Stato di emergenza ad Haiti dopo l’assassinio del presidente e ‘aggressori venuti dall’estero’

Il governo di Haiti ha dichiarato lo stato di emergenza in seguito all’assassinio del presidente Jovenel Moise. Questa misura ha lo scopo di rintracciare i responsabili dell’attacco e rimarrà in vigore per due settimane.

Il presidente Moyes è stato attaccato la scorsa notte da assalitori armati fino ai denti Lo voleva morto Nella sua casa vicino alla capitale, Port-au-Prince. La moglie, Martine Mossi, è rimasta ferita ed è in condizioni critiche in ospedale. Secondo l’ambasciatore di Haiti negli Stati Uniti, è stata trasportata in aereo a Miami per ulteriori cure.

L’ambasciatore ha affermato che l’omicidio è stato opera di “commando ben addestrati” e “mercenari stranieri” vestiti da agenti della DEA.

Il primo ministro ad interim Claude Joseph, che si dice ora in carica, ha parlato di “atto barbaro”. Ha affermato che gli aggressori erano “stranieri che parlano inglese e spagnolo”. Le lingue ufficiali di Haiti sono il creolo e il francese. Il primo ministro ad interim non ha fornito ulteriori dettagli sull’attacco e non ha detto se fossero stati arrestati sospetti.

Primo Ministro ad interim

Joseph ha chiamato i residenti a calmarsi. “La situazione è sotto controllo”, ha detto. “Vinceranno la democrazia e la Repubblica”.

Non si sa ancora come continuerà. Ieri il presidente ha nominato un nuovo primo ministro, ma questo Ariel Henry non ha ancora prestato giuramento. E una delle scelte più logiche per la presidenza è stata la morte del capo della giustizia del virus Corona il mese scorso. Non è stato ancora nominato un successore. Claude Joseph è primo ministro ad interim solo da aprile, dopo le dimissioni del precedente primo ministro.

READ  Ecco cosa devi sapere sui prossimi forti temporali about

Disastri naturali, violenza e povertà

La storia recente di Haiti è stata segnata da disordini politici. Jovenel Moss è salito al potere nel 2017 dopo elezioni caotiche. Fu presto accusato di corruzione e in primavera migliaia di manifestanti chiesero la sua partenza.

A febbraio, Moyes ha permesso più di venti mostre scelte o scelte Chi ha detto che si stavano preparando per un colpo di stato. Inoltre, il presidente è stato in disaccordo con l’opposizione sulla scadenza del suo mandato, quest’anno o il prossimo.

Si teme che l’omicidio aggraverà i disordini ad Haiti, che, oltre al caos amministrativo, è anche afflitta dalla corruzione, disastri naturaliviolenza e povertà. Quasi il 60 per cento della popolazione del paese vive al di sotto della soglia di povertà.

risposte globali

Il segretario generale delle Nazioni Unite Guterres ha condannato l’assassinio “con la massima fermezza”. Voci simili si sentono dal resto della comunità internazionale.

Dopo l’omicidio, la Repubblica Dominicana ha chiuso il confine con il suo unico vicino immediato, Haiti. “Questo crimine è un attacco alla democrazia di Haiti e della regione”, ha affermato il presidente dominicano Luis Abenador.

Il primo ministro ad interim haitiano Joseph ha chiesto alle Nazioni Unite di convocare una riunione del Consiglio di sicurezza il prima possibile.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24