Stessa barca, visioni diverse: questo è ciò che stanno facendo i nostri vicini mentre aumentano i contagi

Belgio

I nostri vicini meridionali hanno già iniziato oggi ad adottare misure più severe. È stato revocato circa un mese fa, ma nelle Fiandre è tornato l’obbligo di coprirsi la bocca in pubblico.

Da lunedì ogni belga dovrà esibire la propria tessera Corona anche in palestra e nel settore della ristorazione. Il pass funziona allo stesso modo di CoronaCheck nei Paesi Bassi. La carta è stata utilizzata per qualche tempo in Vallonia e Bruxelles.

Le misure sono necessarie, secondo il governo belga, perché le infezioni da corona stanno aumentando molto rapidamente. Ad esempio, nell’ultima settimana sono state aggiunte 5.700 infezioni. Questo è raddoppiato rispetto a due settimane fa.

Germania

Le infezioni stanno aumentando rapidamente anche in Germania. “Ora siamo a 28.000 infezioni in una settimana. Quel numero non è stato così alto negli ultimi cinque mesi”, afferma il giornalista Jeroen Ackermans. Ma prendere nuove misure non è così facile in Germania.

Tutto ha a che fare con la situazione politica. I tedeschi stanno formando un governo. Lo stato di emergenza in vigore in Germania scade il 25 novembre, ma è stato prorogato in precedenza. Il ministro della Sanità Jens Spahn vuole la revoca dello stato di emergenza, proprio come fanno i nuovi partiti della coalizione.

“Il tasso di vaccinazione in Germania sta andando bene. Il 77 percento di tutti gli adulti tedeschi è stato vaccinato, un tasso molto alto in Germania”, afferma Ackermanns. Ma la Merkel vuole che lo stato di emergenza duri a lungo. Sarà votato in Parlamento intorno al 10 novembre.

Secondo Ackermann, è probabile che si troverà una soluzione temporanea. Lo stato di emergenza verrà interrotto e poi ci sarà un accordo transitorio”. Questo accordo transitorio durerà fino al 20 marzo del prossimo anno. Molte cose rimarranno in vigore in questo accordo, come l’impegno per la maschera per la bocca e il Corridoio della corona.” “I blocchi o il coprifuoco non arriveranno, ma non abbiamo terminato tutte le procedure.”

READ  "Sarebbe stata una buona idea parlare con i Paesi Bassi per una settimana prima del campionato europeo di hockey" | Leoni rossi

Danimarca

Poi lo straniero: la Danimarca. Tutte le misure Corona sono state revocate il mese scorso. Non passa l’areola, né copre la bocca e non supera il metro e mezzo. Più dell’80% dei danesi adulti è stato vaccinato.

Ieri in Danimarca è stato misurato il maggior numero di contagi nel Paese da gennaio. Il ministro della Sanità Magnus Heunick si dice non ancora preoccupato, ma ha invitato i danesi a vaccinarsi per prevenire possibili nuove misure in inverno. È stato anche annunciato all’inizio di questo mese che a ogni danese sarebbe stata offerta una terza possibilità.

Francia

In Francia, l’86 per cento degli adulti è vaccinato. I copri bocca sono ancora obbligatori in pubblico e anche il Corona Pass è in vigore da tempo. Come in Germania, lo stato di emergenza vale anche in Francia. Si dice che durerà almeno fino alla fine di luglio 2022. Ciò rende probabile che tutte le misure applicate ora continueranno almeno fino alla prossima estate.

Italia

I tassi di vaccinazione stanno aumentando rapidamente in Italia, così come il numero di contagi. Da quando il Corridoio della Corona è diventato obbligatorio per operare lì, a metà ottobre, il tasso di vaccinazione è passato dal 70 a oltre l’86 percento. L’obiettivo del governo italiano è aumentare il tasso di vaccinazione almeno al 90%.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24