Tadej Pogacar è d’accordo con Anna van der Breggen dopo aver vinto contro Muur van Huy

colloquio

Il miglior corridore di questa generazione era pienamente d’accordo con la regina di Muur van Huy. Anna van der Breggen è riuscita a vincere non meno di sette volte sulla famosa scalata Walloon Arrow, ma non aveva una ricetta coerente per la ripida parete. Continuò a guardare quell’orribile pendio che chiamava l’ultima festa della sofferenza. Anche Tadej Pogacar ha dovuto ammettere dopo la sua prima vittoria a Huy che non esiste una tattica coerente per quel muro.

Dove dovresti dare il massimo? Dove dovresti risparmiare un po’ di energia? Quando dovresti agire se uno dei tuoi concorrenti corre prima del previsto? Queste sono tutte domande a cui Anna van der Breggen non ha ancora una risposta adeguata dopo tutte le sue sette vittorie al Muur van Huy.

“Posso capirlo”, sottolinea Pogacar, mezz’ora dopo il successo del suo raid. “L’anno scorso nella Walloon Arrow, ad esempio, avevo una forma simile a quella di adesso. Quell’anno non sono nemmeno arrivato tra i primi 10. Questo dimostra quanto devi pagare per piccoli errori su quella salita.”

Foto: Cor Vos

Continua: “Un passo sbagliato e le tue gambe possono riempirsi tutte in una volta. Quando arrivi alla parte ripida e sei già pieno di lattato lì, davvero non fai lo sprint negli ultimi cento metri. Hai trovarsi in una buona posizione per poter accelerare a destra oa sinistra.” L’unico consiglio che posso dare a Muur van Huy è di risparmiare quanta più potenza possibile per la parte più ripida attorno alla chicane.”

Di certo non poteva trovare da ridire sul fatto che Pogacar fosse anche un grande favorito di Walloon Arrow. “No, penso che quella svolta mi abbia aiutato in questo corso piuttosto che privarmi. Penso che il resto dei ragazzi del gruppo mi guardasse alle spalle. Ci ha dato un po’ più di spazio per muoverci liberamente nella parte anteriore del gruppo e ottenere una buona posizione, quindi penso che sia stato bello essere uno dei principali contendenti oggi.

READ  L'Olanda segna ancora punti in una lotta con il rivale Portogallo nell'elenco dei laboratori | calcio

Leggi anche:

Tadej Pogacar è anche Maestro e Maestro della Freccia vallone

Non è stato davvero difficile per Pogacar questo mercoledì nelle Ardenne. Anche se era doveroso che lo sloveno in seguito si inchinasse ai suoi uomini Nazionale degli Emirati Arabi Uniti.

“Penso che il nostro team abbia fatto la gara perfetta”, ha elogiato i suoi compagni di squadra. Dall’inizio alla fine, i corridori dell’Emirates Team si sono sistemati con almeno due corridori in testa al gruppo e hanno così dominato l’intera gara.

Foto: Cor Vos

“I ragazzi hanno fatto un ottimo lavoro. Sì, probabilmente era inaspettato che potessimo esercitare un tale controllo. È stato molto buono, molto impressionante. Lavoro davvero dedicato da parte di tutti che mi ha dato una grande spinta e molta motivazione per ottenere la vittoria. Oggi devo molto ai miei compagni di squadra”.

La Walloon Arrow è già la dodicesima vittoria stagionale di Pogacar. una cifra che ha raggiunto in diciotto giorni di gare. Quando il leader degli Emirati Arabi Uniti è al via, la concorrenza conosce l’ora. Installare un numero posteriore significa lottare per la vittoria per lui. Dopo aver vinto l’Amstel Gold Race quattro giorni fa e ora aver vinto la sua quotazione vallone, domenica può completare la sua tripletta delle Ardenne con una vittoria a Liegi-Bastogne-Liegi. Solo il compianto Davide Rebellin ci è riuscito nel 2004 e Philippe Gilbert nel 2011. De Waal che si è congratulato con lui sul palco di Huy a nome dell’organizzazione ASO.

Un ragazzo normale, Pogacar non vuole definirsi così. Non conosco molto bene le statistiche. Faccio solo le mie cose. Sarebbe bello se potessi vincere tutti e tre. Liegi è la più importante di queste tre classiche della domenica. Questo monumento sarà difficile da battere. Anche se gareggeremo sicuramente per il profitto. La squadra è molto motivata e tutti sono molto forti”.

D’altra parte, vincere le cinque reliquie era qualcosa che gli ossessionava la mente. Adesso ha in tasca il Giro di Lombardia (2021, 2022), Liegi-Bastogne-Liegi (2021) e il Giro delle Fiandre (2023). “Penso che un giorno dovrei correre la Parigi-Roubaix. Solo per divertimento e per provare. Ma per ora continuerò a concentrarmi sulle competizioni perché ho dimostrato di saperle gestire bene”.

Nelle ultime settimane, Pogacar ha visto quanto possa essere importante l’esperienza nelle Classiche. Il posizionamento è fondamentale al Giro delle Fiandre e all’Amstel Gold Race di domenica scorsa, ma sicuramente anche per la salita finale del Mor Van Hoy.

Foto: Cor Vos

“L’esperienza può fare la differenza”, assicura Twofold Vincitore del Tour de France. “L’anno scorso ho avuto ottime gambe al Giro delle Fiandre, ma sono comunque arrivato solo quarto. Quest’anno ho cercato di fare tutto alla perfezione e ci tenevo ad essere davanti nei posti fondamentali. Anche se devo anche dire che “ero molto fortunato per le sei ore e mezza perché non sono mai rimasto indietro a causa della sfortuna. Quest’anno tutto sta andando bene nelle Fiandre, ad Amstel e ora qui a False Beagle. Posso esserne molto grato”.

Dopo Ben Healy dopo l’Amstel Gold Race, questa volta è stato Matthias Skgelmos a dichiararsi orgoglioso di essere arrivato secondo dietro al corridore del secolo. Pogacar sente sicuramente l’ammirazione e il rispetto degli altri piloti. “Matthias può dirlo oggi, ma vedo che finisce più corto nel risultato in ogni gara. Forse riuscirà a battermi domenica. Mi sento rispettato nel gruppo, ma rispetto anche tutti gli altri corridori. Io penso che sia una buona qualità nel ciclismo”.

READ  Deludente perdita di punti di Orange contro la Polonia; Depay sbaglia un rigore nell'ultima fase | calcio

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24