“Spesso imparo le cose sul lavoro prima di impararle nella vita reale.”

È stato solo quando ha interpretato la regista come attrice che Maggie Gyllenhaal ha capito di voler essere se stessa. La sua prima apparizione alla regia la figlia scomparsa È diventato un successo immediato.

Rubino Collin

Maggie Gyllenhaal, 44 anni, star segretario in un cuore pazzescoSi stava preparando per il suo debutto alla regia la figlia scomparsa, il film tratto da un romanzo di Elena Ferrante, pseudonimo di un autore italiano la cui vera identità è un segreto gelosamente custodito. Quanto al ruolo di Lida, l'”eroina” del film, Olivia Colman ne era già sicura, così come la giovane attrice irlandese Jesse Buckley. Olivia ha interpretato Lyda nel presente, Jesse in Flashbacks, con Peter Sarsgaard come suo amante.

Durante la fine del 2020, Gyllenhaal ha realizzato il cortometraggio Penelope, con Peter Sarsgaard (50), suo marito. La coppia ha girato il film intorno alla loro casa nel Vermont come parte di un progetto Netflix Locale, una serie di cortometraggi girati durante la pandemia. Ma la figlia scomparsa Prodotto anche da Netflix, sebbene sia uscito per la prima volta nelle sale, è il debutto alla regia di Gyllenhaal.

Era un progetto personale molto prima che corteggiasse suo marito. Gyllenhaal è da anni un fan di Ferranti per il Napoletano Quattro Parti, e ne ha divorato ogni parte non appena è apparsa. Questo l’ha portata al libro di Ferrante giorni dell’hijra (2002) e le sue mani erano ansiose di fotografarlo. Ho chiesto all’editore di Ferrante i diritti del film, ma si scopre che sono già stati assicurati. Poi l’editore glielo diede figlia nascosta Per tua considerazione, un seguito più sottile e pieno di suspense su un accademico di mezza età che ha un incontro surreale e teso con una famiglia spiacevole mentre è in vacanza ed è costretta a confrontarsi con i suoi difetti di madre e moglie.

silenzio collettivo

In questo libro, Gyllenhaal ha letto tutto ciò che ama di Ferrante in forma mirata: “Raccontare la verità su come le donne vivono il mondo e parlare di tutte quelle cose su cui abbiamo deciso collettivamente di tacere”. Mentre scriveva una sceneggiatura, si è ritrovata a sentirsi in colpa all’indietro, in particolare nelle scene in cui Lida ignora le sue figlie o scatta foto spontanee verso le sue figlie. (Gyllenhaal e Sarsgaard hanno anche due figlie, Ramona e Gloria Ray.) “Il solo riconoscimento di tali sentimenti ti fa sentire molto vulnerabile.”

Come previsto, lo stesso Ferrante è rimasto fuori dai giochi, contattando Gyllenhaal solo occasionalmente, sempre via email. Tuttavia, l’autore ha esortato l’attrice non solo a dirigere il film in prima persona, ma anche a imprimere la propria impronta sul materiale: qualcosa che Ferrante scrisse in seguito che non avrebbe invitato nessun uomo a fare. “In pratica ha detto che il contratto sarebbe scaduto se non avessi diretto”, dice Gyllenhaal, visibilmente sconvolta. Così ho scritto di nuovo: “Fammi scrivere prima la sceneggiatura e poi vedremo”. Ma lei non ne sapeva niente.

Ferrante ha letto il testo, ma ha fornito un commento limitato. Ha dato la sua benedizione per la fine di una storia modificata di Gyllenhaal, che si adatta ancora alla spinta del romanzo. Gyllenhaal ha davvero avuto un’idea di Ferrante dopo aver affrontato questo mistero letterario?

“Non ne so davvero più di chiunque altro”, afferma. “Ma nella mia immaginazione, è una donna molto saggia di circa 70 anni. Il bello del suo anonimato è che può essere tutto ciò che voglio”.

