Studio: gli anziani hanno più anticorpi quando ricevono una seconda dose di Pfizer in seguito

Le persone anziane che hanno ricevuto una seconda iniezione di Pfizer dopo dodici settimane hanno prodotto più anticorpi rispetto alle persone che erano passate tre settimane tra le iniezioni. Questo è chiaro da uno uno studio Dai ricercatori dell’Università di Birmingham.

175 persone hanno partecipato. La ricerca non è stata ancora sottoposta a peer review e non è stata ancora pubblicata su una rivista scientifica.

Tra gli intervistati c’erano gli ultraottantenni che hanno ricevuto il cosiddetto Sostenitore Dopo dodici settimane, la quantità di anticorpi era finalmente 3,5 volte superiore a quella dei loro omologhi che avevano ricevuto la seconda iniezione tre settimane dopo.

“buon lavoro”

Nel Regno Unito, c’erano inizialmente tre settimane tra la prima e la seconda vaccinazione. Quel periodo è stato prolungato in modo da poter dare a più persone la prima vaccinazione più rapidamente. Questo è accaduto anche nei Paesi Bassi; Qui il periodo tra la prima e la seconda iniezioni è ora di cinque-sei settimane.

“Sembra che abbia funzionato davvero bene”, ha detto il vaccinologo Anki Hockredi dell’Università di Groningen. Ovviamente puoi applicarlo anche ai più giovani.Per farlo sono necessarie ulteriori ricerche e anche per vedere se i risultati si applicano anche ad altri vaccini a mRNA.

Il vaccino Pfizer è un vaccino flessibile, ma esistono anche i cosiddetti vaccini vettoriali. Funzionano diversamente. saperne di più? In questo video (da gennaio) Marjolene Van Egmond dell’UMC Amsterdam spiega la differenza:

READ  La porta è aperta solo al mondo esterno nello stato etiope del Tigray

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24