Sotto i riflettori: la carriera di Oscar Piaster

A causa del dilemma decennale che imperversa da tempo nel mondo della Formula 1, il nome Oscar Piastre è ormai noto a molti. Il 2 agosto Alpine ha annunciato il giovane australiano come pilota dal 2023. Successivamente, il campione di Formula 2 ha annunciato tramite i suoi canali social che la scuderia francese aveva fatto l’annuncio senza il suo permesso e che non l’avrebbe fatto. Viaggio verso le Alpi l’anno prossimo. Il 2 settembre è stato finalmente rivelato che Piastre aveva trovato il suo posto nel 2023 alla McLaren. Chi è comunque Oscar Piastre, e perché due scuderie di Formula 1 sono interessate a lui? F1Maximum.nl Continua la sua carriera.

L’attuale campione di Formula 2 è stato visto qua e là sul circuito di Formula 1 prima dell’annuncio delle Alpi. Piastre svolge il suo ruolo di collaudatore e pilota di riserva per la scuderia francese. Il triangolo amoroso tra Alpine, McLaren e Piastri in realtà è nato molto prima. Nel marzo di quest’anno il Piastri è entrato a far parte di un accordo tra le due squadre che ha consentito alla McLaren di utilizzare il Piastri come pilota di riserva. La McLaren non l’ha usata in questa stagione.

Dopo aver vinto il campionato nell’ultima categoria promozione in Formula 1 lo scorso anno, potrebbe passare in Prima Divisione se la squadra fosse interessata a lui. La partenza del due volte campione del mondo Alonso è caduta sulla superficie delle Alpi, dopo di che hanno cercato rapidamente un sostituto per occupare il posto accanto a Esteban Ocon. Si è poi scoperto che non avevano assolutamente alcun accordo con l’australiano e che potevano rimuoverlo dall’elenco dei potenziali piloti.

Uno sguardo indietro: gli anni più giovani della carriera agonistica di Biastri

Il 21enne australiano, che chiama Melbourne la sua casa, ha iniziato a karting come molti altri piloti in giovane età, anche se Piastre all’epoca aveva 12 anni. Raggiunto il livello professionistico nel 2014, ha iniziato a correre in Europa. Nel 2017 ha debuttato in monoposto gareggiando nel Campionato degli Emirati di Formula 4, una serie di corse per gli Emirati Arabi Uniti. Questa categoria di corse segue le regole della Formula 4 ed è generalmente vista come un pool di transizione alle categorie superiori.

READ  Da leggere: la mancanza di chip è una cosa

Nello stesso anno Piastre partecipa al campionato britannico di Formula 4, di cui diventa vice-campione. L’australiano ha fatto parte del team TRS Arden Junior e ha vinto sei partite nel suo primo anno di esordio. Ne ha avuti anche sei in questa stagione primo posto Raggiungere. L’anno successivo, il 2018, il futuro pilota della McLaren ha fatto il suo debutto europeo in Formula Renault. Qui rimase per due anni. Nella stagione 2018 ha collezionato cinque podi, di cui due vittorie. Nel 2018 è arrivato nono in classifica, ma è diventato campione nel 2019. Piastre è stato il primo in quella stagione a segnare tre vittorie e con la sua vittoria nell’ultima gara del fine settimana è diventato campione.

Il campione Piastre con il suo team R-ace GP a Yas Marina

Formula 3

Nel 2020 l’australiano è entrato a far parte di Prema Racing, la scuderia italiana vicentina che opera con successo in Formula 4, Formula 3 e Formula 2. Da gennaio 2020 Piastri farà parte della Renault Sports Academy come premio per la vittoria. Campionato 2019. Nella sua prima gara di Formula 3 in Prima, si è qualificato al terzo posto e ha vinto la sua prima gara. In seguito ha vinto tre gare di fila e ha fatto una buona impressione sull’Alpine, l’ex vettura della Renault. Tuttavia, il torneo non è arrivato per il 21enne. A causa dei problemi di affidabilità della vettura Prima, Piastre ha dovuto lavorare sodo per realizzarla.

