Van der Burgh: Cresce la pressione sull’Italia per registrare i richiedenti asilo

I prodotti dell’ANP | Fonte: AP

Bruxelles

Sta aumentando la pressione sui paesi dell’UE affinché smettano di inviare così tanti richiedenti asilo nei Paesi Bassi senza registrarli, afferma ad esempio il segretario di Stato Erik van der Burgh (Asylum). Ecco perché spera ancora di “arrivare a un buon accordo” il mese prossimo. Ciò era ancora improbabile durante le consultazioni con i suoi omologhi dell’UE venerdì sera.

All’inizio della giornata, van der Burgh ha notato che c’è stato un forte sostegno in altri paesi dell’UE per una maggiore sorveglianza alle frontiere esterne dell’Europa per controllare l’afflusso di richiedenti asilo. Questa è una delle cose che i Paesi Bassi stanno spingendo per garantire un flusso regolare di richiedenti asilo verso l’Europa. Per molti anni questo non è stato possibile perché i paesi dell’UE non riuscivano a mettersi d’accordo sulla distribuzione del carico.

Le consultazioni si sono svolte venerdì mentre Italia e Francia si sono nuovamente scontrate sulla gestione di una nave di salvataggio piena di migranti. L’Italia e altri paesi confinanti con l’UE, soprattutto quelli settentrionali, ritengono di prendere troppo pochi richiedenti asilo da loro, ad esempio bloccando le navi di aiuti con barconi di profughi dai loro porti. Ma van der Burgh dice che l’Italia deve capire che ha davvero bisogno di aiutarli. L’Italia non ha promesso a parole, ma “non ha nemmeno smentito”, dice il suo collega ceco, che ha presieduto l’incontro.

Nuovo piano d’azione

Tutti i ministri della migrazione hanno approvato il nuovo piano d’azione della Commissione europea. Ma gli esperti dicono che contiene poche novità. Si incontreranno di nuovo tra due settimane e poi dovrebbero esserci nuove raccomandazioni dal panel. Si aspetta qualcosa da esso, perché anche gli Stati membri stanno facendo pressioni sul gruppo, ed “è notevole quanto sia stato stretto”.

Nel frattempo, i Paesi Bassi non stanno pensando di accogliere l’Italia e Co., ad esempio, accogliendo richiedenti asilo da questi paesi. “In primo luogo, i paesi devono rispettare i loro accordi e dobbiamo fare in modo che li rispettino effettivamente”. E “non è possibile fino a quando non ci saranno troppe persone da gestire nei Paesi Bassi”, afferma van der Burg.

READ  Aumenta il numero dei contagi da corona in Italia a causa delle feste dei campionati europei

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24