Tre grandi paesi europei potrebbero essere in recessione – e la Banca Centrale Europea ha esaurito le munizioni

L’Europa potrebbe essere sull’orlo della recessione, con la crescita che rallenta in tre delle sue maggiori economie e mostra pochi segnali di miglioramento. Inoltre, la BCE sembra aver esaurito le munizioni per scongiurare una recessione.

Nel complesso le cose non stanno andando bene.

La Germania fa molto affidamento sulle esportazioni, quindi è colpita dalla guerra commerciale tra Stati Uniti e Cina. Il rallentamento della crescita del commercio mondiale ha un grave impatto sulla produzione dell’industria tedesca. Poiché il Paese è la più grande economia d’Europa, l’intero continente ne è interessato.

Mercoledì scorso è stato annunciato che a giugno la produzione industriale tedesca è scesa dell'1,5% rispetto al mese precedente. Secondo la società di ricerca Oxford Economics, “la produzione è diminuita in tutti i principali settori, ad eccezione dell’edilizia, a causa delle tensioni commerciali globali”.

Nel secondo trimestre di quest’anno, la produzione industriale è diminuita dell’1,9% rispetto al primo trimestre, che secondo gli economisti è stato “il più grande calo trimestrale dal 2012”.

“Il nostro indicatore per l’economia tedesca indica una contrazione nel secondo trimestre”, il che è un segnale piuttosto triste che l’economia tedesca sta sopportando il peso maggiore della guerra commerciale.

Ciò significa che dopo il declino della produzione e dell’economia, si potrebbero perdere posti di lavoro. Secondo Stefan Shelby, capo economista della HSBC, la disoccupazione è aumentata a luglio per la seconda volta in tre mesi. Secondo Shelby, il rallentamento della crescita “inizia ad avere un impatto (modesto) sul mercato del lavoro”.

Economia tedesca

Immagine: Oxford Economics/Hafer Analytics

Il Regno Unito non è in una posizione migliore

L’economia britannica si è contratta nel secondo trimestre per la prima volta dal 2012, segno che l’incertezza sulla Brexit sta avendo un impatto sull’economia.

READ  Il sindaco di Roma non vuole far entrare i tifosi del Feyenoord nella sua città | calcio

“La fiducia sulla salute dell’economia del Regno Unito ha subito un duro colpo”, ha detto venerdì Lukman Otunuga, capo analista di FXTM.

Otunuga colpisce nel segno. Poiché gli economisti si aspettavano una stagnazione della crescita nel secondo trimestre, la contrazione è un esempio dei problemi che il Regno Unito deve affrontare.

La Brexit è un fattore importante in questa materia. La sicurezza è fondamentale per un’economia di servizi come quella del Regno Unito. La contrazione degli investimenti delle imprese in cinque degli ultimi sei trimestri è quindi un segnale che vi sono poche certezze a causa della Brexit.

“L’economia sta ancora reggendo bene grazie alla spesa pubblica e dei consumatori”, ha affermato Ranko Peris, analista di mercato di Monex Europe, in un rapporto pubblicato venerdì. “Questa è una situazione insostenibile per l’economia e dimostra quanto sia realmente impattante la Brexit”.

Venerdì la sterlina, la valuta britannica, è scesa dello 0,4% a causa della notizia di una contrazione nel secondo trimestre.

“I dati deludenti sulla crescita fanno suonare un campanello d'allarme su come la Brexit potrebbe spingere l'economia ulteriormente nella recessione”, dice Otunuga. “Questa debole prospettiva potrebbe spingere la Banca d'Inghilterra a tagliare i tassi di interesse prima di quanto si pensi attualmente, nel tentativo di rilanciare l'economia”.

Economia del Regno Unito

Immagine: Macroeconomia del Pantheon

Nel frattempo, l’Italia affronta i propri problemi

Venerdì scorso il vicepremier Salvini, che appartiene alla Lega Nord, ha ritirato la fiducia al governo. Ciò ha avuto un impatto sui mercati finanziari, poiché i tassi di interesse sui titoli di stato sono aumentati. Il debito pubblico italiano rappresenta circa il 130% del reddito nazionale, uno dei più alti in Europa, e non mostra segni di calo a causa della debole crescita dell’economia italiana.

READ  Puma: Focus su energia e informazione

“C'è poco che il governo italiano possa fare per evitare che il rapporto debito/Pil cresca ulteriormente. Le soluzioni per migliorare il rapporto debito/Pil – maggiore crescita economica, austerità e maggiore inflazione – sono quasi impossibili, in parte a causa dell'appartenenza all'eurozona. Di conseguenza, dobbiamo credere che l'Italia lo farà Alla fine non ha altra via d'uscita se non la revisione del debito o addirittura il default, stima Capital Economics.

Il debito dell'Italia

La BCE può fare qualcosa per salvare la situazione?

Non reale.

Si prevede che la Banca Centrale Europea taglierà i tassi di interesse a settembre per cercare di allentare la pressione sull’economia, ma è improbabile che ciò sia sufficiente.

La BCE non ha molto margine di manovra perché il tasso di interesse ufficiale è già molto basso, negativo allo 0,4%. La Banca Centrale Europea non ha molte armi nel suo arsenale per rilanciare l’economia dell’Eurozona, quindi una recessione potrebbe essere inevitabile.

Tutto sommato, l’economia europea appare piuttosto stagnante.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24