Silicon Valley nel XVI secolo

È una battuta che ogni fiammingo conosce: “Anversa è la città e tutto il resto… parcheggioCon questo vogliono dire che alla gente di Anversa piace pensare che la loro città sia il centro del mondo.Una caratteristica che hanno più metropoliti. Solo: Anversa non è una capitale.

Ma ancora. Anversa è da tempo il centro del mondo, afferma lo storico britannico Michael Bay nel suo nuovo libro Anversa. anni di gloria.

Michael Bay non lo dice in questo modo, ma lo pensereste leggendo il suo libro: Antwerp Was Silicon Valley nel XVI secolo. Chiunque sia giovane e ambizioso vorrebbe andarci. Puoi fare una fortuna lì. C’era una relativa libertà nella religione. Giovanni Zoncha, un venditore di tessuti veneziano che si trasferì ad Anversa quando aveva 20 anni, scrisse che le ragazze erano “fantasticamente audaci”. “Durante il pasto mi sono seduto tra due ragazze che ti baciavano di tanto in tanto, e dopo cena mi sono seduto per terra tra le braccia della tua ragazza”, scrive Bey. “Hai parlato di tutto, anche se non avevi una lingua comune, e sei andato a fare una passeggiata senza che nessuno ti accompagnasse”.

Dal romanzo dell’anno scorso frutti di bosco Letto da Jeroen Olyslaegers, che si svolge anche ad Anversa nel XVI secolo, torna subito in città sulla Schelda. Pye sa come rappresentare l’atmosfera quasi visivamente: senti l’odore della birra, senti il ​​ronzio del porto e vedi gli splendidi arredi luccicanti con i loro fili d’oro e d’argento.

caduta di Anversa

Michael Bay non è un romanziere, è uno scrittore. Prendiamo, ad esempio, le frasi con cui apre un capitolo sull’iconoclastia ad Anversa:

“C’erano degli uomini che prendevano a calci la merda nella cattedrale (…). Si burlavano della donna che chiedeva sempre l’elemosina nella Cappella della Madonna. Si arrabbiò, e gettò loro dell’acqua, i ragazzi la molestarono e il sacro silenzio si infranse .

La differenza tra Jeroen Olyslaegers e Michael Pye: le personalità del vero britannico.

READ  Gli italiani evitano la pizza a muro | Instagram

Più si torna indietro nel tempo, più spesso la storia diventa politica. Le risorse della vita quotidiana sono semplicemente scarse. Ma Pai non vuole parlare molto di “fattori economici” e “cambiamenti istituzionali”, perché “si tratta proprio delle persone che ci stanno dietro: cosa sanno, di cosa parlano, cosa ricordano”.

Ma ancora molto brevemente i punti principali. Il periodo di massimo splendore di Anversa inizia intorno al 1500 con l’arrivo delle prime navi portoghesi che trasportano spezie. La città cadde sotto Carlo V. La fine del climax è arbitraria. Puoi prendere 1566 (Istanbulismo), 1577 (quando Anversa si unì alla rivoluzione) o 1585 (quando gli spagnoli riconquistarono la città). Pai finisce la sua storia nel suo ultimo anno.

A quei tempi, c’erano alcune celebrità in giro per la città e Bey le dava faccia dopo faccia. Thomas More per esempio questi sono La città virtuosa Non senza motivo iniziò al Grote Markt, dove un marinaio parlò di un remoto regno insulare con quel nome. Dopotutto, Anversa era il luogo dove si potevano ascoltare storie “sul mondo sempre più aperto”. Anversa era anche un luogo dove si potevano imparare nuove lingue. Non sorprende quindi che si possano identificare gli elementi della città in Torre di Babele, il famoso dipinto di Pieter Bruegel lì.

Il più venduto al mondo

Christopher Plantin, stampatore, Abraham Ortelius, cartografo, Albrecht Dürer, pittore – tutti hanno scelto Anversa come loro base per un periodo di tempo più o meno lungo. La poetessa Anna Bigins, che pubblicò, soprattutto per le donne dell’epoca, a proprio nome: Anche Anversa.

