Un anno dopo l’esplosione di Beirut: come vanno le cose adesso?

Olaf Koenz è il corrispondente dal Medio Oriente di RTL News. È oggi nell’area dove è prevista una grande manifestazione. Gli facciamo domande.

1. Rivitalizzare prima: cosa è successo un anno fa?

Quindi prima dobbiamo tornare indietro nel tempo. Otto anni fa, nel porto di Beirut, capitale del Libano, arrivavano 2.750 tonnellate di nitrato di ammonio. Questa materia prima viene utilizzata come fertilizzante ma anche per fabbricare bombe.

Una nave da carico lunga 86 metri navigava sotto bandiera moldava e trasportava materiali a bordo. La nave doveva essere in viaggio per il Mozambico, ma è stata rifiutata e non gli è stato permesso di continuare la navigazione. La nave e il suo carico esplosivo sono stati lasciati nel cuore di Beirut. Nel novembre 2014 è stato deciso di stoccare temporaneamente una spedizione di nitrato di ammonio in un magazzino del porto.

Fino a quando qualcosa non va storto il 4 agosto 2020, 2.750 tonnellate di nitrato di ammonio provocano una massiccia esplosione. Guarda le foto qui:

Prima dell’esplosione, in uno dei magazzini è scoppiato un incendio. Più di 200 persone sono state uccise e più di 6.500 persone sono rimaste ferite.

2. Cosa vediamo dall’esplosione ora, un anno dopo?

Un mese fa Olaf Koons era ancora a Beirut. “La costruzione della città sta andando molto lentamente”. Spiega che si tratta di un problema finanziario. Non è questo che dice il governo libanese: faremo in modo che tutto andrà bene. “I cittadini possono pagarsi da soli. Ciò significa che le persone che hanno soldi possono assumere lavoratori edili per riparare le loro case. I poveri devono risparmiare”.

READ  diretto | Il 70% della popolazione dell'UE ha ricevuto il vaccino | interni

Ma questo è difficile, perché c’è un caos finanziario nel paese. Molte persone povere non possono ancora permettersi le riparazioni. Risultati? Quando si cammina per le strade di Beirut, a volte la forma dell’edificio varia da un piano all’altro. “Molti posti sono ancora inabitabili. I danni sono ancora visibili ovunque”.

Al momento del big bang a Beirut, gli sposi stavano girando un video di matrimonio. Le immagini di come nascondersi si sono diffuse in tutto il mondo. Quasi un anno dopo, la coppia ha rivisitato il sito:

3. Che dire di questi problemi economici?

Il Libano vive da mesi una crisi economica che sembra lontana dai livelli più bassi. “Le cose non stanno andando bene”, dice Cowens. Il valore della valuta libanese si è notevolmente deprezzato nell’ultimo anno. A causa della massiccia inflazione, molti generi alimentari sono molte volte più costosi, e quindi quasi costosi, dai pannolini alle medicine: tutto costa una fortuna. “La crisi economica è enorme. Non ho mai visto un paese crollare così rapidamente”.

Un mese fa, il giornalista Olaf Queens ha visto in un mercato di Beirut che frutta e verdura erano diventate troppo costose per molte persone. “Molte persone non hanno più i soldi per comprare il cibo”.

Ed è stato annunciato alla fine dello scorso anno che l’ex primo ministro Hassan Diab e tre ex ministri sarebbero stati accusati di negligenza che ha causato l’esplosione. Queens: “Quindi le persone sono state fissate, ma non sono ancora state condannate. Chissà se accadrà”.

5. L’esplosione di oggi è avvenuta esattamente un anno fa. Ci sarà un memoriale?

È stato previsto un minuto di silenzio in memoria delle vittime dell’esplosione. Anche il Queens sa che c’è stata una grande dimostrazione. Il Libano è sempre stato un Paese con molte origini etniche, ma queste manifestazioni uniscono molte persone”. Per molti libanesi, l’esplosione nel porto di Beirut è stata la goccia che ha fatto traboccare il vaso. Un secchio pieno di miseria, povertà e corruzione Chiedono cambiamenti nel sistema politico.

Ma cosa fa arrabbiare i libanesi? È spiegato nel video qui sotto:

Il Queens non sa come andrà la manifestazione. Ma ha partecipato più di una volta alle proteste in Libano. Sa per esperienza che le cose possono diventare difficili. “Puoi sparare proiettili veri o proiettili di gomma e puoi usare gas lacrimogeni”.

6. Si può ripetere un simile disastro in Libano?

“Non lo escluderei”, dice Cowens. Si tratta di un caso specifico con un carburante specifico. Di solito non c’è nulla di cui preoccuparsi se è conservato correttamente. “L’esplosione è in realtà il risultato di anni di corruzione e abuso di potere nel paese, con lo stato che ha tradito i suoi cittadini”. E ancora non è successo nulla: “Le probabilità che si ripeta sono scarse, ma il motivo per cui è successo è ancora lì”.

READ  Avanzata talebana in Afghanistan: 'Non ho mai pensato a una soluzione sostenibile'

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24