Sparatoria contro un elicottero del presidente colombiano Duque al confine con il Venezuela | all’estero

Il presidente colombiano Ivan Duque ha detto che l’elicottero su cui viaggiava è stato preso di mira vicino al confine con il Venezuela. “È un attacco codardo, vediamo fori di proiettile nell’Air Force One”, ha detto il presidente in una nota. Secondo Duque, i suoi servizi di sicurezza hanno impedito “qualcosa di fatale”. Nessuno è ferito.




I media colombiani hanno riferito che a bordo dell’elicottero, che si dice sia stato colpito sei volte, c’erano il ministro della Difesa Diego Molano, il ministro degli Interni Daniel Palacios e Silvano Serrano, governatore della provincia di Norte de Santander. Avevano appena lasciato Sardinata, nel Catatumbo, dove stavano valutando progetti di investimento sociale e anti-contrabbando in quella regione di confine con il Venezuela.

Sulla strada per la città di confine di Cúcuta, furono presi di mira. “Non temiamo violenze o atti di terrorismo. Il nostro Paese è forte e la Colombia è abbastanza forte per affrontare questo tipo di minaccia”.

Nella regione sono attivi l’organizzazione guerrigliera “Esercito di liberazione nazionale” e gruppi scissionisti dell’organizzazione ribelle “FARC”. L’Esercito di Liberazione Nazionale è un gruppo di sinistra che effettua attacchi principalmente nella Colombia orientale. Il gruppo è composto da circa 5.000 combattenti. Le FARC (Forze armate rivoluzionarie della Colombia), in passato la più grande organizzazione di guerriglia, hanno firmato un accordo di pace con il governo nel 2016 e hanno deposto le armi. Ma i gruppi dissidenti delle FARC stanno ignorando l’accordo.

Evan Duque (al centro) nell’agosto di quest’anno. © AFP

READ  Spartizione in Australia: più carbone? Viviamo sullo stesso pianeta?

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24