Spagna e Portogallo stanno interferendo nel mercato elettrico

Giardino spagnolo per prendere il sole. La Spagna ha ottenuto il 38% del proprio fabbisogno di elettricità da fonti rinnovabili nel 2019. Ma il prezzo del gas è il fattore dominante nella determinazione del prezzo dell’elettricità.
Foto: ANP/Sipa

1. Spagna e Portogallo fissano un tetto al prezzo del gas naturale…

Esiste un mercato unico europeo dell’energia? Presto non più, perché poi Spagna e Portogallo hanno annunciato Limite temporaneo al prezzo all’ingrosso del gas naturale. Questa misura mira a ridurre l’esplosione dei prezzi dell’energia (Leggi questa pubblicazione dell’OCSE e vedere dove i prezzi sono aumentati più velocemente) per acquirenti e consumatori industriali.

Secondo la vicepremier spagnola Teresa Ribera, i prezzi dell’elettricità aumenteranno in Spagna e Portogallo Almeno il 30% di diminuzione per provvedimento provvisorio† Inizialmente il prezzo sarà di 40 € per MWh, dopodiché i governi consentiranno un aumento graduale a 48,8 € per MWh.

Tale provvedimento, che avrà validità di un anno, riveste grande importanza per i consumatori che hanno ormai un contratto elettrico a tariffa regolata. La Spagna produce molto Tanta energia verdeMa il prezzo del gas è il fattore dominante nel prezzo dell’elettricità. Finora Lisbona e Madrid limitano il prezzo del gas.

Questo deve ancora essere formalmente approvato dalla Commissione Europea. Il ministro Ribera ha detto di aspettarsi un accordo entro dieci giorni. Tra i problemi che la commissione vede c’è che l’elettricità iberica sovvenzionata potrebbe fluire in Francia, sconvolgendo il mercato lì. Anche i produttori di energia spagnoli hanno protestato contro il piano Ribera.

Bruxelles, Madrid e Lisbona hanno tenuto ampie consultazioni preliminari sull’intenzione iberica. Quindi non sono più previsti venti contrari in Europa, anche se non si può escludere un’azione legale da parte dei produttori di energia.

È interessante notare che Lisbona e Madrid vendono il piano a Bruxelles dicendo che l’isola iberica è in realtà un’isola in termini di mercato energetico. Dicono che l’intervento sui prezzi non avrà molto impatto sul resto dell’UE. La Spagna si è lamentata per anni con l’Unione Europea per la mancanza di infrastrutture energetiche oltre il confine con la Francia. La Spagna potrebbe perdere gravemente elettricità verde in Francia. Ma ora questa modalità isola è utile.

READ  Da non perdere: le migliori notizie da Drenthe e Groningen | Panoramica giornaliera lunedì 14 febbraio

…e Mario Draghi rispolvera una vecchia idea

Il tetto dei prezzi iberici è un gioco da ragazzi per il Primo Ministro italiano Mario Draghi. In precedenza aveva fatto una campagna per la stessa idea nel contesto dell’Unione Europea, ma all’epoca non ci aveva messo le mani.

Successivamente, il governo italiano ha concluso accordi sul gas con Qatar e Algeria, tra gli altri paesi, per compensare la perdita di energia russa. Draghi ora commenta una storia più grande su questo. “Dobbiamo rafforzare la cooperazione energetica con i paesi mediterranei”, ha affermato venerdì. Vuole rafforzare le relazioni con Algeria e Libia e promuovere il commercio tra 22 paesi del Mediterraneo. Possono diventare i più poveri del sud Italia Un hub tra il Nord Africa e l’Europa, ha detto Draghi.

La cooperazione con i paesi del Mediterraneo non è sempre stata una storia di successo negli ultimi anni. Il presidente francese Sarkozy ha preso un’iniziativa di primo piano. Nel 2008 ha tentato di lanciare la “Mediterranean Union”, una cooperazione tra l’Unione Europea ei paesi che si affacciano sul Mediterraneo.

In cima all’agenda del sindacato c’era la lotta all’inquinamento marino, la cooperazione in caso di calamità e sì, l’energia. Quest’ultimo ha comportato la costruzione di grandi parchi solari nei paesi nordafricani.

Ma nonostante il successo del primo vertice del luglio 2008, poco è arrivato dell’Unione per il Mediterraneo. Anche l’ambizioso progetto di Desertec di creare un enorme parco solare nel deserto è fallito. Desertec si è trasformato in un club di consulenza a cui partecipa sviluppo per molti parchi solari in Medio Oriente.

Il presidente Vucic (al centro a destra, con occhiali e cravatta) presenta il nuovo sistema missilistico cinese FK3.
Il presidente Vucic (al centro a destra, con occhiali e cravatta) presenta il nuovo sistema missilistico cinese FK3.
Foto: Agenzia portuale nazionale / Agenzia di Anadolu

2. Negozi Vucic a Pechino, Parigi e Londra

Quando la Turchia, un paese della NATO, ha deciso di acquistare un sistema missilistico russo nel 2019, ha causato forti attriti con gli Stati Uniti. Ankara è stata in grado di acquistare l’aereo da combattimento modernizzato F35, noto a noi come JSF.

Finora, la Turchia è la pecora nera della famiglia NATO, a causa di Ostacoli turchi all’adesione di Svezia e Finlandia all’alleanza militare. Ma il dibattito su un sistema missilistico “sbagliato” è comune.