Gyllenhaal è nata a New York nel 1977, ma è cresciuta a Los Angeles in una famiglia creativa: i suoi genitori erano cineasti e suo fratello minore Jake era un attore prima di lei. Da quando ha avuto l’ambizione di orientarsi?

Maggie Gyllenhaal nel 2021.Getty Images

Dice che è una domanda difficile, perché mi sentivo di non poterlo fare. Come donna che ama i film, era più naturale diventare un’attrice con le idee. Per trent’anni ho lavorato al modo di portare queste idee sullo schermo, a volte in modo sottile – “e poi ho guidato la scena in una certa direzione, sperando che il 30 percento di quello che ho fatto sarebbe apparso nel film” – e talvolta con la persuasione del regista.

Maggie Gyllenhaal

Il suo debutto come attrice è arrivato con il suo ruolo in segretario (2002), ma prima di allora Maggie Gyllenhaal ha recitato nel successo cult Donnie Darko (2001), interpretato da suo fratello Jake. È nota al grande pubblico per il ruolo di Rachel Dawes Il Cavaliere Oscuro (2008) di Christopher Nolan. Negli ultimi anni ha interpretato ruoli di primo piano in serie TV come donna d’onore in un il male. Per la prima volta la sua regia la figlia scomparsa (2021) ha vinto la migliore sceneggiatura al Festival di Venezia.

in un il male, una moderna serie drammatica della HBO ambientata nell’industria del cinema pornografico degli anni ’70 e ’80 a New York, Gyllenhaal è la prostituta Candy, che ha un talento per l’azione, che l’ha portata alla posizione di magnate del cinema hardcore. “Ma ho pensato, la storia non sarebbe stata più interessante se fosse stato un regista e non un produttore? Quindi ho parlato con i creatori David Simon e George Pelicanos, per promuovere l’idea in modo sottile e molto cauto – beh, come te fai come attrice per ottenere ciò che vuoi.

“E poi Candy è diventata una manager”, aggiunge con sollievo. È stato solo dopo aver interpretato il suo ruolo di regista che Gyllenhaal ha iniziato a rendersi conto che era qualcosa che voleva anche lei. Questo non mi ha dato molto l’idea, ma ora posso immaginare di farlo da solo. Sono più coraggioso nel film che nella vita reale. Spesso imparo le cose sul lavoro prima di impararle nella vita reale.

Famigerata scena del pestaggio

Gyllenhaal è stata decisamente coraggiosa nella parte che ha rotto. Era a Steven Scheenbergs segretario, una commedia nera del 2002 su una relazione sadomasochistica tra un avvocato (James Spader) e il suo assistente sottomesso (Gyllenhaal). Nella famigerata scena del pestaggio, Spader le tocca la mano e gli fa ciondolare il mignolo attorno al pollice: uno shock di devozione emotiva nel mezzo di un gioco di ruolo. Questo sottile gesto di base non era presente nel testo né appariva in primo luogo. Dopo essersi consultata con Spader, Gyllenhaal ha abbandonato questo aspetto per il regista: Ehi, era solo una nuova arrivata di 23 anni, ovviamente, ma sarebbe una buona idea includerlo nel film?

“Ho fatto così tante scene di sesso che sono diventato un po’ un esperto in esse”, dice Jaffa. Ma durante la corsa segretario L’ho presa per il collo. Il film è stato girato prima che il “Coordinatore dell’intimità” apparisse sotto l’influenza di #MeToo, uno speciale consulente sul set che assicura che tutte le scene di natura sessuale siano mostrate in un’atmosfera di professionalità e rispetto reciproco.

Quando Gyllenhaal era più giovane, dice, il ruolo veniva spesso ricoperto con più disinvoltura da altre donne in una posizione che si cercavano: “Potrebbe essere la truccatrice o qualcuno del dipartimento di moda, o un’attrice più esperta che semplicemente l’ammirava” . E più esperienza guadagnavo, più diventavo io stesso una persona del genere. Olivia Colman ha fatto lo stesso. Tieni d’occhio le persone che sono più giovani di te e non sempre si sentono in grado di dire di no”.