Nell’ultima gara della stagione 2020, Piastre era alla pari con il contendente al titolo Logan Sargent, entrambi con 160 punti. Piastre vinse quella gara e alla fine il campionato con tre punti. Dal 2020, l’ex pilota di Formula 1 Mark Webber ha svolto il ruolo di mentore di Pastry. Con questo lavoro Webber allena il suo compagno di squadra australiano e rappresenta il giovane pilota. L’ex pilota della Red Bull Racing è anche in trattativa con i team interessati. Sua moglie, Ann Webber, è coinvolta, tra gli altri, negli affari di Pastry.

READ  Company Europe taglia posti di lavoro a causa dell'economia vacillante

Sotto i riflettori: la carriera di Oscar Piaster
Piastre e coach Mark Webber nel circuito di Formula 1

Formula 2

Quando l’australiano è passato alla Formula 2, non era estraneo alle Alpi. La scuderia francese lo ha seguito da vicino. Lo hanno deciso durante Prova per giovani piloti In Bahrain nel 2020. Nel frattempo Piastri ha già firmato un nuovo contratto con Prema Racing per continuare a guidare per loro nel 2021, questa volta in Formula 2. In questa stagione Piastri ha mostrato il tipo di legno da corsa di cui è fatto.

Il 21enne ha vinto la sua seconda gara dopo aver fatto la sua prima apparizione nella categoria corse ed è riuscito a segnare un podio ogni weekend di gara per un totale di 11. Inoltre, ha ottenuto sei gare più veloci, cinque giri consecutivi primo posto E cinque vittorie, di cui quattro di fila. Questo lo rende uno dei pochi piloti a vincere subito il campionato nell’anno del debutto. Per inciso, Piastre ha vinto questo campionato di 60,5 punti contro Robert Schwartzman, il pilota che è arrivato secondo in campionato.

Biistri collaborazione con le Alpi

La scuderia francese ha deciso di utilizzare i Piastri anche durante i test junior ad Abu Dhabi, al termine della stagione di Formula 1. Si è trattato di una due giorni di test dei nuovi pneumatici Pirelli da 18 pollici che saranno utilizzati a partire dalla stagione 2022. Alpine Lo ha detto l’amministratore delegato Laurent Rossi Motorsport.com Piastri ha avuto un’ottima stagione in Formula 2 e quindi merita sicuramente di essere messo alla prova per il giovane pilota: questo test farà parte del continuo sviluppo di Oscar. Si sta preparando a diventare il pilota di riserva del team per il 2022, aiutando e supportando Fernando ed Esteban così come i nostri team di sviluppo dentro e fuori dalla pista”.

READ  Secondo sospettato arrestato al Museo Zan per furto d'arte

Quest’anno Piastrie ha lavorato anche nelle Alpi. Ad esempio, la scuderia francese di Barcellona l’ha utilizzata durante i giorni di test pre-stagionali, una due giorni di test sul Circuit of the Americas in Texas e un test in Qatar a maggio. Il suo ultimo giro è stato sulla A521 al Red Bull Ring a giugno. Pertanto, le Alpi lo mettono regolarmente al volante della loro auto.

Sotto i riflettori: la carriera di Oscar Piaster
Biastery al volante di un’auto alpina in Austria.

Non guidare mai una gara di Formula 1, ma essere comunque sotto i riflettori

Le vittorie consecutive in Formula Renault, Formula 3 e Formula 2 hanno assicurato che Piastrie attirasse l’attenzione di due squadre. Talenti come George Russell e Charles Leclerc, anch’essi passati dalla Formula 2, non hanno questi record a loro nome. Il ritmo della gara di Biastri è stato molto allettante per i capitani delle numerose scuderie. Anche il giovane australiano ha fatto una buona impressione durante i suoi giorni di audizione.

Alpine ha ideato un vero e proprio programma per il suo pilota di riserva, composto da molte giornate di test e simulazioni per preparare Piastri a un potenziale sedile di Formula 1. Intervista al sito ufficiale della Formula 1. Biastri ha preferito la McLaren, che ha subito parlato in modo chiaro dei successi di Biastri e della loro visione per il futuro. Di conseguenza, ha firmato con la scuderia britannica e dal 2023 prenderà posto accanto a Lando Norris.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24