Appena fuori città a Borgerhout, Peeter van Coudenberghe ha creato il suo giardino di piante ed erbe esotiche e medicinali. egli è distributore, un compendio di piante medicinali, è diventato un bestseller mondiale.

READ  Il PSV ha battuto ancora una volta l'Ajax | sport

Il fatto che Anversa fosse così importante nel XVI secolo era dovuto alla sua comoda posizione sul fiume Schelda e al fatto che la sua rivale Bruges si stava lentamente insabbiando. Anversa è stata anche in grado di aggirare Bruges perché c’era più libertà: le corporazioni avevano meno potere e c’erano meno regolamenti che ostacolavano il commercio. I fornitori inglesi, ad esempio, non pagavano le tasse sulle merci che importavano e potevano risolvere le controversie tra loro secondo la legge inglese. Sebbene Anversa sia caduta sotto il dominio dell’Impero spagnolo (cattolico), la città ospitava ricchi ebrei portoghesi fuggiti dall’Inquisizione.

Leggi anche: Barbarie di Anversa del XVI secolo

Anversa ha fatto quello che vuoi. L’ultima frase si adatta allo stile di Bey, che presenta regolarmente la città come un personaggio. Scrive dell’ascesa della città: “Anversa ha cercato di reinventare se stessa e il futuro allo stesso tempo”. Sulla distruzione durante l’iconoclastia: “Era come se la città stessa fosse sorpresa di non essersi difesa”.

grande banchiere

A volte vorresti che Bey spiegasse un po’ di più nelle sue storie sulle persone. Ad esempio, nel caso di Gaspar Ducci, banchiere italiano ad Anversa che è stato uno dei primi nella storia a rendersi conto che si possono fare soldi monitorando da vicino i tassi di cambio e prendendo decisioni tempestive. Nel 1540 Ducci acquistò i soldi “come altri nel mercato comprarono un certo prodotto”. Bey scrive che un tempo controllava tutti i contanti ad Anversa. Mostrò ad Anversa che tutti i commerci e tutta la vita in città potevano essere fermati da un solo uomo. È fantastico, pensi come lettore, e in realtà vuoi saperne di più.

Quindi Anversa è stata per un po’ il centro del mondo. Ma qual è il significato di Anversa per la storia del mondo in passato? Anversa potrebbe non essere stata il luogo in cui è stato inventato il capitalismo, un ruolo spesso attribuito ad Amsterdam oa Londra in un periodo successivo della storia. Ma Bey sostiene che è stata la città in cui il denaro è diventato più delle monete, grazie al commercio attivo di cambiali. Compaiono per la prima volta i listini delle materie prime cartacee, precursori delle pagine finanziarie dei giornali. Michael Bay cita una splendida lettera del banchiere Erasmus Sheetz che tentò di spiegare il nuovo concetto di denaro a un “carissimo amico”, il filosofo Desiderius Erasmo da Rotterdam. Sheetz doveva dire a Erasmus che c’è denaro sotto forma di monete e denaro su carta, che il valore di entrambi può cambiare e che altri possono “usare la differenza tra i mercati monetari a proprio vantaggio e tuo”. Sembra che il grande filosofo facesse fatica ad assorbire tutto. “Preferirei che tu capissi questo più di quanto sembri”, sospirò Sheetz.

READ  Come Lucid Eyre designer Derek Jenkins antica industria

Dopo che Anversa cadde nelle mani degli spagnoli, la città dovette essere ricostruita. Ancora peggio: gran parte della popolazione si è trasferita a nord. Bee conclude: “Quello che è successo ad Anversa ha cambiato il mondo e il modo in cui lo pensiamo. Ma era solo una città, un luogo con mura che potevano sorgere e svanire nel tempo. La città potrebbe erodere e così è stato”.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24