste. Persone molto semplici guardano con stupore. Italiani comuni, come Salvatore Todaro, che sono ancora pronti ad aiutare. Dopotutto, non siamo un popolo selvaggio.”

Sicuramente Veronese ricorda quell’orribile giorno di febbraio, quando decine di cadaveri furono trascinati sulla spiaggia di Sticato di Cotro, in Calabria, nel sud Italia. Almeno 94 migranti, tra cui 35 minorenni, sono annegati a decine di metri dalla costa italiana. L’Agenzia europea della guardia di frontiera e costiera (Frontex) aveva avvistato la nave di migranti colpita sei ore fa.

Ma la guardia costiera italiana, di fronte a una situazione del genere, non ha nemmeno lasciato il porto. “Ecco perché non si è trattato solo di una tragedia, perché qualcuno ne ha la responsabilità. La Guardia costiera fa capo all’amministrazione portuale, che a sua volta dipende dal ministero delle Infrastrutture guidato da Matteo Salvini. “Se qualcuno può dire che la Guardia costiera dovrebbe andare al mare, lui o le persone sotto il suo comando.

READ  Sigrid Cage risponde alle critiche dopo aver rifiutato la prima offerta di foto e interviste

Patate belghe

A bordo del sottomarino italiano nel 1940, non tutti gli uomini di Todaro credono che i ventisei naufraghi belgi debbano essere salvati. Ma il leader non lascia spazio a dubbi. “Portateli a bordo”, dice.

Sul sottomarino, dove tutti parlano a vicenda, la tensione dovrebbe diminuire. C’è un convoglio britannico nelle vicinanze. Se il sottomarino italiano non fosse stato sommerso, gli inglesi probabilmente lo avrebbero silurato. Ma tuffarsi sott’acqua non è un’opzione, poiché i belgi nella torre di guardia annegherebbero. In uno dei capitoli più emozionanti del romanzo, un italiano propone di sbarazzarsi dei belgi, altrimenti moriranno tutti. Todaro ordina rigorosamente al suo equipaggio di obbedirgli e di fidarsi di lui.

Leggi anche la recensione del romanzo Colibrì

Quando un sottomarino fascista viene inaspettatamente autorizzato a salpare davanti al convoglio britannico, si scatena un’euforia che culmina in un raro momento di sorellanza. Todaro chiede ai belgi quale sia il loro piatto preferito, e poi mostrano allo chef napoletano Gigino, che pensava di conoscere ogni piatto di patate, come fare le patatine. Veronese ride: “Prima della seconda guerra mondiale in Italia non conoscevamo le patatine fritte. Inoltre non sappiamo chi li ha introdotti qui, quindi possiamo giocare con quell’idea.

Veronesi dice che c’è più fantasia in questa versione della storia della vita di Todaro. “Come l’ordine del comandante che il cuoco di Gigino, mentre cucina le insapori conserve di bordo, reciti una lunga lista di prelibatezze italiane.”

In questo modo il cuoco deve almeno stuzzicare l’appetito dei marinai scoraggiati e annoiati. Todaro aveva anche un lato tenero, come dimostrano tutti i suoi oggetti privati, quindi rimaniamo fedeli alla sua personalità anche nella narrativa.

Nel 1942, due anni dopo l’incidente della nave belga, Salvatore Todaro fu ucciso da una mitragliatrice britannica mentre dormiva. Dopo la guerra, i belgi posero una targa sulla sua tomba per ringraziare il loro “salvatore” o salvatore. Ad eccezione di un fuochista congolese che morì a causa di frammenti metallici volati via, l’intero equipaggio della nave belga sopravvisse all’incontro con il sottomarino italiano.

Conclude Veronesi: “Gli italiani, i belgi e gli inglesi se la sono cavata piuttosto bene da questa storia”. “Todaro era italiano, ma poteva venire da qualunque parte. Perché salpava con valori come saggezza e umanità. Perché era un marinaio, non un pirata.”

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24