Un altro prigioniero politico muore in Bielorussia

Ihar Lednik è stato condannato per aver diffamato il presidente Lukashenko

Noos Notizie

Un altro prigioniero politico è morto in Bielorussia. Si tratta dell'attivista e giornalista 64enne Ihar Lednik. Lo ha riferito il partito bielorusso BSDP, di cui era membro. Secondo il partito, Lednik è morto di infarto dopo che la sua salute è peggiorata notevolmente in prigione.

Lednik è stato arrestato nell'aprile 2022. Nello stesso anno è stato condannato a tre anni di colonia penale per aver diffamato il presidente Lukashenko nella rivista del partito BDSP.

Nel post intitolato “La neutralità della Bielorussia riconosciuta a livello internazionale è una garanzia di sicurezza nella regione dell’OSCE”, Lednik ha accusato il presidente di aver commesso “crimini particolarmente gravi”, secondo l’accusa.

Quinta morte in due anni

Secondo l'organizzazione per i diritti umani Viasna, Lednik è il quinto prigioniero politico a morire in Bielorussia in due anni. Attualmente nel Paese ci sono circa 1.500 prigionieri politici. Molti di loro sono stati arrestati a seguito delle diffuse proteste scoppiate nel 2020 dopo la controversa rielezione di Lukashenko. Governa il paese con il pugno di ferro dal 1994. L’incoerenza non è tollerata.

Il leader dell'opposizione bielorussa Tikhanovskaya, che vive in esilio in Lituania, ha descritto la morte di Ledniks come una “nuova tragedia”. Lei se lo ricorda su Facebook È incredibilmente ingiusto che “il regime nelle carceri uccida i bielorussi che volevano cambiare in meglio la vita nel loro Paese”. Invita i media, i partner internazionali e gli attivisti per i diritti umani a difendere i prigionieri politici. Secondo lei, molti di loro soffrono di gravi problemi di salute. “Stanno combattendo per la loro salute e la loro vita in condizioni orribili”.

READ  Il trio vive per una settimana su un'isola deserta su una noce di cocco

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24