Triplo attacco dall’Italia al prodigo Cristiano R…

CR7 ha lasciato la Juventus dopo tre stagioni la scorsa estate per tornare all’Old Trafford. La vecchietta voleva vincere la Champions con Ronaldo, ma non è andata oltre i quarti di finale. La Juventus ha vinto due volte il titolo e una volta la coppa, mentre Ronaldo ha segnato 101 gol, ma il suo periodo italiano non è stato un grande successo.

Questa settimana, due dei suoi ex compagni di squadra hanno parlato in modo deciso del 36enne portoghese. All’inizio era il ruolo di Leonardo Bonucci.

“La presenza di Ronaldo ha avuto un impatto enorme su di noi”, ha detto il difensore italiano all’Athletic. “Allenarsi con lui da solo ci ha dato piccoli extra, ma inconsciamente i giocatori hanno iniziato a pensare che avremmo vinto le partite solo grazie alla sua presenza. L’idea che un giocatore potesse portarci al successo. Così abbiamo iniziato a non essere all’altezza del nostro lavoro quotidiano. Umiltà , sacrificio e voglia di lottare ogni giorno per i compagni. Ho visto quel calo negli ultimi anni”.

“La scorsa stagione siamo arrivati ​​quarti e abbiamo vinto la Coppa Italia perché eravamo di nuovo una squadra”, ha continuato Bonucci. Se avessi lanciato un pezzo di legno nello spogliatoio in quel momento, avrebbe preso fuoco. L’abbiamo perso. Queste cose erano scontate perché se diamo la palla a Cristiano, vinceremo. Aveva solo bisogno della squadra quanto noi avevamo bisogno di lui. Ci deve essere interazione perché la squadra spinge l’individuo a livelli più alti, anche se questo è il miglior giocatore del mondo”.

© Reuters

“Avrebbe dovuto partire prima.”

Pochi giorni dopo, Giorgio Chiellini ha criticato. “Ho capito subito che Ronaldo avrebbe potuto lasciare la Juventus”, ha detto il difensore a DAZN. “Eravamo a un punto di un rapporto lavorativo in cui aveva bisogno di nuove motivazioni e di una squadra per cui giocare. Se avesse avuto quella, avrebbe potuto essere sempre decisivo, come la Juventus. Ma il club ha avviato un percorso di rinnovamento. Sarebbe stato un bonus se Cristiano fosse rimasto, ma era logico che abbia scelto il presente piuttosto che il futuro”.

Ronaldo non è partito fino alla fine del mercato e non ha fatto bene a Torino. “Ci ha lasciato il 28 agosto. Sarebbe stato meglio se Cristiano fosse partito presto per prepararci. Purtroppo abbiamo dovuto pagare per questo. Ha avuto un impatto sconvolgente e per questo abbiamo perso punti in partenza. Se era andato il primo della giornata”, ha detto Chiellini. Agosto, avremmo avuto tempo per riorganizzarci e preparare la nuova stagione”.

La Juventus ha iniziato la Serie A con un punteggio di 2 su 12 ed è stata penultima dopo quattro giorni di partite. Da allora, Oude Dame ha vinto quattro volte consecutive nel suo paese e tre volte in Champions League.

© Tuttosport

Ma dopo i commenti del duo centrale, Tuttosport ha ritenuto necessario fare ulteriori critiche a Ronaldo. Secondo il quotidiano sportivo torinese e generalmente ben informato Guido Faquiago, i portoghesi avevano regole diverse rispetto al resto della squadra.

“Ronaldo ha violato le regole del cambio di stanza. Le regole che nascevano dall’uguaglianza, dall’unità e dall’umiltà. Il suo comportamento, dentro e fuori dal campo, non è stato apprezzato da tutti”. “Ronaldo ha aiutato poco sul fronte difensivo e non si è mai adattato allo spirito di squadra. Questo ha avuto un impatto sulla prestazione della Juve”.

READ  Gli imputati in Italia a volte aspettano fino a dieci anni per un verdetto. Il premier Draghi vuole cambiare le cose

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24