Tortura o no: il leader indigeno Dada continua a proteggere la foresta pluviale del Brasile

Dada è il leader originario della regione di Maro nella provincia di Pará, nel sud del Brasile. È considerato il principale protettore della regione amazzonica.

Con l’avvicinarsi del secondo turno delle elezioni brasiliane, il resto del mondo sta rivolgendo gli occhi al paese in cui i polmoni del mondo si sono ridotti per decenni.

Mentre le speranze di Dada per un futuro migliore dipendono dall’esito delle attuali elezioni brasiliane, Amazon non è certo persa, dice. “C’è ancora una parte dell’Amazzonia da preservare, dove la deforestazione non si è ancora verificata”.

per morire

“Sono rimasto bloccato tra due alberi”, dice Dada. Ha ancora difficoltà a parlarne. “La mia mano è su un albero e i miei piedi sono sull’altro.” Una mattina del 2006, due uomini rapirono il leader. “Ho due pistole in testa, a destra ea sinistra.” Gli uomini lo hanno gettato in un’auto, bendato e guidato nel bosco.

Lì lo hanno appeso tra due alberi, ed è stato messo a tacere con una maglietta infilata in bocca. Gli chiedevano ancora e ancora mentre lo torturavano: “La smetti di frenare gli sviluppi economici ora?” Non poteva rispondere. Dada spiega il loro commento. “Chiamano la deforestazione e la produzione di soia lo sviluppo dell’Amazzonia”.

Ma Dada ha iniziato a resistere alla deforestazione minacciando il suo ambiente nel 2006. Si è levato in piedi come leader della resistenza e ha sporto denuncia contro i taglialegna. Ciò ha portato alle sue prime minacce di morte e nello stesso anno al suo rapimento da parte dei due uomini.

La sua coscienza non è stata trovata tra i due alberi fino al tardo pomeriggio. Dada è scampato alla morte ed è riuscito a “tornare a casa” dopo una lunga degenza in ospedale. Dada rimanda la sua casa alla foresta e alla natura.

READ  La polizia arresta ancora boss mafioso della cocaina: arrestato il signore della droga Pete W ad Aruba | l'interno

credici sempre

Da allora, è diventato parte del programma di sicurezza. Ciò significa che Dada avrà sempre la sicurezza personale. Nonostante i rischi, Dada non ha smesso di combattere i taglialegna.

Perché Dadá lo ama ogni giorno che trascorre nella foresta pluviale con la sua comunità. Vivono secondo il ritmo della natura. Dada spiega che a volte il ritmo lascia il posto a un giorno speciale. Come con la luna nuova, è tutta una questione di crescita. “Poi coltiviamo cibo e ci tagliamo i capelli”.

La deforestazione ha interrotto questo ritmo. Quando la giornata inizia, a Dada viene subito in mente. “In passato, la luce era solo verso le dieci del mattino a causa della nebbia che bloccava la luce. La nebbia di quella mattina è scomparsa, e così le nostre giornate iniziano presto”.

Ma non si ferma alla perdita della nebbia. Gli allevatori di bestiame della zona stanno morendo a causa delle tossine dell’Agropox, che, ad esempio, hanno messo sottoterra grandi aziende di semi di soia. Dada spiega che questo riguarda anche l’ambiente. “I nostri polli, maiali e galli stanno morendo perché il veleno è troppo forte.”

Dada non poteva più trascorrere le sue giornate senza doversi guardare alle spalle, perché il rapimento da parte dei due uomini si rivelò non casuale. I nemici lo torturarono di nuovo e diedero fuoco alla sua casa. Anche i suoi cani sono stati avvelenati e un gruppo di uomini ha picchiato duramente suo fratello.

Il capo della resistenza non si sentiva più al sicuro nella giungla. “Sono protetto, ma ciò non significa che le minacce siano cessate”. Dada è profondamente preoccupato per la sicurezza dei suoi cari e delle guardie di sicurezza. “Possono picchiarmi due volte uccidendo qualcuno che amo”.

READ  Nasce una tartaruga a due teste in via di estinzione: 'entrambe e tre le gambe' | All'estero

Lavoro pericoloso in prima linea

Tuttavia, Dadá non deve pensarci due volte quando gli viene chiesto per quanto tempo può tenere il passo con questo. “Fino al mio ultimo respiro, nessuna minaccia o tortura mi fermerà”.

E così, sedici anni dopo, è ancora determinato come il giorno in cui ha deciso di agire. Nel frattempo, molti locali si sono uniti e si sono registrati come “guardiani forestali”. Stanno cercando attivamente taglialegna per porre fine alla deforestazione. Questo è un affare pericoloso, perché i boscaioli illegali non sono timidi nell’usare le armi.

Con gli esploratori in testa, le guardie si infiltrano nel loro obiettivo e poi lo assaltano in modo furtivo. Poi è Dada a parlare.

Le elezioni sono cruciali

Le speranze di Dada per un futuro migliore sono strettamente legate al secondo turno elettorale di domenica 30 ottobre. “Se l’attuale presidente Jair Bolsonaro rimane com’è, ho quasi perso la speranza”. Dalla nomina dell’attuale presidente Jair Bolsonaro nel 2018, la deforestazione nella regione è aumentata notevolmente. Il paese ha stabilito un record dopo l’altro.

Dada crede che l’avversario di Bolsonaro, Luiz Inacio Lula da Silva, potrebbe cambiare le cose. Nella sua campagna, Lula ha promesso di lavorare contro la deforestazione in Amazzonia.

Dada spera che Lola possa fare la differenza se diventa presidente. Tuttavia, il presidente teme che anche lui non possa reggere la pressione dei grandi capitali. “Se Lula non cambia, siamo in un pasticcio.”

“Ma se Bolsonaro continua o Lula vince, non interromperò mai la mia lotta. Non posso fermarmi finché non cambiano le loro idee su ciò che è collettivamente buono per il Brasile e il resto del mondo. Continuerò a lottare per un carattere decente e buona vita a tutti».

READ  Il britannico Ethan (7 anni) è stato travolto da abbracci e cartoline dopo la chiamata della nonna su Facebook | All'estero

Il protagonista del film

Da questa settimana, la voce di Dada è diventata più forte non solo a livello nazionale, ma anche internazionale. È uno dei quattro personaggi principali che ha ricevuto una lettera del Papa nel nuovo documentario The Letter. Il film è dedicato a salvare il mondo e il potere dell’uomo in esso.

Dada spera che il film aumenterà la consapevolezza di cosa significa la deforestazione in Amazzonia. “E spero che ci dia la visione in modo da poter ottenere aiuto per proteggere l’Amazzonia”.

Ma il presidente comprende anche che il film non porterà solo a cose buone. “I sostenitori della deforestazione si rivolteranno contro di me e devo essere preparato per questo”. Quindi Dada è preoccupato per il suo ritorno in Brasile. “Grazie al film, ora sanno anche dove vivo, ma questo non mi impedisce di combattere”.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24