Secondo il medico, Joanne soffriva di stress, ma si è rivelato essere un tumore al cervello

All’improvviso Joan van den Broek (40) di Zwijendrecht ha avuto uno strano sapore in bocca nel marzo 2020. Poi anche il suo braccio ha iniziato a formicolare. Ho pensato strano. Ma prima che ti preoccupassi, i sintomi si sono attenuati.

“Ma presto è successo molto”, dice Joanne. “Avevo anche l’emicrania. Ha rapidamente limitato gravemente le mie prestazioni. In pochissimo tempo ha preso il sopravvento su tutta la mia vita”.

sintomi gravi

Joanne ha lavorato nella logistica quattro giorni alla settimana. A causa della crisi del Corona e del blocco, le sue tre figlie (ora 11, 10 e 8) erano permanentemente a casa. “Dovevo fare il mio lavoro, prendermi cura dei bambini e della famiglia. Anche i più grandi hanno un handicap mentale e ha bisogno di più attenzioni”.

Quindi, quando il dottore ha detto che era stressata, ho pensato: Sì, potrebbe essere proprio così. “Mi ci sono messo. Le donne spesso controllano i capricci, giusto?”

Ma allo stesso tempo morde qualcosa. Dopotutto, i sintomi non erano troppo per lo stress? “Avevo forti mal di testa. Anche dolore al collo. Ho visto macchie quasi costantemente. Ho vomitato molto. I formicolii continuavano ad andare e venire”.

Sono andato dal dottore più e più volte. A causa dei cambiamenti nella pratica, questo era sempre di qualcun altro. “Dicevano tutti la stessa cosa: stress. Ho preso le pillole per l’emicrania. Le prendevo costantemente, ma non aiutavano”.

Qualcosa doveva essere fatto, quindi Joanne decise di affrontare lo stress, dopo tutto. Ha lasciato il lavoro per quattro giorni e ha iniziato un altro lavoro. “Cinque mezza giornata.. poi metà dello stipendio.”

READ  James Webb ha dimostrato che il Big Bang non è avvenuto?

Trascina giù le scale

Non ha iniziato in questa attività. Semplicemente non lo farà. Non ha funzionato come una volta. La seconda settimana in quella nuova compagnia, scesi le scale. “La mia gamba sinistra improvvisamente ha smesso di funzionare. Ma mi sono comunque trascinato giù per le scale. Le signore alla reception mi hanno visto cadere su quelle scale. Sono tornato a casa – poi in pericolo di vita – in macchina”.

Il giorno successivo, Joanne, che era ancora in libertà vigilata, fu espulsa. “Hanno detto che mi sono trasformato in una persona completamente diversa da come pensavano dopo avermi conosciuto durante l’intervista”.

Stava piangendo nello studio del dottore. Di nuovo questa diagnosi: “Hai il burnout”. Ho chiesto il consulto di un neurologo. “Finalmente l’ho capito.”

Era ormai metà novembre – circa otto mesi dopo aver presentato i primi reclami e circa sei mesi dopo essere andata per la prima volta dal medico – quando è stata sottoposta a una TAC all’Albert Schweitzer Hospital di Dordrecht. “Proprio in quel momento ho avuto un grave attacco epilettico, un attacco”, dice Affettuoso. “Sono stato salvato per questo. Sono svenuto e quando sono entrato ero in un ospedale completamente diverso”.

Questo era l’Erasmus MC a Rotterdam. I medici hanno praticato un buco nel cranio per alleviare la pressione sul suo cervello. Ciò era necessario perché si scoprì che Joanne aveva un tumore al cervello. C’era anche una ciste con accumulo di liquidi. Nel frattempo, ha ricevuto 28 radioterapia, chemioterapia e chirurgia. “Non possono prendere tutto. Quindi si tratta di tenerlo sotto controllo”.

READ  Ancora niente corona? Forse sei naturalmente immune

salva la miseria

Dice che Joan non vuole essere arrabbiata con i medici di base. “Si sono scusati e hanno ammesso che avrebbero dovuto prenderla più sul serio. Ma sì, mi dà fastidio. Non avrebbero potuto prevenire il tumore al cervello, ma se la mia lamentela fosse stata presa sul serio immediatamente, sarebbe stato molto me. Sono sopravvissuto alla miseria. “.

Forse il tumore era un po’ più piccolo, dice Joanne. “E di certo non avrei iniziato un nuovo lavoro con tutta l’incertezza che ne è derivata. Perché ora ho ricevuto il 70 percento di quel reddito basso e metà di quel reddito da UWV. Inoltre: ho iniziato a dubitare di me stesso sempre di più durante quel periodo. Perché quando lo dice il dottore, vuoi crederci.

Non pensa molto alle prospettive. Ma spesso è triste. “Chi non sarebbe? Sono nell’estate della mia vita, ma non è proprio estate. Mi stanco spesso. Stanco anche emotivamente. Chiedere aiuto non è facile. Devi essere molto coinvolto. Energia. Ma Sono ancora qui.”

Fondazione Voci per le Donne

Il motivo di questa intervista è il nostro articolo su Petizione di Miriam Kaiger di Voices for Women. In esso, ha sostenuto l’assistenza specifica per sesso e ulteriori ricerche su problemi di salute inspiegabili nelle donne. Secondo la denuncia, le donne hanno meno probabilità di essere indirizzate a uno specialista rispetto agli uomini. “Diamo ancora rapidamente etichette come stress, esaurimento, stress, paure e depressione”, afferma Kaijer.

La petizione è stata consegnata al ministro Ernst Kuipers (Sanità pubblica, Welfare e Sport) la scorsa settimana.

READ  “Le persone vaccinate possono trasmettere il virus con la stessa facilità con cui non lo erano”.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24