“Sarà un’estate molto difficile”.

Il presidente ucraino Zelenskyj ha visitato la linea del fronte vicino a Kubyansk il mese scorso

Noos Notizie

La primavera scorsa, in questo periodo, c’erano voci di speranza per l’Ucraina: stava arrivando la grande offensiva primaverile, durante la quale le forze russe sarebbero state respinte. Un anno dopo, la linea del fronte potrebbe non sembrare molto diversa, ma lo slancio della battaglia è cambiato. Ora la Russia si prepara a lanciare un attacco.

È difficile dire con certezza dove dovrebbe essere imposto il breakout. Ma di recente un luogo è stato regolarmente menzionato: Kobyansk, nel nord-est dell'Ucraina, a 100 chilometri da Kharkiv.

Il comando dell'esercito russo ha recentemente inviato lì un gran numero di truppe. I think tank internazionali sospettano che tra i 50.000 e i 70.000 russi siano di stanza in prima linea vicino a Kubyansk.

Quando il tempo migliorerà e gli spessi strati di fango scompariranno, potrebbero agire e la paura incombe sull’Ucraina. “Quando il terreno si asciugherà, raccoglieranno tutte le forze e tutto l'equipaggiamento”, ha detto il soldato ucraino Ruslan (47 anni). Kiev indipendente. “Penso che qualcosa stia per succedere e non sarà carino.”

Ecco come appare adesso la linea del fronte a Kubyansk:

La situazione sul fronte vicino a Kubyansk alla fine di questo mese

In parole povere, ci sono cinque grandi unità russe sparse su un'area di 60 km, che si estende da Kubyansk a sud, dice l'ex comandante dell'esercito Mart de Kruif. “Ci sono molte unità dotate di armi pesanti. L'aspettativa è che ci sia un attacco, soprattutto considerando l'armamento, il personale e lo slancio dei russi”.

“Durante quelle battaglie, c'era pochissima correlazione tra gli attacchi sferrati”, afferma De Kruif. “I russi hanno attaccato in avanti con una forza tremenda. Se non ha funzionato subito, allora alle dieci, hanno pensato.”

Alla fine, i russi riuscirono ad occupare Avdiivka, in parte perché le truppe furono portate da Kubyansk a sud e perché l’esercito ucraino decise di ritirarsi. Ulteriori conquiste territoriali sono state ottenute anche nelle aree attorno ad Avdiivka nell’ultimo mese:

  • numero

    La situazione sul fronte vicino ad Avdiivka alla fine di questo mese
  • numero

    Ecco come appariva la città di Avdiivka alla fine del mese scorso

De Kruif sostiene che un attacco simile come quello di Avdiivka costerebbe caro ai russi. “Non è così che si esegue un attacco su vasta scala. Probabilmente lanceranno attacchi concentrati in una piccola area.” Ciò dovrebbe portare a una svolta.

Sebbene la Russia abbia più uomini, munizioni e slancio, ciò non significa automaticamente che si verificherà effettivamente una svolta. L’Ucraina si è trincerata vicino a Kobyansk e recentemente ha costruito una forte difesa. Secondo il presidente Zelenskyj, al momento è la zona più fortificata.

Il portavoce dell'esercito Ilja Yivlas ha recentemente rilasciato maggiori dettagli sulla questione. “Abbiamo creato fortificazioni molto forti. Abbiamo anche costruito bunker di cemento e molte strutture. Inoltre, sfruttiamo abilmente le caratteristiche del terreno.”

De Kruif è d'accordo. La chiave per gli ucraini è aggiungere profondità alla loro difesa. “Hanno creato un intero sistema di linee difensive. Se la prima linea viene rotta, puoi continuare a combattere.” Gli stessi russi stanno utilizzando una tattica simile anche nella regione di Zaporizhia, dove gli ucraini hanno tagliato il traguardo in prima linea l’anno scorso ma non sono riusciti a ottenere molto in seguito.

READ  10 Shades and Total Darkness: I volontari sono tornati dopo 40 giorni di isolamento in una grotta francese

Il giornalista Wessel de Jong ha visitato le linee di difesa nella provincia di Kharkiv il mese scorso:

Località vicino a Kharkiv: “Siamo i primi a incontrarli”

De Kruif dice che attaccare è molto più difficile che difendere. “Quando difendi, spari semplicemente in avanti, ma quando attacchi, devi muoverti. Mentre ti muovi, è difficile posizionare l'artiglieria nel posto giusto, per esempio.”

Per mettere insieme correttamente tutti i pezzi del puzzle, l’esercito russo deve lavorare sodo. “Ciò che vediamo spesso con i russi è che la pianificazione a livello superiore è corretta, ma l'attuazione sul campo fallisce a causa della mancanza di conoscenze professionali tra i soldati. Inoltre, i russi hanno grandi difficoltà a schierare le loro forze aeree in in modo tale che le loro forze di terra possano trarne il massimo beneficio”. Ciò è assolutamente essenziale durante un attacco: un gran numero di soldati e attrezzature, nonché un supporto aereo ben funzionante.

In breve: i russi hanno difficoltà a portare a termine un attacco coordinato. L'ex comandante afferma che, nonostante la carenza di munizioni, uomini ed equipaggiamento, gli ucraini conoscono il terreno e sono pronti ad attaccare.

Le incertezze sono ancora molte e la battaglia potrebbe finire diversamente dal previsto. Una cosa è certa, conclude De Kruif: “Dovremo affrontare un'estate molto difficile e con molte sconfitte ancora”.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24