READ  "La domanda è se questo grazioso bistrot da venti posti abbia ancora il diritto di esistere"

Guarda la Serbia. Lì ha casualmente condotto Cinese Sistema missilistico FK3 Con sgomento dell’Unione Europea. La Serbia è un paese candidato all’adesione all’UE, ma sta andando per la sua strada nella sfera militare. L’adesione alla NATO è stata esclusa dopo gli attacchi dell’alleanza alla Serbia nel 1999. I serbi acquistano armi russe e cinesi.

Rimarrà così, ha affermato il presidente Aleksandar Vucic. “La Serbia è un paese neutrale e deve trovare soluzioni per proteggere il suo spazio aereo e il suo stato”, ha affermato il capo dello stato. Ma l’UE ritiene che a Belgrado, se vuole entrare nell’UE, dovrebbe essere consentito di seguire un po’ di più i passi europei. La Serbia va alla deriva verso la Cina Alcuni analisti dicono.

Per ora, sembra che Vucic stia scommettendo su un sacco di cavalli. Non solo sta acquistando sistemi d’arma cinesi, ma non sanziona a malapena la Russia, vuole acquistare 12 jet da combattimento in Francia (Rafales) e una dozzina di Eurofighter Typhoon nel Regno Unito.

Shopping suino a Roma.
Shopping suino a Roma.
Foto: ANP/AFP

3. Il cinghiale e la lepre a Roma

Quando le strade di Roma sono diventate silenziose a causa del lockdown causato da Corona, all’improvviso si è notato che nella Città Eterna sono comparsi dei cinghiali, in cerca di cibo. Viso carino, come questo cinghiale e i suoi piccoli, anche se saccheggiano i bidoni della spazzatura.

Ma il governo italiano non li trova più popolari. Teme che gli animali diffondano la peste suina africana. Quindi devono fare Lo ha annunciato venerdì il ministro della Salute Andrea Costa. A parte la paura che il virus raggiunga gli allevamenti di suini, al momento ci sono semplicemente troppi maiali, secondo lui.

Gruppi di difesa dell’agricoltura italiana come Cupola del contadino Coldiretti Sinceramente sono d’accordo con lui. Coldiretti ha notato a gennaio la diffusione della peste suina africana in altre parti d’Italia e l’ha attribuita ai cinghiali. «È da irresponsabili che nessuno ascolti i nostri avvertimenti», disse Ettore Prandini, all’epoca presidente della Coldiretti.

Europamania nella tua casella di posta?

Vuoi ricevere questa newsletter per l’Europa via e-mail ogni settimana? Allora registrati qui† Ecco gli episodi passati.

READ  AEX si avvia verso un inizio più alto nel nuovo anno azionario 2022

A cosa dovremmo prestare attenzione questa settimana?

Martedì È annuale? foro economico di Bruxelles, Commissari europei, ministri degli Stati membri dell’UE e capi economisti si scambiano idee. In questa edizione, tra gli altri, con il ministro delle Finanze Sigrid Kaag e l’economista capo del FMI Gita Gopinath.

• Voto della Commissione Ambiente del Parlamento Europeo Martedì sulla tassa di frontiera CO₂. Questa tassa è un’arma contro la concorrenza sleale dei paesi che fanno poco contro il riscaldamento globale.

• Un gruppo di esperti che discute del CEPS Mercoledì Intorno a Riforma delle norme europee in materia di asiloanche alla luce dell’afflusso di rifugiati dall’Ucraina.

L’arrivo del Primo Ministro della Moldova, Maya Sandu Mercoledì per Bruxelles. Si rivolge anche al Parlamento europeo. La Moldova cerca l’adesione all’UE.

Presenta la Commissione Europea Mercoledì Piano Repower dell’UE su come l’unione assorbirà la perdita di energia della Russia. Leggi la storia della giornalista della FDA Rhea Katz. Anche oggi: una nuova versione di semestre europeo, Ponderare la performance economica e le riforme negli Stati membri dell’UE.

• Partecipa il Cancelliere tedesco Olaf Scholz Giovedì Visita i Paesi Bassi.

Leggere (e ascoltare) di più?

punizione caffè d’Europa, Podcast dell’Hagch College Europe, E questa volta si tratta dell’impatto delle sanzioni europee su Mosca. Con l’ex ambasciatore a Mosca Renee Jones capo,Matteo Seagers E il Annette van Suest.

Non tutto calmo Torna a salire la tensione tra Bruxelles e l’Unione Europea per gli Accordi con l’Irlanda del Nord. In che misura? Ascolta questo podcast.

Tasse Netflix Gli svizzeri Domenica ha abbracciato un referendum Introducendo un’imposta speciale del 4% sul volume delle vendite dei servizi di trasmissione in diretta in Svizzera. Il denaro dovrebbe fluire verso la produzione svizzera. Tale accordo esiste già tra Francia e Italia.

Trent’anni dopo Emmanuel Macron vuole nominare un primo ministro, Reportage dei media francesi. L’unica donna primo ministro che i francesi abbiano mai conosciuto è stata Edith Cresson, dal 1991 al 1992.

sulla ripetizione Il Partito socialdemocratico al potere ha recentemente perso le elezioni nello Schleswig-Holstein e domenica nel Nord Reno-Westfalia. Nel secondo caso Anche il partner della coalizione FDP si è ampiamente arreso.

FD Europamania è stato scritto da Han Dirk Heckingcon l’aiuto di questa settimana da Jasper Hotmann Segui anche il profilo FD-Bruxelles Rea Katz e Matejs Chivers† Hai commenti o novità? Dicci tramite [email protected]

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24