Home Cronaca locale Casalnuovo di Napoli: agguato mortale, uccisi madre e figlio

Casalnuovo di Napoli: agguato mortale, uccisi madre e figlio

282
SHARE
Casalnuovo di Napoli

Orrore a Casalnuovo di Napoli: in un agguato mortale, sono stati uccisi madre e figlio mentre erano in auto, nei pressi della loro abitazione.

Una vera e propria esecuzione è sta messa in atto, ieri, a Casalnuovo di Napoli, dove una donna di 55 anni, Immacolata De Rosa assieme al figlio di 34, esponente vicino, della criminalità del posto, sono stati barbaramente assassinati dai killer, mentre si trovavano in macchina, nei pressi della loro abitazione.

Il giovane, tale Clemente Palumbo, che risultava  già noto alle forze dell’ordine, è stato ferito con 4 colpi d’arma da fuoco ed è stato trasportato, d’urgenza, all’ospedale  Cardarelli, a Napoli in gravissime condizioni. Dopo essere stato sottoposto ad un intervento chirurgico, nel tentativo di salvarlo, il trentaquattrenne è morto poco dopo, a causa delle ferite molto profonde riportate  al viso, al collo ed al torace.

L’agguato mortale si è consumato, proprio davanti alla casa delle due vittime, a Casalnuovo di Napoli, provincia ad est del capoluogo campano. Nessuno ha chiamato i soccorsi e le forze dell’ordine. Per puro caso, una volante dei carabinieri in regolare svolgimento delle sue funzioni si è trovata a passare sul posto dell’agguato ed ha scoperto l’auto, con i finestrini rotti e le due persone a bordo, la donna senza vita ed il giovane ancora agonizzante. Non risultano esserci dei testimoni.

La triste vicenda è ancora tutta da chiarire, gli inquirenti sono al lavoro per far luce sul duplice omicidio, legato probabilmente  alla malavita. Clemente Palumbo, con  un passato nel mondo della droga, era molto vicino alla criminalità locale e forse è stato punito per qualche sgarro ed a pagarne le conseguenze, anche la madre, completamente estranea ai fatti.

Madre e figlio vivevano a Casalnuovo di Napoli, in via Cesarea ed al momento dell’agguato si erano appena scesi da casa e si erano  messi in macchina, quando sono stati avvicinati probabilmente da due sicari, i quali, subito dopo fanno fuoco contro il Palumbo, che era alla guida ed è stato bersagliato da proiettili esplosi dai killer.Per la donna un solo colpo le è stato fatale. Il giovane, invece come detto non è morto subito.

Per la cronaca Clemente Palumbo gestiva un’azienda che lavora nell’indotto dell’edilizia. Al momento le indagini del caso sono state affidate al nucleo investigativo dei Carabinieri della stazione di Castello di Cisterna.

Rispondi