Urano è solo una palla blu liscia e noiosa? Queste splendide nuove foto di Webb dimostrano il contrario

Le nuove immagini mostrano un mondo dinamico pieno di anelli, lune, tempeste e altre affascinanti caratteristiche atmosferiche.

Quando la navicella spaziale Voyager 2 volò vicino a Urano nel 1986, il pianeta sembrò a prima vista una palla blu solida, quasi liscia. Ma questa vecchia percezione di Urano è stata completamente confutata dalle nuove e impressionanti immagini scattate dal telescopio spaziale James Webb. Invece di un aspetto opaco e liscio, Urano ora si rivela come uno straordinario gigante di ghiaccio nei minimi dettagli. Ciò dimostra che questo lontano pianeta è in realtà più dinamico e interessante di quanto si pensasse in precedenza.

Maggiori informazioni su Urano
Urano, il settimo pianeta del nostro sistema solare, si distingue come un esemplare insolito. A differenza di tutti gli altri pianeti del nostro sistema solare, Urano ruota quasi perfettamente su un fianco, in modo simile a un maiale che ruota allo spiedo. Questa tendenza unica si traduce in stagioni estreme, in cui i poli del pianeta sono esposti alla luce solare continua per molti anni consecutivi, seguiti da un uguale numero di anni di completa oscurità. Le stagioni su Urano sono molto lente, perché Urano impiega 84 anni per completare un’orbita attorno al Sole. A causa della composizione chimica del suo interno, il pianeta è classificato come un gigante di ghiaccio. Si ritiene che la maggior parte della sua massa sia costituita da materiali “ghiacciati” come acqua, metano e ammoniaca, che circondano un piccolo nucleo roccioso.

Recentemente, il telescopio James Webb della NASA ha messo gli occhi su Urano, un gigante di ghiaccio insolito e misterioso situato nelle zone esterne del nostro sistema solare. Questo telescopio è molto potente nel rilevare la luce infrarossa. Grazie alla risoluzione infrarossa senza precedenti di Webb, ora abbiamo un’immagine sorprendentemente chiara di questo pianeta ancora misterioso.

READ  Diablo Immortal verrà lanciato il 2 giugno per Android, iOS e come versione beta per PC - Giochi - Novità

le immagini
Potete ammirare le foto qui sotto. Le immagini mostrano anelli, lune, tempeste e altre caratteristiche atmosferiche, inclusa la calotta polare stagionale.

Questa immagine di Urano mostra la calotta polare nord stagionale e i deboli anelli interno ed esterno. In questa immagine web sono visibili anche 9 delle 27 lune del pianeta (alle 14:00). Immagine: NASA, ESA, CSA, STScI

Anelli
Spiccano innanzitutto i meravigliosi anelli di Urano. Grazie alla straordinaria sensibilità di Webb, siamo riusciti a catturare in dettaglio anche i deboli anelli interni ed esterni di Urano. La cosa più interessante è senza dubbio l’inafferrabile anello Zeta, l’anello molto debole e nebuloso più vicino al pianeta.

Criniera
Inoltre, Webb ha catturato anche molte delle 27 lune conosciute del pianeta e persino alcune piccole lune all’interno degli anelli (clicca per ingrandire).

Illustrazione grandangolare di Urano, che mostra alcune delle sue 27 lune e alcune stelle importanti. Immagine: NASA, ESA, CSA, STScI

Tempeste
Molte tempeste luminose possono essere viste nelle vicinanze e sotto il confine meridionale della calotta polare di Urano. La frequenza e la posizione di queste tempeste nell’atmosfera di Urano sembrano essere influenzate da fattori stagionali e meteorologici.

Cappello polare
Un’altra caratteristica degna di nota è la calotta artica stagionale del pianeta. Nelle recenti immagini di Urano, alcuni dettagli della calotta polare nord stagionale sono ora più chiaramente visibili rispetto alle precedenti immagini Webb scattate all’inizio di quest’anno. Questi includono la calotta interna bianca brillante e la fascia scura nella parte inferiore della calotta polare, verso le latitudini inferiori.

Poiché Urano ruota su un fianco con un’inclinazione di circa 98 gradi, vive le stagioni più estreme del nostro sistema solare. Per quasi un quarto di ogni anno su Urano, un polo riceve luce solare continua, mentre l’altra metà del pianeta è immersa in un lungo inverno buio di 21 anni.

Poiché Urano è girato su un fianco (vedi riquadro), la calotta polare appare più prominente quando il polo punta verso il sole e riceve più luce solare. Questa fase è nota come inversione. Urano raggiungerà il suo prossimo solstizio nel 2028 e gli astronomi attendono con impazienza possibili cambiamenti nella struttura di queste caratteristiche. Pertanto, Webb svolgerà un ruolo importante nello svelare gli effetti dei fattori stagionali e atmosferici sulle tempeste di Urano. Questo è di grande importanza perché aiuterà gli astronomi a capire esattamente come funziona la complessa atmosfera del pianeta.

READ  Puoi semplicemente acquistare i jeans super larghi C&A

Nel complesso, le nuove immagini forniscono nuove preziose informazioni sull’ancora misterioso Urano. Queste osservazioni dettagliate, in particolare del vicino anello Zeta, saranno di grande valore nella preparazione e nella pianificazione delle future missioni su Urano. Ma non solo. Lo studio di questo gigante di ghiaccio potrebbe fornire agli astronomi informazioni dettagliate sulla formazione e sui fenomeni atmosferici di pianeti di dimensioni simili in altri sistemi solari. Questa conoscenza può, a sua volta, approfondire la nostra comprensione del nostro sistema solare nel suo complesso collocandolo in una prospettiva cosmica più ampia.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24