Tuttavia, un farmaco moderatamente efficace contro l’Alzheimer sta facendo una svolta scientifica

Contrassegnare un farmaco contro l’Alzheimer che funziona abbastanza bene, è costoso e ha effetti collaterali fatali come una delle scoperte scientifiche del 2023. Tuttavia, questo è ciò che stanno facendo gli editori della rivista Science, e anche alcuni scienziati sono molto soddisfatti del farmaco.

In uno studio su quasi 1.800 pazienti con malattia di Alzheimer in stadio iniziale, la metà ha ricevuto un placebo mentre l’altra ha ricevuto lecanimab, come viene chiamato il farmaco. Entrambi i gruppi di pazienti sono stati poi seguiti per diciotto mesi. Dopo un anno e mezzo, il declino delle funzioni cognitive, compresa la memoria, nel gruppo trattato con lecanimab sembrava essere stato soppresso del 27% rispetto al gruppo di controllo.

Il secondo farmaco, donanemab, ha rallentato gli effetti della malattia di Alzheimer del 35% in 18 mesi di utilizzo. Questo farmaco può anche avere effetti collaterali gravi. Sebbene donanemab non sia stato ancora approvato, lecanimab è disponibile negli Stati Uniti e in Giappone.

Tuttavia, gli scienziati che non sono stati coinvolti negli studi mettono in dubbio i risultati. La questione è se l’effetto modesto aumenta con la prosecuzione del trattamento, poiché la malattia di Alzheimer comporta un graduale peggioramento.

[Bron: KIJK Magazine]

READ  Le uova dei pidocchi su antiche mummie preservano il DNA umano e gettano nuova luce sulla storia sudamericana

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24