Una nuova opportunità per riformare l’economia italiana – Politica

Mario Draghi resta Primo Ministro italiano. Rimetterà in carreggiata l’economia italiana? L’ex governatore della banca centrale ha il potere, ma poco tempo. Ci saranno le elezioni tra un anno. “Molte iniziative rischiano di essere lasciate sulla carta”.

L’economia italiana è uscita dalla pandemia relativamente indenne, superando persino l’economia dell’eurozona. Quest’ultimo è cresciuto del 5,2% nel 2021, un numero davvero buono. L’Italia va ancora oltre, con una crescita del 6,5 per cento. Si stima che la produzione italiana tornerà ai livelli pre-pandemia in questo trimestre. Buona anche la fiducia dei consumatori e l’industria sta affrontando i problemi di approvvigionamento meglio di altri paesi, anche grazie alle esportazioni forti e diversificate. Inoltre, il futuro sembra luminoso, poiché l’Italia ora riceve molti soldi dal Fondo europeo per la ripresa della corona.

L’economia italiana è uscita dalla pandemia relativamente indenne, superando persino l’economia dell’eurozona. Quest’ultimo è cresciuto del 5,2% nel 2021, un numero davvero buono. L’Italia va ancora oltre, con una crescita del 6,5 per cento. Si stima che la produzione italiana tornerà ai livelli pre-pandemia in questo trimestre. Buona anche la fiducia dei consumatori e l’industria sta affrontando i problemi di approvvigionamento meglio di altri paesi, anche grazie alle esportazioni forti e diversificate. Inoltre, il futuro sembra luminoso, poiché l’Italia ora riceve molti soldi dal Fondo europeo per la ripresa della corona. La migliore notizia per l’economia italiana è arrivata alla fine del mese scorso. Mario Draghi, primo ministro italiano dal febbraio 2021, non si trasferirà alla presidenza. Questo sembra scritto nelle stelle, ma è stato contato al di fuori dell’incomparabile politica italiana. L’anziano Sergio Mattarella resta presidente suo malgrado. Draghi tra tutti ha fatto il massaggio politico, tanto che il Parlamento ha votato a stragrande maggioranza per riconfermare Matarella. È un simbolo del potere di Draghi, l’ex capo della Banca centrale europea, che nel 2012 con poche parole – “qualunque cosa serva” – ha tenuto in vita l’euro. Tuttavia, per rimettere in carreggiata l’economia italiana non bastano le parole. L’Italia potrebbe essersi ripresa dalla crisi del Corona, ma non sta recuperando la stagnazione decennale. La prosperità pro capite non è aumentata in vent’anni. Tra il 2000 e il 2019 il PIL pro capite è rimasto intorno ai 27.000 euro. Nell’eurozona è passato da 26.500 euro a 31mila euro nello stesso periodo, e in Belgio da 30mila euro a 36mila euro. La produttività è rallentata dagli anni ’70 e il rapido invecchiamento della popolazione sta influenzando la crescita. Il tasso di dipendenza in Italia (il numero di persone con più di 65 anni rispetto al numero di persone di età compresa tra 15 e 64 anni) è uno dei più alti d’Europa con il 36,4 per cento. “Ci vuole tempo per invertire la tendenza e Draghi non ha avuto quel tempo”, ha affermato Lorenzo Codogno, presidente di LC Macro Advisers, una società di consulenza macroeconomica con sede a Londra. “Le prossime elezioni sono tra un anno. Ciò significa che la politica italiana entrerà in modalità campagna elettorale tra sei mesi. Per ottenere i miliardi di euro, Draghi dovrà spingere le riforme in Parlamento. Visti i partiti deboli della coalizione, ci riuscirà”. Il problema è un altro, bisogna anche attuare le riforme approvate, e per questo servono più di sei mesi, soprattutto in Italia, ad esempio, lo Stato ha già approvato due grandi riforme della pubblica amministrazione, la seconda risale a sei anni . Non è stato ancora messo in pratica. Perché dopo il voto salirà al potere un nuovo governo con priorità diverse. Ancora una volta, c’è il rischio di lasciare sulla carta molte iniziative. Perché nessuno sa come sarà il prossimo governo”. L’ambizione dell’attuale governo è comunque grande. Per rendere l’Italia più produttiva e business friendly, riforma del complesso sistema fiscale e riforma globale del sistema previdenziale La previdenza sociale è tra le più inefficaci e inefficaci dell’Europa della Fiera, secondo Lorenzo Codogno: “Ad esempio, i sussidi di disoccupazione in Italia dipendono dalla regione e dal settore economico, il che è strano per un paese sviluppato”. i lavori per migliorare le performance di mercato e gli appalti pubblici. Una macchinosa riforma del sistema giudiziario attende l’attuazione delle decisioni. “Il lavoro tecnico è fatto”, dice Codogno. “Ora tocca alla volontà politica. Potrebbe andar bene”. Bernardo Bertoldi, professore di Strategia d’impresa all’Università di Torino, ha dichiarato: “Il governo Draghi ha dimostrato di essere finora stabile, per la prima volta nella storia. , la politica italiana ha elaborato un elenco ben definito di riforme”. Anche il mondo degli affari ha mostrato il suo lato positivo durante la crisi del Corona: “Le piccole imprese hanno avuto qualche difficoltà ad adattarsi al nuovo mondo degli affari”, afferma Bertoldi. Regole Corona e restrizioni associate. “Ma spesso le grandi aziende familiari escono più forti dalla pandemia, facendo rifornimento ed esportando di più. Le aziende più grandi hanno mantenuto in funzione le catene di approvvigionamento aiutando i propri fornitori – per lo più piccole imprese – ad esempio fornendo una comunicazione chiara sulla loro pianificazione della produzione nei mesi Corona ha rafforzato le relazioni tra le aziende nelle filiere italiane Corona non cambierà molto per quanto riguarda il problema fondamentale che deve affrontare il business italiano: l’allargamento del divario tra un gruppo di aziende innovative, spesso di medie dimensioni, che competono nel mercato globale, e un gruppo più ampio di aziende più piccole e pensionati sottoproduttivi. Il predominio economico di quest’ultimo gruppo fa sì che la produttività italiana stia rallentando da anni. Ciò non significa che tutto sia rimasto uguale. “Nelle crisi gli italiani sono sempre al meglio”, dice Bertoldi. “Il cambio lavorare da casa è stato incredibilmente veloce e ha avuto conseguenze produttive. Un incontro di lavoro in Italia iniziava con 10 minuti di ritardo, seguiti da 5 minuti di chiacchiere. Insieme, sono 15 minuti, che è un tempo molto lungo. Ora eseguono lo zoom incrociato, le riunioni iniziano in tempo. L’economia potrebbe guadagnare milioni di minuti di lavoro. E poi non dirò nulla sulle conversazioni perse nella macchina del caffè. Gli italiani ora stanno lavorando con più attenzione. Se aumenterà così tanto la produttività, non lo so, ma per gli standard italiani un leggero aumento è già un enorme successo”.

READ  Wijndal talk topic in Italia: Juventus ancora in piedi, Ajax 'continuerà'

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24