Sonos avverte di aver sentito parlare della forza dei produttori di altoparlanti intelligenti – IT Pro – Notizie

Sonos non è felice che Apple rilasci Siri a sviluppatori di terze parti. La società afferma che il nuovo standard per la casa intelligente Matter, su cui Apple sta lavorando, porta a una minore libertà per gli utenti dei suoi altoparlanti e dispositivi intelligenti.

Allo stesso tempo, le critiche arrivano dal capo avvocato di Sonos, Eddie Lazarus Udienza al Senato degli Stati Uniti Per competere nella tecnologia della casa intelligente. Lazarus è qui per esprimere la sua opinione in merito e criticare Apple, Scrive MacRumors. Lo standard della casa intelligente è chiamato “comando”, A cosa sta lavorando Apple con Google e Amazon, “Trojan”. Anche il modo in cui Google e Amazon integrano gli assistenti vocali nei loro dispositivi è stato criticato.

Lazarus afferma che il materiale standard della casa intelligente è “praticamente una combinazione di codice Google e Apple”. Apple ha annunciato all’inizio di questo mese alla WWDC Developers Conference che sta collaborando al nuovo standard per i dispositivi domestici intelligenti, Matter. Apple lancerà presto il proprio HomePod. Ciò dovrebbe garantire che i dispositivi delle aziende tecnologiche possano funzionare meglio insieme. “Questa iniziativa potrebbe avere risultati positivi per i produttori di dispositivi come i LED, in quanto potrebbe farli funzionare con tutti e tre i principali ecosistemi”, ammette Lazarus. “Ma dubito che questo porti a un’espansione delle scelte dei consumatori in anticipo”. Dal punto di vista di questi utenti, Lazarus dice: “Scegli tra un numero limitato di giardini murati Lo stesso’. Dice che l’iniziativa contiene elementi di un cavallo di Troia, poiché i progettisti dello standard determinano la natura e la velocità di sviluppo, compresi quelli dei concorrenti.

READ  La modalità Battleroyale di Fallout 76 inizia offline a settembre - Giochi - Notizie

Inoltre, Lazarus è anche critico nei confronti dei requisiti che le grandi aziende impongono prima di eseguire assistenti vocali sui propri dispositivi. Menziona il fatto che Google e Apple hanno deciso che gli utenti possono scegliere solo un assistente intelligente sui loro altoparlanti. “Questa scelta obbligatoria limita la scelta del consumatore, ma è vantaggiosa per Google perché presuppone che la maggior parte degli utenti utilizzerà l’Assistente Google e rimarrà nell’ecosistema di Google”.

Quindi il CEO di Sonos ritiene che a lungo termine gli altoparlanti diventeranno più costosi se verranno utilizzati alcuni assistenti intelligenti. “Questi giganti useranno quindi il loro formidabile potere per determinare come emergeranno nuovi concetti nel mercato”, avverte.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24