Sostegno da Vienna al duro Hoekstra: “Non concediamo nulla”

Il ministro Hoekstra ha partecipato ieri alla riunione video dall'Aia

Noos Notizie

  • Bert van Sloten

    Redattore di Bruxelles

  • Bert van Sloten

    Redattore di Bruxelles

I ministri dell’Eurogruppo devono prendere oggi una decisione sul sostegno finanziario ai paesi duramente colpiti dal coronavirus. Occorre un pacchetto di emergenza per cittadini, imprese e Paesi. La tensione politica risiede nella questione di quali strumenti dovrebbero essere inclusi in quel pacchetto.

L’Italia è favorevole ai prestiti governativi comuni europei (eurobond), mentre i Paesi Bassi e altri otto paesi vogliono mettere a disposizione denaro dal fondo di emergenza ESM (Meccanismo Europeo di Stabilità) a determinate condizioni.

L’Italia vuole gli Eurobond

Ieri mattina presto i negoziati si sono interrotti dopo una maratona durata 16 ore perché l'Olanda da un lato e l'Italia dall'altro non erano pronte a raggiungere un compromesso.

Il Ministro delle Finanze italiano ha affermato durante l'incontro che i prestiti pubblici europei sono vantaggiosi per l'Italia, perché il suo Paese ha bisogno di molti soldi per rimettere in moto l'economia dopo la crisi.

L'Olanda, come Germania e Austria, resiste perché in questo modo il nostro Paese pagherà in parte il prezzo della debole economia italiana. “Gli eurobond sono stati cattivi, cattivi e saranno sempre cattivi”, ha detto il ministro delle Finanze austriaco Blumel. “I Paesi Bassi non sono i soli ad opporsi agli eurobond”, ha detto prima del nuovo ciclo di incontri. “L'immagine diciotto a uno è sbagliata.”

I diplomatici affermano che l’Italia sta scommettendo molto sui prestiti governativi europei ed è meno interessata ai fondi del Meccanismo europeo di stabilità. Il gruppo dei Paesi che circondano i Paesi Bassi è disposto a mettere a disposizione una parte di questa somma (più di 400 miliardi di euro) soprattutto per questioni mediche. “Tutto ciò deve essere adeguatamente giustificato, non stiamo semplicemente rivelando qualcosa”, afferma Blumel.

READ  La Ferrari sostituisce Mattia Binotto con Frederic Vasseur dell'Alfa Romeo

Non è meno spietato di Hoekstra riguardo al resto del denaro, destinato ad aiutare i paesi duramente colpiti a riavviare le loro economie. “Se non hai fatto il tuo dovere nei momenti di sole, non dovresti urlare sanguinosi omicidi e chiedere solidarietà adesso”.

Nonostante tutte le critiche mosse alle azioni di Hoekstra – la Francia lo ha definito vergognoso, la Germania lo ha definito inappropriato e non mirato – egli rimane fedele alla sua posizione secondo cui il prestito è consentito, ma si applicano le solite condizioni. Quindi, non solo effettua i pagamenti correttamente, ma organizza anche il tuo budget. O come dice il ministro austriaco: “Non si può usare la crisi come copertura per risolvere vecchi problemi”.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24