Crede che qualcosa sia stato mosso da movimenti come #MeToo e Time’s Up, che hanno messo in luce la cultura delle molestie sessuali a Hollywood. “Penso che la marea stia davvero cambiando ora. Non è che all’improvviso siamo tutte brave persone, ma qualcosa sta decisamente cambiando.

La regista Maggie Gyllenhaal sul set de La figlia perduta.  immagine AP

La regista Maggie Gyllenhaal sul set de La figlia perduta.immagine AP

a la figlia scomparsa Gyllenhaal non ha nominato un coordinatore intimo, dice, “perché io stessa ho girato così tante scene di sesso che posso sentire ciò di cui gli attori hanno bisogno”. Coleman e Buckley hanno posto il veto a qualsiasi clip contenente nudità, “E inoltre, non avevo assolutamente intenzione di chiedere a nessuno di fare qualcosa che non volevano fare davanti alla telecamera, sessuale o altro. Ricordo che Olivia non voleva indossare un particolare cappello a cui stavo pensando per lei, quindi sbarazzati di quel cappello.

Nelle scene intime, ma anche altre volte, ho notato che Buckley reagiva meglio al tipo di regia che lei stessa amava. Coleman, d’altra parte, “era completamente diverso. Quando le ho parlato, ho subito capito: Oh no, non è questo il modo per far aprire il suo cuore a questa donna.

isola greca

Inizialmente, il film avrebbe dovuto svolgersi nel New Jersey nella primavera del 2020, ma Corona lo ha sospeso. I produttori mondiali hanno cercato un luogo alternativo e ad agosto hanno trovato l’isola greca di Spetses, dove erano pronti a ricevere la produzione del “volume dell’unità di comando”. Entro dieci giorni dal completamento delle procedure, Gyllenhaal ha adattato la sceneggiatura al nuovo ambiente e lei e il cast hanno iniziato la quarantena nell’Egeo meridionale: non è stato affatto un disastro. Rimasero lì per 28 giorni e tutti si voltarono sulla scena. Girato su quest’isola di 25 chilometri quadrati, comprese le scene ambientate negli Stati Uniti.

È così che il film è uscito dalla crisi, ed è anche un ottimo film: quindi devi avere un vero naso per la regia. Hai lavorato con registi che erano molto affettuosi e che ti hanno dato tutta la libertà, ma anche con alcuni che erano molto duri e altri che erano senza paura e aperti a nulla. Molte volte mi sono sentito come un bambino oppresso che dice a se stesso: “Quando sarò grande, nessuno nel mio gruppo si sentirà in questo modo”.

Copyright: Robbie Collin / Telegraph Media Group Limited 2021.
Traduzione: Leo Reijnen.

Personaggio del film ricco

Il critico cinematografico Berend Jan Buckting si è arreso di Volkskrant Quattro stelle per il debutto alla regia di Gyllenhaal: ‘The power of la figlia scomparsa Sta nella facilità con cui Gyllenhaal assegna molti tratti a un personaggio e consente a tutti di coesistere: maternità spezzata, sessualità, depressione, ossessione e cambio di classe. È difficile immaginare un personaggio più ricco nel film.

Coloro che hanno familiarità con i personaggi della carriera di attrice di Maggie Gyllenhaal, dai suoi esordi come segretaria sadomasochista in segretario (2002) per il suo ruolo di prostituta di strada ed è diventata una regista porno nella serie HBO il male (2017-2019), la sua tendenza a colorare i personaggi con strati al di fuori delle linee delle aspettative sociali si riflette nel personaggio principale di la figlia scomparsa“.

READ  L'attore de "La Vita è Bella" riceve un premio alla carriera alla Mostra del Cinema di Venezia

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24