Smascherare il crimine d’onore degli omosessuali (20) in Iran attraverso i social media

Sui social media in Iran e all’estero c’è molto interesse per la morte del ventenne Ali Fadhli Munfared. Secondo l’organizzazione iraniana 6Rang, il giovane noto come Alireza è stato rapito e ucciso dal suo fratellastro e da due suoi cugini. È successo il 4 maggio. Il fratellastro aveva scoperto poco prima che Fazili Munfraid era gay.

Ha vissuto i suoi anni ’20 ad Ahvaz, una città nell’Iran conservatore sudoccidentale. Si dice che avesse un fidanzato in Turchia e stesse progettando di fuggire presto in Turchia, per poi chiedere asilo in Europa con il suo amico.

Fadhili Monfared aveva ricevuto di recente un documento in cui si affermava che era stato esonerato dal servizio militare a causa del suo orientamento sessuale. Il suo fratellastro ha visto quel documento e ha deciso di andare avanti con un delitto d’onore, ha scritto 6Rang in un comunicato stampa.

Si dice che il fratellastro abbia preso Fazili da solo in macchina e si sia recato in una zona deserta. I media stranieri hanno riferito che il fratellastro del ragazzo e due cugini sono stati decapitati. Stava per lasciare il suo corpo sotto una palma.

Secondo 6Rang, i tre membri della famiglia da allora sono stati arrestati perché sospettati di aver commesso un omicidio.

Dietro porte chiuse

I delitti d’onore contro le persone LGBT sono più comuni nella regione, afferma la giornalista di NOS Daisy Mohr. “Non sempre ne sentiamo parlare perché spesso accade a porte chiuse. I crimini d’onore non sono sicuramente sempre nelle notizie; questa storia è uscita sui social media”.

“Conferma che la società in Iran ha ancora grandi difficoltà con i membri della comunità LGBT. Spesso la famiglia e gli amici intimi rappresentano un rischio maggiore delle autorità”.

READ  Il tribunale slovacco assolve un milionario dal complotto per uccidere un giornalista

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24