Scienziati olandesi hanno scoperto un fungo che vive nel mare e che può decomporre la plastica

Forse questa è solo la punta dell’iceberg; I ricercatori sospettano che nelle parti più profonde dell’oceano si possano trovare molti funghi che possono decomporre la plastica.

Questo può essere letto sulla rivista Ecologia olistica. Nell'articolo di ricerca, gli scienziati introducono i funghi Album del parengiodonzio. Il fungo vive, insieme ad altri microrganismi, in strati sottili sui rifiuti di plastica che galleggiano nell'oceano. Gli esperimenti ora dimostrano che il fungo non si limita a galleggiare sulla plastica; l'album P Sembra anche essere in grado di decomporre il tipo di plastica più comune negli oceani, il polietilene (PE). Ma solo se il polietilene, utilizzato tra l'altro per realizzare borse e bottiglie di plastica, è stato prima brevemente esposto alla luce ultravioletta.

ricerca
Un team internazionale di ricercatori, tra cui scienziati olandesi del NIOZ (Istituto reale olandese per la ricerca marina) e dell'Università di Utrecht, ha scoperto le straordinarie capacità… l'album P In viaggio dopo aver condotto ricerche nel vortice del Pacifico settentrionale. Si tratta di una corrente oceanica a forma di anello, dove l’acqua quasi si ferma e si accumulano grandi quantità di plastica. I ricercatori hanno preso parte di questa plastica dal vortice e l’hanno trovata l'album P su di me.

Carbonio tracciabile
I ricercatori hanno poi trasferito i funghi in laboratorio su una speciale plastica contenente “carbonio etichettato”. “Questi isotopi, chiamati 13C, sono ancora rintracciabili nella catena alimentare”, spiega la ricercatrice Annika Vaaksma. “È come un'etichetta che ci consente di tracciare dove va il carbonio. Possiamo quindi rintracciarlo nei prodotti scomposti.”

Velocità
L’esperimento non solo ha permesso a Vaaksma e ai suoi colleghi di giungere a questa conclusione l'album P La plastica si rompe e i ricercatori sono stati anche in grado di determinare quanto velocemente ciò accade. come si è scoperto l'album P Polietilene ad una velocità dello 0,05% al ​​giorno. “Quando il PE viene scomposto, viene rilasciato carbonio”, continua Vaaksma. “Ma le nostre misurazioni mostrano che i funghi stessi ne utilizzano pochissimo. La maggior parte viene convertita in anidride carbonica dai funghi e poi emessa nuovamente. I ricercatori sottolineano che si tratta di quantità molto piccole di anidride carbonica – rispetto a ciò che noi esseri umani espiriamo. quindi questo non aggrava il riscaldamento globale.

READ  Muesli, yogurt da bere e insalate di bagel: gli alimenti ultra-processati portano a malattie

raggi ultravioletti
Pertanto, l'esperimento rivela che i funghi l'album P In grado di decomporre la plastica. Ma solo se sei esposto alla luce ultravioletta, come hanno scoperto i ricercatori in laboratorio. “Ciò significa che i funghi nell’oceano possono decomporre la plastica solo se prima galleggiano vicino alla superficie”, spiega Vaaksma. “Era già noto che la luce UV stessa rompe meccanicamente la plastica, ma i nostri risultati mostrano che questo a sua volta facilita la biodegradazione della plastica da parte dei funghi marini”.

Poiché parte della plastica che finisce nell’oceano affonda a profondità maggiori prima di essere esposta ai raggi ultravioletti, l'album P Non distruggere tutta la plastica nell’oceano. Ma i ricercatori sperano che ci siano anche funghi in attesa di essere scoperti nelle profondità dell’oceano in grado di scomporre la plastica. In attesa di scoprire quei funghi rimasti l'album P appartengono attualmente ad un gruppo selezionato; Finora conosciamo solo quattro specie di funghi marini in grado di scomporre la plastica. “Ci sono innumerevoli funghi marini là fuori”, dice Vaaksma. “Quindi è probabile che oltre alle quattro specie identificate finora, ci siano altri funghi che decompongono la plastica. C’è ancora molto che non sappiamo su come avviene la decomposizione della plastica negli strati più profondi”.

La ricerca di organismi in grado di decomporre la plastica non è certamente un lusso inutile. Ogni anno vengono prodotti circa 400 miliardi di chilogrammi di plastica, una parte della quale finisce nell’ambiente – e infine nel mare. Là galleggia o affonda nelle profondità. In entrambi i luoghi è probabile che rappresenti una minaccia per la vita. Ad esempio, gli animali possono rimanere impigliati nella plastica o ingerire piccole particelle di plastica. Ad esempio, piccoli pezzi di plastica sono stati precedentemente trovati nei corpi degli uccelli marini, di tutte le specie di tartarughe marine, di mitili, di alghe sotto il ghiaccio marino artico e persino negli animali marini che vivono nelle fosse più profonde della Terra.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24