Una ragazza (17 anni) salvata da una barca ferma e altri 56 morti: ‘fossa comune in mare’

Gli operatori umanitari dell’aeronautica militare spagnola hanno salvato i tre sopravvissuti, tra cui la diciassettenne Aisha, dalla barca alla fine di aprile. A quel punto erano già rimasti in alto mare per 22 giorni. L’aiuto è arrivato troppo tardi per dozzine di altri membri dell’equipaggio.

“La peggiore catastrofe migratoria nella storia delle Isole Canarie”, La BBC chiama l’incidente Che è avvenuto a circa 500 chilometri a sud dell’isola di Viru.

I migranti hanno tentato di raggiungere l’Europa in barca dalla Mauritania, ma le persone sulla nave erano ancora senza acqua potabile e cibo dopo soli due giorni. Dopo altri due giorni, a peggiorare le cose, rimasero senza carburante anche loro. Da allora la barca ondeggia sul mare. È stata l’aeronautica militare spagnola a dare l’allarme mentre era di pattuglia quando hanno visto la barca.

Fossa comune

“Una volta che ci siamo avvicinati, ci siamo resi conto che era completamente sbagliato”, dice uno dei primi soccorritori sul luogo dell’incidente. “In quel momento tutto ti passa per la testa. Era una fossa comune in mare.”

Quando Aisha ha visto i soccorritori disidratati e gravemente indeboliti, è scoppiata in lacrime. Ha detto alla BBC:

L’incidente ha lasciato una profonda impressione sui servizi di emergenza. Qualcuno dice: “Non è possibile essere preparati a tali incidenti”.

Aisha sta andando bene in queste condizioni. Sono rimasta in ospedale per dieci giorni e sono guarita fisicamente. Aisha attualmente vive con una famiglia affidataria.

READ  L'Ucraina continua i preparativi per esportare grano nonostante l'attacco missilistico a Odessa | Attualmente

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24