World Central Kitchen sospende la cucina dopo la morte dei suoi dipendenti a Gaza: “Catastrofico”

Secondo Naghtzam, la situazione a Gaza diventerà più pericolosa ora che la WCK ha smesso di fornire assistenza.

“Si tratta di un nuovo colpo all'approvvigionamento alimentare e la situazione era già disastrosa. Il fatto che la WCK sia riluttante a continuare avrà un impatto anche su altre organizzazioni umanitarie. Il bisogno è enorme”.

Scala catastrofica

“Due milioni di persone soffrono la fame su scala catastrofica. C'è pochissimo cibo e, se ce n'è, viene immagazzinato al confine o a Cipro. Il controllo delle frontiere da parte dell'esercito israeliano è molto severo, con indagini approfondite in corso verificare se lo è”. Tra i carichi non c'è materiale di Hamas. Anche se passano i camion di cibo, ci sono ancora molti posti di blocco all’interno di Gaza. “Oltre a questo, c’è anche il saccheggio delle carovane, quindi il cibo spesso non finisce nei posti giusti”.

Nagtzam ha detto che gli operatori umanitari morti provenivano da un magazzino della WCK che immagazzina cibo portato da Cipro a Gaza.

Personalità WCK

“Tre veicoli sono stati attaccati mentre si dirigevano a sud in convoglio lungo la strada costiera. Due dei tre veicoli erano chiaramente contrassegnati con le etichette WCK, mentre l'altro veicolo no. Trasportavano passeggeri, non veniva trasportato cibo e il WCK personale è stato ucciso perché facevano parte di una squadra di volontari che coordinava i compiti.

Nagtzam dice di essere molto colpito dal lavoro della WCK a Gaza. “È un'organizzazione umanitaria fondata dallo chef ispano-americano José Andrés che fa le cose in modo un po' diverso dalle altre. Li ho visti lavorare anche in Ucraina, e dopo il terribile terremoto in Turchia. E nei luoghi più colpiti, fanno quello che loro fanno.” “Fai quello che sai fare meglio: cucinare i pasti, che è ciò di cui spesso hanno bisogno le persone che vivono in zone disastrate o di guerra”.

READ  Sviluppo unico in Irlanda del Nord: il cattolico Sinn Fein vince le elezioni

Risposta standard

L'esercito israeliano ha espresso “sincera condoglianza” per l'uccisione dei sette operatori umanitari. Daniel Hagari, portavoce militare capo di Israele, ha detto che l'incidente è stato “valutato al più alto livello”. Ha aggiunto che sarà aperta un'indagine indipendente, “che ci aiuterà a ridurre il rischio che un simile evento si ripeta”.

Risposta standard, secondo Nagzam. Ha aggiunto: “In tali incidenti, l'esercito israeliano dice sempre che verrà condotta un'indagine. Ma non si assume alcuna responsabilità”.

Più tardi, lo stesso giorno, il primo ministro Benjamin Netanyahu ha annunciato che l'esercito israeliano aveva “ferito involontariamente persone innocenti a Gaza”.

Gli operatori umanitari provenivano da Australia, Polonia, Regno Unito e Territori palestinesi. Una delle vittime aveva la doppia cittadinanza americana e canadese.

Critica internazionale

L'attacco è stato criticato in tutto il mondo. Ad esempio, il ministro degli Esteri britannico Cameron ha descritto la notizia dell’uccisione degli operatori umanitari come “terribile”: “Sembra che siano stati uccisi cittadini britannici e stiamo facendo tutto il possibile per verificare queste informazioni”. Cameron ritiene necessario proteggere gli operatori umanitari: “Abbiamo chiesto a Israele di indagare immediatamente sull'incidente”.

Anche Polonia e Spagna hanno chiesto a Israele di chiarire cosa sia successo esattamente. Anche la reazione degli Stati Uniti è stata scioccante e il capo della politica estera dell’UE Josep Borrell ha chiesto un’indagine.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24