Vita all'estero a Nijmegen: Giulia, Italia

Nella serie “Expat Life in Nijmegen”, gli espatriati parlano della loro vita nella città più antica dei Paesi Bassi. Come sono arrivati ​​qui? Cosa fanno qui nella loro vita quotidiana e cosa pensano della città e dei suoi dintorni?

Ecco la storia della Giulia dall'Italia…

“Dopo il master in Italia, volevo lasciare il Paese e costruire un futuro altrove. Per questo ho cercato opportunità di specializzarmi ulteriormente e ho conseguito un master in geografia umana presso la Radboud University.

Ora mi sono laureato e lavoro a Nijmegen. Oltre al mio lavoro, scrivo per la rivista Rafia E collaboro con COC Netherlands, una ONG che lavora con i richiedenti asilo LGBTQ+, organizzando workshop e dibattiti, nonché incontri informativi sui diritti umani e sui diritti delle minoranze sessuali.

Alcuni olandesi potrebbero dire che Nijmegen non è molto internazionale, ma come internazionale penso che ci sia una bolla internazionale e ci siano molte attività sociali in corso. Penso anche che Nijmegen sia una città interessante dal punto di vista politico. È una delle città più di sinistra e anarchiche dei Paesi Bassi. Per questo ho voluto restare qui, perché la zona mi attira molto.

Naturalmente, a livello internazionale ci sono molti shock culturali minori. Tuttavia, ciò che ammiro dei Paesi Bassi è la cultura del lavoro. Anche i giovani delle scuole superiori spesso lavorano. Si potrebbe pensare che in un paese ricco come i Paesi Bassi le persone non siano costrette a lavorare fin dalla giovane età, ma è vero il contrario. Considerano il lavoro come uno dei valori fondamentali della loro cultura, il che è stato molto sorprendente e qualcosa che ammiro di quella cultura.

READ  Scopri le tendenze del vino italiano 2021

Ciò con cui lotto, tuttavia, è il livello di integrazione che sono disposto ad accettare per me stesso. I Paesi Bassi vengono spesso descritti come un paese molto anglo-friendly, ed è vero. È un paese molto internazionale. Ma allo stesso tempo scoprirai che senza l’olandese avrai molte limitazioni nel mercato del lavoro e nella tua vita sociale.

Ritengo che non ci si aspetta che molti studenti e personale internazionali imparino l'olandese. Ma hanno scoperto che potrebbe essere un problema. Ho imparato l'olandese fin dall'inizio, ma lo avrei apprezzato se l'importanza di conoscere l'olandese fosse stata chiara in anticipo.”

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24