Scheletri di soldati della Prima Guerra Mondiale recuperati dopo lo scioglimento dei ghiacciai

In Italia, uno scioglimento dei ghiacciai ha portato alla luce i resti di oltre novanta soldati della Prima Guerra Mondiale. 12 di loro sono stati trasferiti al laboratorio per i test. Altre vittime rimangono nelle loro fosse comuni, con grande dispiacere dello storico dilettante Sergio Boem, che le ha scoperte.

Angelo Van Schaeck

Con il diario di guerra di suo nonno, l'alpinista Sergio Boyam (59 anni) scalò cinque anni fa il Passo Donale nelle Alpi italiane, dove il 13 giugno 1918 ebbe luogo l'operazione Valanga. In quel periodo migliaia di soldati dell'Impero austro-ungarico attaccarono la brulla collina al confine tra le regioni italiane del Trentino e della Lombardia, probabilmente con l'intento di avanzare su Milano. Ma l'esercito austro-ungarico non andò lontano: l'artiglieria italiana era oltre il passo del Donale.

In quella notte infernale di cento anni fa morirono più di 2.600 persone, la maggior parte delle quali, 2.300, appartenevano alla parte austro-ungarica. Ubaldo Ingravalle, nonno di Sergio Boem, guidò come tenente il battaglione italiano di artiglieria Valcomonica. Teneva un diario di guerra.

Quattro dita a terra

“Mio nonno descrisse nel suo diario che i morti erano sepolti in due fosse di conchiglie, e descrisse anche la posizione esatta di quelle fosse. Ne trovai quattro nel sito. Uno di loro, ho notato, era coperto di fiori e piante. A quel punto di altitudine, oltre i duemila metri, la natura non era molto clemente, a quanto pare, verso quelle piante.C'era di che nutrirsi.

Storico dilettante Sergio Bohm. Suo nonno, come tenente, comandò un battaglione di artiglieria italiano che combatté nella prima guerra mondiale contro i soldati austro-ungarici sul passo Donnel.Immagine di Sergio Bohm

Il cambiamento climatico e il ritiro dei ghiacciai nella regione stanno facilitando la ricerca. Boom non ha dovuto scavare a fondo, 'mio nonno parlava delle quattro dita di terra che ricoprivano i corpi', per imbattersi nei primi resti. “C’erano ossa e alcuni teschi. Cento anni dopo, non ci sono molte uniformi. Ho trovato delle scarpe, ma niente di più.

Lo storico dilettante ha denunciato la sua scoperta ai Carabinieri. Nell'estate 2022 organizzeranno una spedizione al Passo Donale insieme ad esperti. Dodici soldati caduti furono ritrovati nella prima fossa comune e ottanta in un altro cratere di conchiglia, a una certa distanza.

Teschi con fori di proiettile

Gli scheletri portano tracce di battaglia. Alcune ossa furono fratturate dal fuoco dell'artiglieria italiana e i teschi presentavano fori di proiettile dalle mitragliatrici italiane. I primi 12 scheletri scoperti sono stati trasferiti in laboratorio per le analisi. “Voglio dare a quei soldati, ragazzi nel fiore degli anni, una tomba dignitosa e, se possibile, una lapide”.

I primi risultati della ricerca sono promettenti. Il DNA viene raccolto per determinare l'origine e l'età. Il grosso del reggimento era composto da venti ungheresi. Sui cadaveri sono stati rinvenuti anche pezzi di carta che sono al vaglio di un laboratorio di Trento. “Spero che riescano a recuperare parti delle lettere in modo da poterle incrociare con l'elenco dei dispersi della guerra. Così, forse, potremo ritrovare l'identità.

Il cimitero a 2500 metri sopra il Passo Donale ormai privo di neve.  Le due fosse comuni scoperte appartengono ciascuna ad una diversa regione italiana.  Immagine di Sergio Bohm

Il cimitero a 2500 metri sopra il Passo Donale ormai privo di neve. Le due fosse comuni scoperte appartengono ciascuna ad una diversa regione italiana.Immagine di Sergio Bohm

Caso contro Lombardi

Nonostante le due fosse comuni siano distanti circa 50 metri l'una dall'altra, appartengono a due diverse regioni italiane. La regione trentina ha compiuto ogni sforzo per preservare ed esaminare i corpi. Ma il desiderio di Boehm di recuperare gli altri ottanta corpi ha incontrato la riluttanza della giunta regionale lombarda.

“'Sappiamo già della prima guerra mondiale', mi hanno detto, 'e non abbiamo intenzione di prenderli'”, dice con rabbia nella voce. .”

Ora vuole obbligare la Regione Lombardia a recuperare gli ottanta corpi attraverso una causa. Secondo Boehm si trattava di civiltà, lo stesso motivo per cui suo nonno descriveva le fosse comuni nemiche nel suo diario. “Ha visto quei ragazzi correre su quella montagna brulla, senza alberi, senza ripari, ed è rimasto colpito dalla loro determinazione e perseveranza. Voleva mostrare loro rispetto, credo. Non conosco il vero motivo, ma l'idea è questa”. mi sono formato.”

READ  L'Italia guarda la Turchia "King" Burag Yalmas nella partita di apertura del Campionato Europeo

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24